I Dogi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I Dogi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
 
Colori 600px HEX-EE3123 bordered HEX-F6DE14.svg Amaranto · oro
Fondazione 1973
Scioglimento 1993
Federazione Italia FIR
Selezionatore Italia CIV
Esordio
I Dogi 14-9 Leopards[1]
Padova, 18 maggio 1974
Migliore vittoria
I Dogi 42-14 University of Oxford
Padova, 24 settembre 1987
Peggiore sconfitta
I Dogi 3-80 Tolosa
Montebelluna, 14 giugno 1988
Informazioni aggiornate al 21 novembre 2018
Artuso smista il pallone durante Dogi–All Kiwis al Battaglini di Rovigo, 25 marzo 1989

I Dogi furono, dagli anni settanta fino agli anni novanta, una selezione di rugby a 15 che comprendeva i migliori giocatori del Triveneto, area geografica d'Italia nella quale era molto diffuso lo sport del rugby.

La squadra fu fondata il 17 dicembre 1973 a Treviso, e giocò la sua ultima partita il 17 novembre 1993. In vent'anni il club, presieduto da Tino Alessandrini, disputò 22 partite con squadre di livello internazionale, collezionando 15 vittorie. La maglia della selezione era di colore amaranto, con bordi dorati.

Il club fu fondato dai migliori giocatori dei club veneti, un gruppo di amici, nell'entusiasmo dell'idea di formare i Barbarians italiani, una sorta di Nazionale veneta. In principio potevano essere selezionati dal club solo i giocatori italiani nati in Veneto, ma, visto che Pasquale Presutti e Pietro Monfeli erano rispettivamente abruzzesi e laziali, si decise di estendere l'eleggibilità agli italiani che giocavano in un club veneto da almeno tre anni.

Altre selezioni territoriali nate in Italia furono I Lupi nell'Italia centro-meridionale e Le Zebre nell'Italia nord-occidentale.

Nell'aprile del 2015, a Monigo la rappresentativa si è ricostituita rappresentando diversi club del Veneto e del Friuli Venezia Giulia.[2] Al momento non è però prevista una selezione Seniores che scenda in campo con la maglia dei Dogi: a rappresentarne il marchio e i colori vi sono in questa fase le rappresentative Under-14, Under-16 maschile e femminile, Under-18 maschile e femminile gestite dal Comitato Interregionale delle Venezie (CIV). Dovessero intervenire le giuste condizioni, vi è comunque la volontà di poterla mettere in campo, anche se ciò non è al momento prioritario.[3]

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito elencati alcuni dei giocatori internazionali per l'Italia selezionati dai Dogi:

Incontri[modifica | modifica wikitesto]

Padova
18 maggio 1974
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png14 – 9Flag of South Africa (1928–1994).svg Leopards[1]Stadio Silvio Appiani
Arbitro: Italia Zanesco

Padova
18 maggio 1975
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png12 – 6Flag blue HEX-0434B1.svg University of OxfordStadio Silvio Appiani
Arbitro: Italia Zanesco

Padova
25 maggio 1976
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png17 – 14Arlecchino.png Harlequins XVStadio Silvio Appiani

Londra
2 gennaio 1977
Harlequins XV Arlecchino.png9 – 16I DogiTwickenham Stoop Stadium

Treviso
2 giugno 1977
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png12 – 4600px Newport.png NewportStadio di Monigo
Arbitro: Italia Cadamuro

Treviso
1º gennaio 1978
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png26 – 6RichmondStadio di Monigo
Arbitro: Italia Cadamuro

Treviso
2 giugno 1978
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png12 – 14CardiffStadio di Monigo
Arbitro: Italia Cadamuro

Padova
4 giugno 1978
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png20 – 18Rosslyn Park
Arbitro: Italia Pogutz

Montebelluna
14 marzo 1979
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png6 – 23600px horizontal stripes HEX-FF221A Black.svg Cantabrians[4]
Arbitro: Italia Cadamuro

Mestre
7 ottobre 1981
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png19 – 13Flag of France.svg Écu d'Automne[5]

Padova
14 maggio 1982
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png33 – 12Wasps
Arbitro: Italia Borgato

Venezia
1º ottobre 1982
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png12 – 15Leinster
Arbitro: Italia Cadamuro

Montebelluna
23 maggio 1985
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png40 – 21Flag of Wales.svg Welsh Academicals

Rovigo
8 aprile 1986
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png23 – 0Flag of Midi-Pyrénées.svg Comité du Languedoc[6]

Padova
24 settembre 1987
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png42 – 14Flag blue HEX-0434B1.svg University of Oxford

Montebelluna
4 giugno 1988
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png3 – 80Tolosa

Padova
5 ottobre 1988
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png36 – 15600px Azzurro con striscia Nera larga.svg Glamorgan Wanderers

Rovigo
25 marzo 1989
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png16 – 42Flag of New Zealand.svg All Kiwis[7]Stadio Mario Battaglini (3 500 spett.)
Arbitro: Italia Borgato

Treviso
12 ottobre 1989
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png28 – 14Flag of Wales.svg Welsh AcademicalsStadio di Monigo

Treviso
10 aprile 1990
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png32 – 22Flag of New Zealand.svg All Kiwis[7]Stadio di Monigo (2 500 spett.)

Rovigo
10 ottobre 1991
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png23 – 37Flag of Wales.svg Captain Crawshay's[8]Stadio Mario Battaglini
Arbitro: Italia GIacomel

Treviso
17 novembre 1993
I Dogi Giallo e Rosso (Bordato).png23 – 33600px horizontal pentasection Black White.svg Le ZebreStadio di Monigo
Arbitro: Italia Giacomel

Possibile rinascita[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009, a seguito dell'ingresso dell'Italia nella Celtic League dalla stagione 2010-11, si parlò a lungo di una possibile candidatura di una franchigia mista, con Petrarca e Rovigo, denominata “Dogi”, ma tale progetto, nei fatti, non si concretizzò.[9]

Nel giugno del 2010 I Dogi si sono temporaneamente ricostituiti con giocatori provenienti dalla Serie A, affrontando a Pordenone l'Albania XV, una selezione di giocatori albanesi militanti nelle varie serie italiane, e successivamente a L'Aquila, in un triangolare a scopo benefico, contro le formazioni de L'Aquila Rugby e la Rappresentativa Nazionale Vigili del Fuoco di Rugby.[10]

Tra febbraio e marzo del 2014 si è discusso di nuovo sulla possibile costituzione di una franchigia territoriale del Triveneto, denominata “Dogi”, per partecipare nel quadriennio 2014–2018 al Pro12 e alle nuove coppe europee. Soci di questa franchigia dovevano essere i più importanti club professionistici veneti come Benetton Treviso, Rovigo, Petrarca, Mogliano e San Donà. Anche questa volta però tale progetto non si concretizzò a causa di difficoltà organizzative.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Selezione bantu sudafricana, in pieno regime d'apartheid.
  2. ^ I Dogi Ritrovano La Propria Anima Triveneta, su crvenetorugby.it. URL consultato il 13 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2015).
  3. ^ Nasce A Monigo L'Unione Rugby Dogi, su crvenetorugby.it. URL consultato il 13 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2015).
  4. ^ Selezione dei migliori giocatori della regione di Canterbury, nell'Isola del Sud.
  5. ^ Selezione francese.
  6. ^ Selezione delle regioni francesi Linguadoca-Rossiglione e Midi-Pyrénées, nell'antica provincia della Linguadoca.
  7. ^ a b Selezione di giocatori neozelandesi, la maggioranza dei quali tesserati in squadre italiane.
  8. ^ Selezione gallese ad inviti, solitamente un mix di internazionali esperti e giovani promettenti.
  9. ^ Rugby, è battaglia per un posto in Celtic League - Il Sole 24 ORE
  10. ^ L’Aquila per Haiti: al Fattori vince la solidarietà, rugbyuniontimes.com. URL consultato il 25 agosto 2013 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2013).
  11. ^ I Dogi passano la mano: "Non c'è tempo". E indicano Treviso - On Rugby

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Comitato Regionale Veneto, su civrugby.it. URL consultato il 20 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2013).