Propata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Propata
comune
Propata – Stemma Propata – Bandiera
Propata – Veduta
Panorama di Propata
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Liguria.svg Liguria
Città metropolitana Città metropolitana di Genova-Stemma.png Genova
Amministrazione
Sindaco Renato Cogorno (Lista civica di centro-sinistra "Insieme per Propata") dal 06/06/2016
Data di istituzione 1861
Territorio
Coordinate 44°33′52.93″N 9°11′05.57″E / 44.564703°N 9.184881°E44.564703; 9.184881 (Propata)Coordinate: 44°33′52.93″N 9°11′05.57″E / 44.564703°N 9.184881°E44.564703; 9.184881 (Propata)
Altitudine 990 m s.l.m.
Superficie 16,93 km²
Abitanti 142[1] (31-12-2015)
Densità 8,39 ab./km²
Frazioni Albora, Bavastrelli, Caffarena, Caprile
Comuni confinanti Carrega Ligure (AL), Fascia, Rondanina, Torriglia, Valbrevenna
Altre informazioni
Cod. postale 16027
Prefisso 010
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 010045
Cod. catastale H073
Targa GE
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona F, 3 618 GG[2]
Nome abitanti propatesi
Patrono san Lorenzo
Giorno festivo 10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Propata
Propata
Propata – Mappa
Posizione del comune di Propata all'interno della città metropolitana di Genova
Sito istituzionale

Propata (Propâ in ligure[3]) è un comune italiano di 142 abitanti[1] della città metropolitana di Genova in Liguria.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Propata è situata nell'alta val Trebbia, ad est di Genova. Il territorio fa parte del Parco naturale regionale dell'Antola.

Nei territori comunali di Propata, Torriglia e Rondanina è ubicato il lago del Brugneto, il lago artificiale più grande del territorio metropolitano e della Liguria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Panorama di Bavastrelli

Il borgo di Propata venne fondato, secondo la tradizione storica locale, intorno al X secolo[4] dagli abitanti dei borghi vicini, scampati alle frequenti incursioni dei saraceni. In zona vi operavano i monaci dell'abbazia di San Colombano di Bobbio.

Politicamente e storicamente seguì nel medioevo le sorti della vicina Torriglia, dapprima come possesso della famiglia Malaspina e solo a partire dal XIII secolo dei conti Fieschi di Lavagna.

Nel XIV secolo fu dominio del Ducato di Milano, fino alla cessione del paese nel XVI secolo verso la famiglia genovese Doria e quindi alla Repubblica di Genova. Verso la fine del XVIII secolo si costituì comune autonomo con la soppressione dei Feudi imperiali.

Nel 1797 con la dominazione francese di Napoleone Bonaparte rientrò dal 2 dicembre nel Dipartimento dei Monti Liguri Orientali, con capoluogo Ottone, all'interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile del 1798 con i nuovi ordinamenti francesi, Propata rientrò nel VI cantone, capoluogo Torriglia, della Giurisdizione dei Monti Liguri Orientali e dal 1803 centro principale del IV cantone della Trebbia nella Giurisdizione dell'Entella. Annesso al Primo Impero francese, dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento di Genova.

Nel 1815 fu inglobato nel Regno di Sardegna, secondo le decisioni del Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861. Dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nell'XI mandamento di Torriglia del circondario di Genova dell'allora provincia di Genova.

Come nella vicina Torriglia, negli anni settanta si segnalarono numerosi avvistamenti UFO, in particolare in coincidenza con uno dei casi ufologici più eclatanti avvenuti a Torriglia, quello che vide protagonista Fortunato Zanfretta.

Dal 1973 al 31 dicembre 2008 ha fatto parte della Comunità montana Alta Val Trebbia e, con le nuove disposizioni della Legge Regionale nº 24 del 4 luglio 2008[5], ha fatto parte fino al 2011 della Comunità montana delle Alte Valli Trebbia e Bisagno.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Propata-Stemma.png
Propata-Gonfalone.png

« D'argento, bordato di rosso porpora, con al centro un albero al naturale sradicato e con chioma verde. Corona con merli e ornamenti esteriori da comune »

(Descrizione araldica dello stemma[6])

« Drappo di bianco... »

(Descrizione araldica del gonfalone[6])

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di San Lorenzo a Propata

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2014, i cittadini stranieri residenti a Propata sono 6[8], pari al 4,20% della popolazione totale.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di San Giacomo della frazione di Bavastrelli

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo del partigiano. All'interno sono conservate raccolte fotografiche e documenti sulla Resistenza italiana dei partigiani.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è costituito dalle quattro frazioni di Albora, Bavastrelli, Caffarena e Caprile[9] per un totale di 16,93 km².

Confina a nord con il comune di Carrega Ligure (AL), a sud con Torriglia, ad ovest con Valbrevenna e ad est con Fascia e Rondanina.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Si basa principalmente sull'agricoltura con la prevalente coltivazione di patate, cereali, foraggi e sfruttamento del sottobosco; praticato inoltre l'allevamento del bestiame.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il centro di Propata è attraversato principalmente dalla strada provinciale 15 del Brugneto che gli permette il collegamento con Montebruno e Torriglia, a sud, innestandosi con la strada statale 45 di Val Trebbia.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Dal comune di Torriglia un servizio di trasporto pubblico locale gestito dall'ATP garantisce quotidiani collegamenti bus con Propata e per le altre località del territorio comunale.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1988 1993 Angelo Remigio Partito Comunista Italiano Sindaco
1993 2001 Angelo Remigio Lista civica di centro-sinistra Sindaco
2001 2011 Sandra Dalla Rovere Lista civica di centro-sinistra Sindaco
2011 in carica Renato Cogorno Lista civica di centro-sinistra "Insieme per Propata" Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Propata fa parte dell'Unione dei comuni montani dell'Alta Val Trebbia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat al 31/12/2015
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ Fonte dal sito Altavaltrebbia.net
  5. ^ Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008
  6. ^ a b Fonte dal sito Araldica Civica.it, araldicacivica.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Dato Istat al 31/12/2014
  9. ^ Fonte dallo Statuto Comunale di Propata

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mons. Clelio Goggi Storia dei Comuni e delle Parrocchie della diocesi di Tortona - Tipografia "San Lorenzo" - 4ª Edizione - Tortona 2000

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria