Filippo Coarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Filippo Coarelli (Roma, 9 giugno 1936) è un archeologo italiano, già docente di Storia romana e di Antichità greche e romane all'Università di Perugia. È stato allievo di Ranuccio Bianchi Bandinelli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver inizialmente frequentato la facoltà di giurisprudenza, si dedica all'archeologia.

Ancora studente partecipa ad operazione di scavo presso le mura di Alatri, a Monteleone Sabino e a Begram in Afghanistan. Si è occupato di topografia antica di Roma e dell'Italia antica, utilizzando sia le fonti antiche che i dati archeologici ed utilizzando anche altre metodologie, come quelle dell'antropologia culturale, allo scopo di ricostruire i diversi aspetti del passato.

Si laurea in archeologia nel 1961, all'università di Roma con Ranuccio Bianchi Bandinelli e poco dopo è divenuto suo assistente.

È stato redattore, dalla sua fondazione (1967), della rivista Dialoghi di Archeologia, creata e diretta da Bianchi Bandinelli.

Tra il 1968 e il 1973 è stato ispettore archeologo presso la Ripartizione Antichità e Belle Arti del comune di Roma e, in seguito, assistente presso l'università di Siena e poi presso l'università di Perugia.

Dal 1978 dirige gli scavi della colonia latina di Fregellae, presso Isoletta d'Arce (Frosinone). Dal 2003 è direttore scientifico degli scavi al Santuario di Diana a Nemi, in collaborazione con Giuseppina Ghini della Soprintendenza ai Beni Archeologici del Lazio. Dal 2006 è direttore scientifico degli scavi di Villa San Silvestro di Cascia (PG).

Dal 1980 al 2008 è stato professore ordinario di "Storia Romana", ha insegnato "Antichità greche e romane", "Antichità romane" e "Religioni del Mondo Classico" presso il Corso di Laurea in scienze dei Beni Archeologici e Antropologici della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'università di Perugia.

Nel 1983 ha condotto per la Rai, il ciclo dedicato all'era antica de "La straordinaria storia dell'Italia".

Nel 2003 è stato insignito dal Presidente della Repubblica Italiana (Carlo Azeglio Ciampi) della Medaglia d'oro ai Benemeriti della cultura e dell'arte.

Attualmente è professore emerito dell'Università degli Studi di Perugia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro ai benemeriti dell'istruzione pubblica - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti dell'istruzione pubblica

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  1. Numerosi contributi a Lexicon Topographicum Urbis Romae, E. M. Steinby, ed. (Quasar).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN108823968 · ISNI (EN0000 0001 2147 1379 · SBN IT\ICCU\CFIV\016663 · LCCN (ENn81003565 · GND (DE133667588 · BNF (FRcb118971204 (data) · WorldCat Identities (ENn81-003565