Cry Baby Cry (The Beatles)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cry Baby Cry
Artista The Beatles
Autore/i John Lennon/Paul McCartney
Genere Pop rock
Stile pop rock
Edito da Apple Records
Pubblicazione
Incisione The Beatles (White Album)
Data 1968
Durata 2'33"
Note Lennon voce, chitarra acustica, pianoforte, organo; McCartney basso; Harrison chitarra solista; Starr batteria, tamburino; George Martin armonium.
The Beatles (White Album) – tracce
Precedente Successiva
Savoy Truffle Revolution 9

Cry Baby Cry è una canzone dei Beatles contenuta nell'album The Beatles (meglio noto come White Album o Album Bianco).

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Origine e storia[modifica | modifica sorgente]

Scritta da John Lennon in India durante il corso di meditazione del Maharishi Mahesh Yogi, Cry Baby Cry rappresenta per certi versi un caso limite. John avrebbe voluto disconoscerla definendola "spazzatura", ma in realtà il brano è molto valido e uno dei migliori scritti dall'autore. Il titolo è preso da uno slogan pubblicitario televisivo «Cry baby cry, make your mother buy» (piangi bambino piangi, così la mamma compra) ma la canzone si evolse ben presto in qualcosa di somigliante alla filastrocca per bambini Sing a Song of Sixpence, dalla quale mutua l'intera strofa «The queen was in the parlour»; nella stessa compaiono anche «Four and twenty blackbirds» e Blackbird è, curiosamente, un altro brano presente sullo stesso disco. Su questa filastrocca per bambini Agatha Christie modellò i delitti per il suo A Pocketful of Rye (Polvere negli occhi nella traduzione italiana)

Significato[modifica | modifica sorgente]

Illustrazione tratta da Sing a Song for Sixpence, filastrocca a cui si ispira la trama musicale di Cry Baby Cry

La canzone è avvolta in un'atmosfera fiabesca, ispirata ancora una volta allo stile di Lewis Carroll, disseminata di nonsense, come l'inserimento a sorpresa dell'ape e dell'uccello, riferimento secondo un modo di dire anglosassone ai primi rudimenti di educazione sessuale. La canzone include anche alcune creazioni dello stesso Lennon, come la duchessa di Kirkcaldy e il re di Marigold – Kirkcaldy è nel Fife, in Scozia, e i Beatles vi si esibirono, per la precisione al Carlton Theatre, il 6 ottobre del 1963.

Tutto il brano trasuda una straniante atmosfera da brivido, in parte per le ambiguità del suo testo, in parte per il minacciosamente ricorrente si bemolle blues, che non appartiene né al sol maggiore del ritornello né alla sua relativa minore. Nel suo saggio sulle canzoni del gruppo, Ian MacDonald scrive che, fra tutti i Beatles, Lennon era quello che aveva il contatto più immediato con l'infanzia e che la canzone, «con la sua ingannevole solarità e le sue misteriose risate dietro porte socchiuse, è uno dei frutti più evocativi di quel canale creativo».[1]

Can you take me back?[modifica | modifica sorgente]

Al termine della canzone è inserito l'accenno di un motivo incompiuto di Paul McCartney realizzato durante una session del White Album e non incluso nella lista dei brani sulla copertina, basato su varianti di un solo verso: «Can you take me back where I came from / Can you take me back? / Can you take me back where I came from / Brother can you take me back?» ("Puoi riportarmi da dove sono venuto / Puoi riportarmi indietro? / Puoi riportarmi da dove sono venuto / Fratello puoi riportarmi indietro?").

Cover[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ian MacDonald, The Beatles - L'opera completa, Mondadori, Milano, 1994

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Alan W. Pollack, Notes on "Cry Baby Cry" in Notes on ... Series, Rijksuniversiteit Groningen.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock