Battaglia di Ascoli (209 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Ascoli
Percorso di Annibale durante la seconda guerra punica
Percorso di Annibale durante la seconda guerra punica
Data 209 a.C.
Luogo Ascoli Satriano - Italia
Esito Incerto
Schieramenti
Comandanti
Perdite
5.700 uccisi 8.000 uccisi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Ascoli fu combattuta nel 209 a.C. fra l'esercito cartaginese di Annibale e quello romano di Marco Claudio Marcello.

Mentre la battaglia di per sé non ebbe esito decisivo, l'esercito di Marcello si ritirò in Campania e rimase inattivo per il resto dell'estate, consentendo all'esercito cartaginese di attraversare l'Italia meridionale. Questa mancanza di azione sollecitò i nemici di Marcello, che chiesero la sua deposizione dal comando. Nonostante questo Marcello fu eletto console per l'anno successivo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tito Livio, XXVII, 20-21