Martha My Dear

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martha My Dear
Artista The Beatles
Autore/i Lennon-McCartney
Genere Pop
Edito da Apple Records
Pubblicazione
Incisione White Album
Data 1968
Durata 2:28
White Album – tracce
Precedente Successiva
Happiness is a Warm Gun I'm So Tired

Martha My Dear è una canzone scritta da Paul McCartney (ma attribuita, come al solito, al duo John Lennon/Paul McCartney), e apparsa per la prima volta sul White Album nel 1968.

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Origine e storia[modifica | modifica sorgente]

Si dice che la canzone sia stata ispirata alla melodia e ai testi di M'appari 'tutt' amor, dall'opera Martha di Friedrich von Flotow (1812-1883), la cui prima fu eseguita a Vienna nel 1847.

Un Bobtail, la razza di "Martha" il cane di Paul McCartney all'epoca dell'incisone del brano.

È stato inoltre spesso segnalato che il titolo (Martha My Dear) sarebbe stato ispirato dal cane di Paul, un Old English Sheepdog. In proposito Paul McCartney dichiarò invece che la canzone gli era stata ispirata dalla sua storica fidanzata Jane Asher. La Asher ruppe il fidanzamento con McCartney all'inizio del 1968, quando lo sorprese a letto con una dirigente della Apple; c'è da dire però che la creatività romantica di McCartney è stata alimentata durante questo rapporto, considerando che non solo il cantante ha sempre considerato la fidanzata come musa, ma nei versi della stessa canzone afferma "You have always been my inspiration..." (Sei sempre stata la mia ispirazione).

Musica e arrangiamento[modifica | modifica sorgente]

Il brano ricorda le atmosfere del music hall ed è caratteristica per la melodia sincopata al pianoforte che si ripete per tutta la canzone, oltre che da una banda di ottoni e un ensemble di archi.

Nel 1993 Paul McCartney ha incluso la canzone nel suo Tour Mondiale e nell'album Paul Is Live.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Alan W. Pollack, Notes on "Martha My Dear" in Notes on ... Series, Rijksuniversiteit Groningen.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock