The Four Seasons (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Four Seasons
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Rock
Pop
Periodo di attività 1954 – in attività
Etichetta Vee Jay Records, Philips Records, Motown, Warner Bros. Records, MCA Records, Curb
Album pubblicati 50
Studio 22
Live 2
Raccolte 23
Sito web

I The Four Seasons (conosciuti dal 1967 come Frankie Valli & The Four Seasons) sono un gruppo rock e pop statunitense, distinto da altri gruppi dell'epoca (anni 1960) per il loro sound italo-americano. Aveva anche qualche reminiscenza di Doo-wop nonostante non sia un gruppo targato con questo genere. Nel 1999 la Vocal Group Hall of Fame, nell'inserire il gruppo nella prestigiosa lista, ha dichiarato che i Four Season è stato il gruppo rock più popolare prima dei Beatles.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1960 il gruppo (prima conosciuto come i The Four Lovers) cambiò nome in quello attuale con Frankie Valli come cantante guida, Bob Gaudio (precedentemente questi era nei The Royal Teens) alle tastiere, Tommy DeVito alla chitarra, e Nick Massi al basso (costui fu prima rimpiazzato da Charles Calello e poi da Joe Long nel 1965).

Tra il 1960 e il 1964 sono molto spesso in testa alle classifiche della rivista Cash Box con dei loro pezzi storici quali: Rag Doll che nel 1964 raggiunge la prima posizione nella Billboard Hot 100 per due settimane e la sesta in Germania, Walk Like A Man prima posizione nella Billboard Hot 100 per tre settimane nel 1963, Sherry che raggiunge la prima posizione nella Billboard Hot 100 per cinque settimane e la settima in Olanda nel 1962 e Big Girls Don't Cry che raggiunge la prima posizione nella Billboard Hot 100 per cinque settimane sempre nel 1962.[2][3][4][5][6]

Nel 1976 il singolo December, 1963 (Oh, What a Night) arriva primo nella Billboard Hot 100 per tre settimane, nel Regno Unito per due settimane ed in Canada, secondo in Nuova Zelanda, terzo nei Paesi Bassi ed in Australia e sesto in Norvegia.

The Four Season sono stati un gruppo di considerevole importanza. Nessun altro gruppo di bianchi americani dell'epoca, a parte i Beach Boys, possono vantare simili armonie complesse, anche se erano molto più saldamente nella traditione del doo wop italo-americano. Le loro produzioni più raffinate erano al passo con i tempi e, per certi aspetti, innovative.[7]

L'influenza R&B nella loro musica era grande, tanto che alcuni dei loro primi singoli avevano raggiunto il successo grazie al pubblico di R & B; ai loro esordi alcuni ascoltatori inoltre pensavano che i Four Seasons fossero neri. Il loro successo fu grande, tra il 1962 ed il 1967 raggiunsero per ben tredici volte la top ten, con pezzi come Sherry, "Big Girls Don't Cry" "Dawn" "Rag Doll" e Let's Hang On.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 il regista Clint Eastwood ha realizzato un film sulla loro storia: Jersey Boys.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Richie Unterberger, The Four Seasons [http://www.vocalgroup.org/inductees/the_four_seasons.html Vocal Group Hall of Fame: Main Website.
  2. ^ (EN) Randy Price, Cash Box Top Singles – 1960, Cashboxmagazine.com. URL consultato il 15 giugno 2014.
  3. ^ (EN) Randy Price, Cash Box Top Singles – 1961, Cashboxmagazine.com. URL consultato il 15 giugno 2014.
  4. ^ (EN) Randy Price, Cash Box Top Singles – 1962, Cashboxmagazine.com. URL consultato il 15 giugno 2014.
  5. ^ (EN) Randy Price, Cash Box Top Singles – 1963, Cashboxmagazine.com. URL consultato il 15 giugno 2014.
  6. ^ (EN) Randy Price, Cash Box Top Singles – 1964, Cashboxmagazine.com. URL consultato il 15 giugno 2014.
  7. ^ Richie Unterberger, The Four Seasons [http://www.vocalgroup.org/inductees/the_four_seasons.html Vocal Group Hall of Fame: Main Website.
Controllo di autorità VIAF: (EN316879715
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock