We Can Work It Out

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
We Can Work It Out/Day Tripper
ArtistaThe Beatles
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1965(UK)
6 dicembre 1965 (USA)
3 gennaio 1966 (ITA)
Durata2:15
Album di provenienzaPast Masters vol. 2
Dischi1
Tracce2
GenerePop rock
Folk rock
EtichettaParlophone (UK)
Capitol (USA)
ProduttoreGeorge Martin
RegistrazioneAbbey Road - 20 ottobre 1965
Formati7"
The Beatles - cronologia
Singolo precedente
(1965)
Singolo successivo
(1966)

We Can Work It Out è un brano musicale scritto da Paul McCartney e John Lennon e pubblicato dai Beatles come "secondo lato A" del singolo Day Tripper.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La canzone fu registrata in studio il 20 ottobre 1965 e distribuita in disco ai primi di dicembre dello stesso anno.

È considerata una delle migliori testimonianze della vena compositiva a due della firma Lennon-McCartney. I due musicisti scrissero assieme parole e musica, ma McCartney - che si sarebbe ispirato per ideare il testo alla conclusione della sua relazione sentimentale con la girl-friend dell'epoca Jane Asher - si dedicò particolarmente alla parte corale. Fu composta prevalentemente da McCartney, anche se John lo coadiuvò nella stesura del testo e compose la parte centrale:"Life is very short".
Il testo della canzone evidenziò la contrapposizione di due scuole di pensiero: una, quella di McCartney, prevalentemente fondata sull'ottimismo e sulla spensieratezza, l'altra, quella di Lennon tendente all'approfondimento.

Articolato su un placido ritmo di ballata acustica, il brano delinea sul piano del testo una visione complessivamente ottimistica e la morale che si potrebbe trarre è che, comunque vada, comunque una storia d'amore finisca, ce la si può sempre fare.

Il brano presenta delle disarmoniche parti 'sperimentali' a 3/4 "...fighting, my friend" nel tempo di 4/4.

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

In una discussione su quale delle due canzoni dovrebbe essere il lato A del nuovo singolo, Lennon aveva sostenuto Day Tripper, differendo dal punto di vista della maggioranza che We Can Work It Out fosse una canzone più commerciale.[1][2] Il 15 novembre, EMI ha annunciato che il lato A sarebbe stato We Can Work It Out, solo che Lennon avrebbe contraddetto pubblicamente questo due giorni dopo.[3] Di conseguenza, il singolo è stato commercializzato come il primo doppio lato A in assoluto.[4][5] La difesa di Day Tripper da parte di Lennon, di cui era lo scrittore principale, si basava sulla sua convinzione che il suono rock dei Beatles dovesse essere favorito rispetto allo stile più morbido di We Can Work It Out.[6] Le richieste di airplay e point-of-sale hanno presto dimostrato che We Can Work It Out è la più popolare fra i due lati.

Il singolo fu pubblicato sull'etichetta Parlophone della EMI in Gran Bretagna (come Parlophone R 5389) il 3 dicembre 1965,[7] lo stesso giorno dei Rubber Soul.[4] Le due pubblicazioni coincisero con la speculazione della stampa britannica secondo cui la superiorità dei Beatles nel mondo pop dal 1963 avrebbe potuto finire, visti i consueti due o tre anni che la maggior parte degli atti poteva aspettarsi di rimanere al culmine del loro popolarità.[8] Day Tripper/We Can Work It Out è entrato nella UK Singles Chart (all'epoca, la classifica Record Retailer)[9] il 15 dicembre, al numero 2, prima di mantenere la prima posizione per cinque settimane consecutive.[10] Il singolo non riuscì anche a scalare la classifica nazionale pubblicata da Melody Maker nella sua prima settimana, segnando la prima occasione dal dicembre 1963 in cui un nuovo singolo dei Beatles non era entrato immediatamente al numero 1. Sebbene il singolo fosse un immediato numero 1 sulla classifica dell'NME, i quotidiani Daily Mirror e Daily Express hanno entrambi pubblicato articoli che evidenziano l'apparente declino.[11] Il disco fu il nono singolo consecutivo dei Beatles nel Regno Unito[12] e il singolo più venduto della band lì da Can't Buy Me Love, il loro precedente A-side diretto da McCartney.[13][14] In occasione degli Ivor Novello Awards dell'anno successivo, We Can Work It Out è stato riconosciuto come il singolo più venduto del 1965, prima di Help!.[15][16] Nel novembre 2012, aveva venduto 1,39 milioni di copie nel Regno Unito, rendendolo il quinto milione di venditori del gruppo in quel paese.[17] A dicembre 2018, il doppio lato A era il 54 ° singolo più venduto di tutti i tempi nel Regno Unito - una delle sei canzoni dei Beatles incluse nelle classifiche di vendita pubblicate dalla Official Charts Company.[18]

Negli Stati Uniti, dove il singolo è stato pubblicato dalla Capitol Records il 6 dicembre (come Capitol 5555),[19] entrambe le canzoni sono entrate nel Billboard Hot 100 nella settimana terminata il 18 dicembre.[20] L'8 gennaio 1966, We Can Work It Out ha raggiunto il numero 1 della classifica, mentre Day Tripper è entrato nella top ten al numero 10.[21] We Can Work It Out ha trascorso tre non consecutivi settimane al numero 1, mentre Day Tripper ha raggiunto il picco al numero 5.[22] La canzone era l'undicesimo numero 1 americano della band, realizzato in poco meno di due anni dal loro debutto su Hot 100,[23][24] il sesto singolo numero 1 consecutivo nelle classifiche statunitensi,[25][26] all'epoca un record.[27] Il singolo è stato certificato oro dalla Recording Industry Association of America, per vendite di almeno 1 milione, il 6 gennaio 1966.[28]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima volta per uno dei loro singoli, i Beatles hanno filmato filmati promozionali per We Can Work It Out e Day Tripper. Successivamente, noti come "Intertel Promos", queste clip erano intese come un modo per salvare la band che doveva apparire di persona in programmi televisivi britannici popolari come Ready Steady Go! e Top of the Pops,[29] e assicurarono anche che i Beatles raggiungessero il loro vasto pubblico internazionale.[4]

Le riprese si sono svolte ai Twickenham Film Studios nel sud-ovest di Londra il 23 novembre 1965,[4] con Joe McGrath come regista.[29] I Beatles fecero un totale di dieci promozioni in bianco e nero quel giorno,[30][31] girando clip per le nuove canzoni e per i loro singoli precedenti I Feel Fine, Ticket to Ride e Help!.[29][32] Tre dei film erano rappresentazioni di We Can Work It Out,[32] in cui Lennon era seduto in un harmonium.[33]

La trasmissione più frequente dei tre è stata una semplice esibizione con il gruppo che indossava abiti neri. Nella descrizione del giornalista di Rolling Stone Rob Sheffield: "All'inizio, stanno giocando tutto dritto nei loro abiti, fino a quando John non si propone di far rompere Paul sulla macchina fotografica. Rende impossibile a chiunque altro mantenere una faccia seria - alla fine, suona l'organo con i piedi".[34] Un'altra clip mostra il gruppo che indossa le tute da palco durante la loro esibizione allo Shea Stadium il 15 agosto.[33] La terza clip si apre con una fotografia di Lennon con un girasole[30] davanti ai suoi occhi.[35]

Uno dei film promozionali del novembre 1965 fu incluso nella compilation video 1 dei Beatles 2015, e il terzo clip promozionale fu incluso nelle versioni a tre dischi della compilation, intitolato 1+.[36][37]

Accoglienza e successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Il disco ottenne una ottima accoglienza su entrambi i lati dell'Atlantico, raggiungendo la prima posizione negli Stati Uniti d'America per ben tre settimane (USA#1), in alternanza con The Sounds of Silence di Simon and Garfunkel.
Ottimo fu il successo in madrepatria con una salda posizione di testa in classifica per cinque settimane (GB#1), sull'onda della cerimonia di investitura a Buckingham Palace ed in Olanda per sette settimane.
In Canada ed Irlanda arriva primo ed in Germania secondo. In Italia il disco scalò le chart fino a raggiungere al massimo il settimo posto (IT#7), stazionando per circa undici settimane all'interno delle classifiche.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1966 Mike Liddell & gli Atomi propongono una versione in italiano, con testo di Carlo Rossi, dal titolo Nelle mani tue, inserita nella compilation del 1993 Red Ronnie presenta "Quei favolosi anni '60".

We Can Work It Out è stata riproposta in versione hard rock dai Deep Purple, sull'album The Book of Taliesyn.

Una cover interessantissima è stata proposta nel 1970 da Stevie Wonder, così come l'ottima versione dei Tesla nel live acustico Five Man Acoustical Jam.

Da non dimenticare anche la versione proposta dalla cantante Noa.

Altra cover di successo furono quelle di Petula Clark, dei Four Seasons e dei Big Time Rush

Nel 2015 in occasione dell'evento "A MusiCares Tribute To Paul McCartney", i Coldplay proposero una loro cover del brano. In questa occasione Guy Berryman suonò con un basso Hofner in onore al bassista dei Beatles.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Miles, 1997, p. 210.
  2. ^ Jackson, 2015, p. 263.
  3. ^ Miles, 2001, p. 214.
  4. ^ a b c d Miles, 2001, p. 215.
  5. ^ Turner, 2016, p. 44.
  6. ^ Miles, 2001, p. 216.
  7. ^ Castleman-Podrazik, 1976, p. 49.
  8. ^ Turner, 2016, p. 25.
  9. ^ (EN) Key Dates in the History of the Official UK Charts, Official Charts Company. URL consultato il 15 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2008).
  10. ^ (EN) Search: 'We Can Work It Out' > Day Tripper/We Can Work It Out, The Beatles > Chart Facts, Official Charts Company. URL consultato il 9 giugno 2017 (archiviato il 27 giugno 2017).
  11. ^ Turner, 2016, pp. 43–44.
  12. ^ Womack, 2014, pp. 218, 977.
  13. ^ MacDonald, 2005, p. 172.
  14. ^ Jackson, 2015, pp. 263–64.
  15. ^ Miles, 2001, p. 236.
  16. ^ (EN) Lennon and McCartney Win Three Composer's Awards, in KRLA Beat, 13 agosto 1966, p. 3.
  17. ^ Ami Sedghi, UK's million-selling singles: the full list, The Guardian, 4 novembre 2012. URL consultato il 4 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2016).
  18. ^ Justin Myers, The best-selling singles of all time on the Official UK Chart, Official Charts Company, 14 dicembre 2018. URL consultato il 26 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2019).
  19. ^ Miles, 2001, p. 219.
  20. ^ Castleman-Podrazik, 1976, pp. 49, 349.
  21. ^ Castleman-Podrazik, 1976, p. 349.
  22. ^ Castleman-Podrazik, 1976, p. 349.
  23. ^ Fred Bronson's Billboard Book of Number 1 Hits, 5th Edition.
  24. ^ Schaffner, 1978, pp. 36, 51.
  25. ^ Womack, 2014, p. 977.
  26. ^ Jackson, 2015, p. 264.
  27. ^ Fred Bronson's Billboard Book of Number 1 Hits, 5th Edition.
  28. ^ Castleman-Podrazik, 1976, p. 331.
  29. ^ a b c Rodriguez, 2012, p. 160.
  30. ^ a b Winn, 2008, p. 292.
  31. ^ Pieper, 2017, p. 391.
  32. ^ a b Everett, 2001, p. 335.
  33. ^ a b Winn, 2008, p. 377.
  34. ^ (EN) Rob Sheffield, The Beatles' New '+1' Video Collection: The 10 Fabbest Moments, Rolling Stone, 6 novembre 2015. URL consultato il 9 giugno 2017 (archiviato il 16 marzo 2017).
  35. ^ Pieper, 2017, p. 392.
  36. ^ Matt Rowe, The Beatles 1 To Be Reissued With New Audio Remixes ... And Videos, in The Morton Report, 18 settembre 2015. URL consultato il 9 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2015).
  37. ^ The Beatles' Videos and Top Hits Come Together for the First Time, su thebeatles.com, 15 settembre 2015. URL consultato il 9 giugno 2017 (archiviato il 18 maggio 2017).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock