Zebre Rugby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zebre Rugby Club S.S.D. ar.l.
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Logo Zebre Rugby.png
Le zebre
Il XV del Nord-ovest
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Colori 600px horizontal pentasection Black White.svg Bianco · nero
Simboli Zebra
Dati societari
Area Italia nord-occidentale
Paese Italia Italia
Sede via San Leonardo, 110/A
I-43122 Parma
Federazione Flag of Italy.svg FIR
Campionato Pro14
Fondazione 1973
Scioglimento 1997
Rifondazione 2012
Direttore Italia Andrea Dalledonne
Allenatore Irlanda Michael Bradley
Palmarès
Stadio
Parma stadio Lanfranchi panoramica tribune Sud e Ovest.JPG
Vista panoramica dello stadio
stadio Sergio Lanfranchi
loc. Moletolo, Parma
(5 000 posti)
Informazioni aggiornate al 28 settembre 2018

Le Zebre Rugby Club, comunemente dette le zebre[1][2], sono una franchigia federale italiana di rugby a 15 con sede a Parma istituita nel 2012. Partecipa da tale data al Pro14, campionato interconfederale tra franchise gallesi, irlandesi, scozzesi, sudafricane e italiane, disputando i propri incontri interni allo stadio Sergio Lanfranchi di Parma.

La franchigia è di proprietà della Federazione Italiana Rugby ed è una delle due compagini, insieme alla Benetton Treviso, che rappresenta l'Italia, oltre che nel Pro14, anche nelle competizioni per club organizzate dall'European Professional Club Rugby, l'European Rugby Champions Cup e l'European Rugby Challenge Cup direttamente nel loro tabellone principale.

Alla franchigia sono affiliati diversi club provenienti dall'Emilia-Romagna e dall'Italia nord-occidentale (Piemonte, Lombardia e Liguria), oltre alla Provincia di Massa-Carrara. Tra i club membri si possono annoverare nomi storici come Parma, Bologna, Amatori Parma, Piacenza, Lyons, Reggio Emilia ed altri.

Franchigia territoriale[modifica | modifica wikitesto]

Le Zebre vengono spesso indicate come il XV del Nord-ovest italiano, in rappresentanza dei quattro comitati dell'area: Emilia-Romagna, Liguria, Lombardia e Piemonte che annoverano migliaia di tesserati e decine di società. Tra gli obiettivi della franchigia al momento della fondazione, vi erano quelli di rappresentare in ambito internazionale il movimento rugbistico di tale territorio e creare dei progetti finalizzati allo sviluppo di tale movimento.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le Zebre furono un club ad inviti di rugby a 15 composto dai migliori giocatori del massimo campionato italiano che svolse la propria attività agonistica in particolar modo nell'Italia nord-occidentale. Altre selezioni nate in Italia furono I Dogi nel Triveneto e I Lupi nell'Italia Centrale e Meridionale.

Il nome venne scelto perché all'esordio la selezione si presentò in campo con le maglie a righe orizzontali bianco-nere in stile Barbarians.

Nacquero nel 1973 per opera di Marco Bollesan affrontando squadre di diverso valore comprese alcune nazionali in tour. La partita di esordio si disputò quello stesso anno al Giurati di Milano in un test non ufficiale contro la formazione australiana del Randwick Sydney, vinto da questi ultimi per 21-50. In 23 anni disputarono 25 incontri contro club internazionali di prestigio ottenendo un alto numero di vittorie. Memorabile la vittoria contro i Barbarians a Brescia, per 48-38, nel 1997.[4] Dal 1997 il club cessò ogni attività.

Nel 2012 la Federazione Italiana Rugby decise di nominare così la franchigia federale in onore di quella che viene definita la prima vera franchigia di rugby italiana.

La squadra esordì nel campionato della stagione 2012-13 nella prima gara ufficiale disputata il 31 agosto 2012 con il primo turno di Pro12, nel quale le Zebre persero per 37-6 in trasferta in Galles contro i Newport Gwent Dragons. Ventidue le sfide del campionato celtico che portarono 10 punti in classifica, frutto di 9 punti di bonus difensivo (uguagliato il record degli Ospreys 2007-08) e di 1 punto di bonus per le 4 mete realizzate nella sfida casalinga contro l'Ulster Rugby a Novembre conclusa 25-27. Bonus difensivi arrivarono anche in trasferta, come a Glasgow, a Swansea contro i campioni in carica degli Ospreys ed a Galway contro il Connacht. Zero le vittorie come era successo alla franchigia gallese di Caerphilly nelle stagioni 2001-02 e 2002-03 di Celtic League, quando il campionato era formato da 16 squadre suddivise in due gironi da 8. Poche le soddisfazioni anche nella Pool 3 di Heineken Cup, conclusa con sei sconfitte ed un punto di bonus difensivo in classifica ottenuto in trasferta contro il Connacht Rugby nella sfida conclusiva del girone, che annoverava anche i campioni in carica del campionato inglese Harlequin Football Club e i detentori della Amlin Challenge Cup del Biarritz Olympique Pays Basque. Nel campionato successivo la stagione ufficiale iniziò con due sconfitte in altrettante partite contro squadre irlandesi, 25-16 contro il Connacht e 43-21 contro Munster.

La stagione successiva nel Pro12 2013-2014 si conclude con 5 vittorie e 2 pareggi, il 20 settembre 2013, allo stadio Arms Park di Cardiff, la franchigia federale ottenne la prima vittoria di sempre in gare ufficiali battendo 30-25 i gallesi del Cardiff Blues. Importante la vittoria nel derby d'Italia nella seconda sfida contro Benetton Treviso. Meno convincente la stagione 2014-15 conclusa con sole 3 vittorie. In Challenge Cup il girone si conclude al terzo posto con 2 vittorie su Brive.

La stagione 2015-2016 si rivela ricca di soddisfazioni per la franchigia federale: nel Pro12 2015-2016 per la prima volta si chiude superando in classifica i rivali della Benetton Treviso e soprattutto vincendo i due derby d'Italia. In Challenge Cup si sfiora la qualificazione ai quarti, il secondo posto nel girone rimane il miglior risultato in Europa per i ducali. Nel Pro12 2016-2017 si segnala la prima storica vittoria fuori casa a Murrayfield ai danni dell'Edinburgh Rugby. Dopo tre anni Victor Jimenez lascia la guida tecnica del club.

A luglio 2017 la proprietà della franchigia diventa interamente federale e viene ricomposto tutto lo staff tecnico a partire dal nuovo allenatore Michael Bradley. Il nuovo Pro14 vede i ducali assegnati al girone A. Dopo un inizio non molto entusiasmante arrivano due vittorie consecutive contro Southern Kings e Ulster Rugby. Nonostante il bel gioco espresso, prerogativa di coach Bradley, arrivano solo sconfitte e nel doppio confronto di fine anno nel derby italiano vede le Zebre soccombere contro Treviso. A febbraio arriva la prima storica vittoria in terra di smeraldo contro Connacht Rugby e in aprile in un Stadio Tommaso Fattori pieno (quasi 6000 spettatori all'Aquila) le Zebre battono Newport Gwent Dragons e superano il record di sei vittorie stagionali. Nell'ultima giornata di regular season si conclude con la vittoria nel terzo derby stagionale per 17-22 a Monigo e nuovo record di 7 vittorie.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria delle Zebre Rugby Club
  • 1973 · Fondazione de Le Zebre come selezione nazionale del Nord-Ovest.
  • 1973—1997 · Regolare attività: 25 partite disputate contro club e selezioni internazionali.
  • 2012 · Istituzione della franchigia delle Zebre a gestione federale con sede a Parma.
  • 2012-13 · 12ª in Pro12
Fase a gironi di Heineken Cup
Fase a gironi di Heineken Cup
  • 2014 · Durante l'estate cambio denominazione in Zebre Rugby.
  • 2014-15 · 12ª in Pro12
Fase a gironi di European Rugby Challenge Cup
  • 2015 · Direzione società in mano a privati col sostegno della FIR.
  • 2015-16 · 11ª in Pro12
Fase a gironi di European Rugby Challenge Cup
Fase a gironi di European Rugby Champions Cup
  • 2017 · Direzione della franchigia torna totalmente sotto la FIR che costituisce una nuova società Zebre Rugby Club.
  • 2017-18 · 7ª in Pro14 Conference A
Fase a gironi di European Rugby Challenge Cup
Partecipa all' European Rugby Challenge Cup

Rosa attuale (2018-19)[modifica | modifica wikitesto]

Avanti
PL Australia  Cruze Ah-Nau
PL Argentina  Eduardo Bello
PL Italia  Dario Chistolini
PL Italia  Daniele Rimpelli
PL Italia  Andrea Lovotti
PL Italia  Sami Panico
PL Italia  Roberto Tenga
PL Italia  Giosuè Zilocchi
TL Italia  Massimo Ceciliani
TL Italia  Oliviero Fabiani
TL Italia  Luhandré Luus
SL Italia  Samuele Ortis
SL Italia  George Fabio Biagi
SL Italia  Leonard Krumov
SL Figi  Apisai Tauyavuca
FL Italia  Renato Giammarioli
FL Italia  Giovanni Licata
FL Italia  Maxime Mbanda
FL Sudafrica  Johan Meyer
FL Tonga  Matu Tevi
N8 Inghilterra  Dave Sisi
N8 Nuova Zelanda  Jimmy Tuivaiti
Tre quarti
MM Italia  Guglielmo Palazzani
MM Italia  Riccardo Raffaele
MM Italia  Marcello Violi
MA Italia  Maicol Azzolini
MA Sudafrica  Francois Brummer
MA Italia  Carlo Canna
CE Italia  Tommaso Boni
CE Italia  Giulio Bisegni
CE Italia  Tommaso Castello (c)
CE Argentina  Nicolas de Battista
TQ Figi  Paula Balekana
TQ Italia  Mattia Bellini
TQ Italia  Gabriele Di Giulio
TQ Italia  Giovanbattista Venditti
ES Italia  Matteo Minozzi
ES Italia  Edoardo Padovani
Staff tecnico
Allenatore: Irlanda Michael Bradley
All. avanti: Italia Carlo Orlandi
All. tre quarti: Italia Alessandro Troncon
Strategia: Italia Niccolò Gaetaniello
Team manager: Italia Andrea De Rossi
Prep. atl.: Inghilterra Pete Atkinson
Italia Giovanni Biondi


Permit player[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito elencati i permit player scelti per la stagione 2018-19 dai club di TOP12:

Rose del passato[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Stagioni delle Zebre Rugby

Giocatori di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito elencati i giocatori di rilievo interazionale che hanno vestito la maglia della franchigia:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby