Battaglia di Ascoli (209 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Ascoli
Percorso di Annibale durante la Seconda guerra romano-punica
Percorso di Annibale durante la Seconda guerra romano-punica
Data 209 a.C.
Luogo Ascoli Satriano - Italia
Esito Incerto
Schieramenti
Comandanti
Perdite
5.700 uccisi 8.000 uccisi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Ascoli fu combattuta nel 209 a.C. fra l'esercito cartaginese di Annibale e quello romano di Marco Claudio Marcello.

Mentre la battaglia di per sé non ebbe esito decisivo, l'esercito di Marcello si ritirò in Campania e rimase inattivo per il resto dell'estate, consentendo all'esercito cartaginese di attraversare l'Italia meridionale. Questa mancanza di azione sollecitò i nemici di Marcello, che chiesero la sua deposizione dal comando. Nonostante questo Marcello fu eletto console per l'anno successivo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tito Livio, XXVII, 20-21