Marco Annio Vero (console 97)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Annio Vero
Nome originale Marcus Annius verus
Nascita 50 ca.
Morte 138
Consolato 97, 121 e 126

Marco Annio Vero (50 circa – 138) è stato un politico romano della dinastia antoniniana vissuto tra il I e il II secolo d.C.

Biografia e vicende familiari[modifica | modifica wikitesto]

Discendeva da una famiglia romana da tempo insediatasi nella Betica, a Ucubi (l'odierna Espejo), nei pressi di Corduba (l'odierna Cordova), e arricchitasi con la produzione e il commercio dell'olio d'oliva. Era figlio di un omonimo Marco Annio Vero, che aveva raggiunto la pretura.

Sposò Rupilia Faustina, da cui ebbe tre figli:

Alla morte del figlio Annio Vero, probabilmente nel 124, adottò i figli di quest'ultimo: Marco Aurelio e sua sorella Annia Cornificia Faustina.

Morì nel 138, all'età di circa 90 anni.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Fu praefectus Urbi e fu nominato patrizio durante la censura degli imperatori Vespasiano e Tito. Ricoprì il consolato tre volte: fu console suffetto nel 97 d.C., e console ordinario nel 121 e nel 126[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si veda la nota 1 dall'edizione Loeb riprodotta sul sito LacusCurtius, che attribuisce però il primo consolato al regno di Domiziano, quindi al massimo nel 96


biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie