Differenze tra le versioni di "Antonino Pio"

Jump to navigation Jump to search
Questi era genero di Marco Annio Vero e, dopo essere stato esaminato per alcuni giorni, fu accettato dal Senato e adottato il 25 febbraio col nome di ''Tito Elio Cesare Antonino''. A suo volta, come da disposizioni dello stesso ''princeps'', Antonino adottò il diciassettenne [[Marco Aurelio]] (nipote di Antonino, in quanto figlio del fratello di sua moglie [[Faustina maggiore]]) e il giovane [[Lucio Vero|Lucio Commodo]], figlio dello scomparso Lucio Elio Vero.<ref>{{Cita|Guido Clemente 2008|pp. 629-630}}.</ref> Da questo momento Marco mutò il suo nome in ''Marco Elio Aurelio Vero'' e Lucio in ''Lucio Elio Aurelio Commodo''. Marco rimase sconcertato quando seppe che Adriano lo aveva adottato come nipote: solo con riluttanza passò dalla casa di sua madre sul Celio a una casa privata di Adriano.<ref>{{Cita|Birley 1990|pp. 55 ss.}}.</ref>
 
[[File:BronzeAntoninus headPius, ofCa. the138-140 EmperorA.D., Antoninusfrom PiusFormia, Romisch-GermanischesPalazzo Massimo alle MuseumTerme, CologneRome (811562100212453399323).jpg|thumb|Bronzo della testaTesta dell'imperatore presso il [[Römisch-Germanisches Museum|Museo Romano-Germaniconazionale romano di palazzo Massimo]] di [[Colonia (Germania)|ColoniaRoma]] ]]
 
Poco tempo più tardi, Adriano chiese in Senato che Marco fosse esentato dalla legge che impediva di diventare [[questore (storia romana)|questore]] prima del ventiquattresimo compleanno. Il Senato acconsentì e Marco divenne prima questore nel 138, ricevette quindi l<nowiki>'</nowiki>''[[imperium proconsulare maius|imperium proconsolare]]'' nel [[139]]-[[140]],<ref name="Clemente630">{{Cita|Guido Clemente 2008|p. 630}}.</ref> ed il consolato nel 140 (a soli diciotto anni). Fu quindi facilitato nel percorso della sua classe sociale attraverso l'[[adozione nell'antica Roma|adozione]]; egli sarebbe probabilmente diventato, prima ''[[triumvir monetalis]]'' (responsabile delle [[zecche romane|emissioni monetali imperiali]]), in seguito ''[[tribunus militum]]'' in una [[legione romana|legione]]. Marco probabilmente avrebbe preferito viaggiare e approfondire gli studi. Il suo biografo attesta che il suo carattere rimase inalterato: "''Mostrava ancora lo stesso rispetto per i rapporti come aveva quando era un cittadino comune ed era così parsimonioso e attento dei suoi beni come lo era stato quando viveva in una abitazione privata''".<ref>{{Cita|Birley 1987|pp. 38-42}}.</ref>

Menu di navigazione