Savignone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Savignone
comune
Savignone – Stemma
Savignone – Veduta
Panorama di Savignone
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Liguria.svg Liguria
Città metropolitana Città metropolitana di Genova-Stemma.png Genova
Amministrazione
Sindaco Antonio Bigotti (Lista civica "Savignone viva") dal 26/05/2014
Data di istituzione 1861
Territorio
Coordinate 44°33′50.14″N 8°59′19.13″E / 44.563928°N 8.988647°E44.563928; 8.988647 (Savignone)Coordinate: 44°33′50.14″N 8°59′19.13″E / 44.563928°N 8.988647°E44.563928; 8.988647 (Savignone)
Altitudine 471 m s.l.m.
Superficie 21,74 km²
Abitanti 3 205[1] (31-12-2015)
Densità 147,42 ab./km²
Frazioni Isorelle, San Bartolomeo, Vaccarezza
Comuni confinanti Busalla, Casella, Crocefieschi, Mignanego, Serra Riccò, Valbrevenna
Altre informazioni
Cod. postale 16010
Prefisso 010
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 010057
Cod. catastale I475
Targa GE
Cl. sismica zona 3B (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 554 GG[2]
Nome abitanti savignonesi
Patrono sant'Agostino
Giorno festivo 28 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Savignone
Savignone
Savignone – Mappa
Posizione del comune di Savignone nella città metropolitana di Genova
Sito istituzionale

Savignone (Savignon in ligure[3]) è un comune italiano di 3.205 abitanti[1] della città metropolitana di Genova in Liguria.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Situato nell'alta valle Scrivia, a nord di Genova, l'originario nucleo del paese fu fondato nella piana che si formò in epoca remota a seguito di una frana dal monte Pianetto (785 m).

Fa parte del Parco naturale regionale dell'Antola.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello dei Fieschi, interessato da opere di restauro dal 2013.

Rinvenimenti[4] di alcuni oggetti in ceramica del XIV secolo a.C. nella località di Renesso, due tombe del IV secolo a.C. presso la località di Camiaschetta e quindi approfonditi studi hanno stabilito all'Età del Bronzo la probabile fondazione del primo insediamento umano. Oggi tali reperti sono conservati presso il museo archeologico di Isola del Cantone.

Già villaggio in epoca romana, alla caduta dell'impero fu sottoposto al regno longobardo. Nel 725, secondo una tradizione attestata da alcune fonti storiche, sostò nel paese di Savignone il re Liutprando, durante il trasporto dei resti di sant'Agostino che il re aveva fatto prelevare a Cagliari per trasferirli presso la basilica di San Pietro in Ciel d'Oro a Pavia, dove sono tuttora conservati.[5]

Il feudo, già inserito nel Comitato di Tortona, divenne possedimento temporale tra il X e l'XI secolo dei vescovi tortonesi, per volontà dell'imperatore Ottone I di Sassonia, alla quale si aggiunse la dominazione laica degli Obertenghi prima e dei marchesi di Gavi poi; questi ultimi infeudarono il possedimento ad un consorzio di famiglie locali.

Il successivo sfaldamento di queste autonomie locali portarono, dalla metà del XIII secolo, ad una nuova dominazione della famiglia Fieschi, conti di Lavagna, che acquisirono del tutto o in parte il territorio feudale di Savignone. Il possedimento fliscano perdurò, di fatto, per cinque secoli in una sorta di autogestione del feudo, pur facendo parte esso dei Feudi Imperiali del Sacro Romano Impero. Alcuni documenti testimoniano l'ufficiale investitura del feudo a Gian Luigi Fieschi il Vecchio nel 1495, da parte di Massimiliano I, e ad Ettore Fieschi Seniore nel 1548 da Carlo V. Furono gli stessi Fieschi ad erigere il locale castello.

Con la divisione ereditaria del 1678, il feudo imperiale fu in possesso di Gerolamo Fieschi che oltre a Casella ampliò i suoi possessi (1685) anche sui borghi di Frassinello, Chiappe e Senarega, mantenendo la consignoria su Mongiardino ereditata pro-quota dalla madre Tomasina Spinola. Successivamente il paese finì sotto il controllo della famiglia Crosa di Vergagni, la quale ne mantenne il potere, esercitando il controllo sui possedimenti, fino alla soppressione dei feudi imperiali nel 1797 con la dominazione francese.

Con la nuova dominazione napoleonica dal 2 dicembre rientrò nel Dipartimento dei Monti Liguri Occidentali, con capoluogo Rocchetta Ligure, all'interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile del 1798 con i nuovi ordinamenti francesi, Savignone divenne capoluogo del IV cantone della Giurisdizione dei Monti Liguri Occidentali e dal 1803 centro principale del VIII cantone dell'Alta Valle Scrivia nella Giurisdizione del Lemmo. Annesso al Primo Impero francese, dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento di Genova. Nel 1804 al territorio savignonese vengono aggregate le municipalità di Clavarezza, Nenno, Pareto, Tonno, Vaccarezza, e Vallecalda costituiti nel 1797.

Nel 1815 fu inglobato nel Regno di Sardegna, come stabilito dal Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861. Dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nel IX mandamento omonimo del circondario di Genova dell'allora provincia di Genova. Al 1893 è risalente il distacco delle frazioni di Clavarezza, Nenno, Pareto, Tonno e Vaccarezza (in parte) e il loro accorpamento nel nuovo comune di Valbrevenna[6], quest'ultimo costituito assieme ad altre zone di Casella e di Montoggio.

Apprezzato centro termale tra l'Ottocento e l'inizio del Novecento, Savignone divenne meta di villeggiatura dei genovesi con la conseguente costruzione di nuovi centri residenziali. Durante il Ventennio fascista furono costruite le due colonie di Renesso e Montemaggio, entrambe inaugurate da Benito Mussolini. Nelle fasi finali della seconda guerra mondiale in diverse ville del territorio soggiornavano stabilmente i componenti del quartier generale del Comando Tedesco Nord e proprio a Savignone fu prelevato e condotto a villa Migone di Genova, nascosto in ambulanza, il generale Meinhold comandante delle forze armate della Germania nazista.

Dal 1973 al 31 dicembre 2008 ha fatto parte della Comunità montana Alta Valle Scrivia e, con le nuove disposizioni della Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008[7], ha fatto parte fino al 2011 della Comunità montana Valli Genovesi Scrivia e Polcevera.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Savignone-Stemma.png

Nello stemma comunale è raffigurato nel centro il castello di Savignone, simbolo del paese, edificato durante la dominazione della famiglia Fieschi.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale di san Pietro affacciata nella piazza principale del paese

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di San Pietro nel capoluogo. Fondata da Urbano Fieschi nel 1691. Conserva al suo interno una tela di Giovanni Battista Carlone ritraente la Visitazione di santa Caterina da Genova.
  • Chiesa parrocchiale di San Giuseppe nella frazione di Isorelle. Edificata nel 1987 fu eretta in vicaria autonoma dal 27 luglio 1942 per decreto del cardinale Pietro Boetto. L'elezione al titolo di parrocchiale fu acquisita con il decreto arcivescovile del cardinale Giuseppe Siri datato al 24 settembre 1986.
  • Chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta nella frazione di Vaccarezza. Secondo alcuni storici la chiesa potrebbe essere risalente al XII secolo, in quanto citata in una bolla pontificia di Celestino III del 1196. Tra le opere ivi conservate un dipinto raffigurante l'Assunzione, opera della scuola di Luca Cambiaso.
  • Oratorio di Sant'Antonio abate nella frazione di Vaccarezza.
  • Chiesa parrocchiale di San Bartolomeo nella frazione di Vallecalda. Conserva due tele di Luca Cambiaso e della scuola di Pietro da Cortona.
  • Cappella della Madonna delle Grazie nella località di Costalovaia. Il campanile fu eretto nel 1947.
  • Chiesa parrocchiale di San Rocco nella località di Montemaggio.
  • Ex monastero di San Salvatore, fondato secondo la leggenda nel 725 dal re longobardo Liutprando durante il trasporto delle spoglie di sant'Agostino. L'edificio è oggi trasformato in abitazione privata.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Fieschi, già palazzo marchionale della famiglia Fieschi fu edificato quasi certamente tra il 1565 e il 1569 per opera del conte Ettore Fieschi. L'edificio rimase abitazione della famiglia fliscana sino al 1856; fino al 2016 è stato un albergo "Residenza d'epoca" tra i più antichi (se non il più antico) tra quelli ancora in attività dell'intera Liguria. È stato venduto nel 2016 e a partire dal 2017 è diventato sede di una comunità terapeutica per pazienti psichiatrici.
  • Palazzo Crosa Di Vergagni. A sinistra della chiesa parrocchiale di San Pietro e già ospedale cittadino fu edificato nel 1771 per volere del conte Girolamo Fieschi.
  • Villa Grendi del XIX secolo con una piccola loggia in stile neogotico.
  • Villa Gatto, edificata molto probabilmente su disegno di Gino Coppedè, è risalente agli anni venti del XX secolo. Assomiglia nella struttura dell'edificio a villa Davidson di Borgo Fornari, nel comune di Ronco Scrivia.
  • Villa Garré.
  • Villa Grondona nella frazione di San Bartolomeo di Vallecalda.
  • Villa Odero costruita tra il 1854 e il 1862.
  • Villa Solaro edificata tra il 1914 e il 1920 su progetto di Giuseppe Crosa di Vergagni.
  • Villa Ragnoli costruita negli anni venti del XX secolo.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Crosa di Vergagni, già ospedale del borgo.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Il ponte medievale presso il torrente Scrivia

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2014, i cittadini stranieri residenti a Savignone sono 167[9], pari al 5,17% della popolazione totale, così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[10]:

  1. Marocco, 68
  2. Romania, 33

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Le cinque comunità parrocchiali presenti, pur facendo parte dello stesso territorio comunale, sono divise in due distinte diocesi appartenenti alla stessa regione ecclesiastica Liguria. Fanno parte infatti dell'arcidiocesi di Genova la parrocchia di San Bartolomeo di Vallecalda e quella di San Giuseppe di Isorelle, mentre nella diocesi di Tortona sono inserite le parrocchie di San Pietro di Savignone, di Santa Maria Assunta e di San Rocco di Montemaggio.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Panorama del borgo savignonese

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo nazionale degli Alpini. Istituito nel 1998 su idea e apporto del locale gruppo Associazione Nazionale Alpini - fondato nel 1932 - e ubicato in locali dati in parte dal Comune di Savignone è stato ampliato nel 2004 e raccoglie documenti, fotografie, uniformi, cimeli e cartoline d'epoca inerenti alle truppe degli Alpini dalla loro istituzione ad oggi[11].

Persone legate a Savignone[modifica | modifica wikitesto]

  • Andalò da Savignone (Savignone, 1330 - 1346), esploratore del XIV secolo, fu al servizio dell'imperatore mongolo Toghun Temür presso la corte di papa Benedetto XII ad Avignone.
  • Silvio Parodi (Genova, 1878 - Savignone, 1944), generale e politico, ricoprì durante il Ventennio fascista la carica di podestà di Savignone per dodici anni interessandosi, tra l'altro, della costruzione delle due colonie estive di Montemaggio e Renesso. Il 19 giugno 1944, venne ucciso in un agguato dei Gruppi di Azione Patriottica mentre usciva da casa della sorella a Savignone.
  • Ottavio Garaventa (Genova, 1934 - Savignone, 2014), tenore lirico, ricoprì la carica di direttore artistico del Festival Internazionale di Musica di Savignone.
  • Franco Origone (Genova, 1950 - Genova, 2014), disegnatore di fumetti comici, ha risieduto nella località Ponte di Savignone.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale territorio comunale è costituito dalle quattro frazioni di Savignone, Isorelle, San Bartolomeo, Vaccarezza e dalle località di Besolagno, Bosco, Canalbolzone, Costalovaia, Castellorosso, Cerisola, Cerreta, Costalovaia, Gabbie, Gualdrà, Inastrà, Inastrà di Montemaggio, Montemaggio, Moglia, Nacosta, Ponte di Savignone, Ponte San Bartolomeo, Prelo, Renesso, Sementella, Sorrivi, Vallecalda, Vittoria per un totale di 21,74 km2.[12]

Confina a nord con i comuni di Busalla e Crocefieschi, a sud con Serra Riccò, Casella e Valbrevenna, ad ovest con Busalla, Mignanego e Serra Riccò e ad est con Crocefieschi e Valbrevenna.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il birrificio della Birra Busalla in una fotografia del 1909

L'economia comunale è principalmente basata sull'attività agricola, l'allevamento, l'industria tessile e il turismo. A Savignone fu fondata nel 1905 la Birra Busalla, birrificio che rimarrà all'attivo fino al 1929; l'azienda è stata riaperta e rifondata nel 1999.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il centro di Savignone è attraversato principalmente dalla strada provinciale 10 di Savignone che, nei pressi della località Ponte di Savignone, s'innesta con la principale arteria della strada provinciale 226 di Valle Scrivia e quindi collegandosi con Busalla e con Torriglia (bivio strada statale 45 di Val Trebbia).

Ulteriori collegamenti viari sono la provinciale 47 di Nostra Signora della Vittoria, per Mignanego, e la provinciale 63 delle Gabbie per Busalla.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1985 1995 Italo Ghelfi Democrazia Cristiana, poi Partito Popolare Italiano Sindaco
1995 1999 Marco De Felice Lista civica Sindaco
1999 2004 Marco De Felice Lista civica "Vivi Savignone" Sindaco
2004 2009 Ettore Navone Lista civica "Savignone per la gente" Sindaco
2009 in carica Antonio Bigotti Lista civica "Savignone viva" Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Savignone fa parte dell'Unione dei comuni dello Scrivia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat al 31/12/2015
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ Notizie e date storiche sono state confrontate con il Sito del Comune di Savignone
  5. ^ I resti di Sant'Agostino, morto a Ippona nel 430, rimasero nella basilica di quella città per alcuni decenni e vennero poi trasferiti a Cagliari all'inizio del VI secolo da S. Fulgenzio; quando due secoli dopo la Sardegna, all'epoca sotto il dominio bizantino, era minacciata dall'avanzata islamica, il re Liutprando fece acquistare le spoglie del santo per preservarle da possibili profanazioni, facendole trasportare a Pavia
  6. ^ Legge 15 agosto 1893, n.
  7. ^ Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Dato Istat al 31/12/2014
  10. ^ Dati superiori alle 20 unità
  11. ^ Approfondimenti sul museo dal sito dell'Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Genova
  12. ^ Fonte dallo Statuto Comunale

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Bigotti, "SAVIGNONE. Storia, cultura, turismo.", Genova, 1980.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN244718061
Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria