Bomilcare (ammiraglio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bomilcare (III secolo a.C. – ...) è stato un ammiraglio cartaginese.

Combatté durante la Seconda guerra punica, che vedeva Cartagine battersi contro Roma per il controllo del Mar Mediterraneo. Fu presente alla Battaglia di Canne[1]. Bomilcare fu al comando della flotta cartaginese durante l'Assedio di Siracusa. Nel 214 a.C., fu inviato con 55 navi in aiuto di Siracusa, poi assediata dai Romani, ma, trovandosi incapace di far fronte alla superiorità del nemico, si ritirò in Africa[2]. Due anni dopo, è inviato ancora a Siracusa con 100 navi.[3] A seguito di una pestilenza morirono Ippocrate e Imilcone, allora Bomilcare tornò a Cartagine per sollecitare degli aiuti. Gli vennero concesse 130 navi. Ma la flotta di Marcello, superiore di cento unità, lo fecero desistere da voler raggiungere Siracusa. La flotta cartaginese riparò verso Taranto che era sotto il controllo punico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Liv. xxiii. 13, 41
  2. ^ Liv. xxiv. 36.
  3. ^ Liv. xxv. 25.