Eccidio di Cielo Drive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eccidio di Cielo Drive
Strage
Tipoomicidio
Data9 agosto 1969
00:30 – 4:00 (UTC-8)
Luogo10050 Cielo Drive
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoCalifornia California
ConteaContea di Los Angeles
ComuneLos Angeles
Coordinate34°05′38″N 118°25′57″W / 34.093889°N 118.4325°W34.093889; -118.4325Coordinate: 34°05′38″N 118°25′57″W / 34.093889°N 118.4325°W34.093889; -118.4325
ArmaUn revolver calibro 22, tre coltellini tascabili, una corda di nylon
ObiettivoTerry Melcher e Mark Lindsay o Sharon Tate[1]
ResponsabiliSusan Atkins, Patricia Krenwinkel e Charles "Tex" Watson della "famiglia" Manson
Conseguenze
Morti5 + 1 bambino in grembo

L'eccidio di Cielo Drive o omicidio Tate fu un omicidio di cinque persone condotto da membri della "famiglia" Manson l'8-9 agosto 1969. Quattro membri della family entrarono nella casa in affitto di una coppia di celebrità che si era da poco sposata, armati con un revolver calibro 22 Hi-Standard Double Nine Longhorn "Buntline" Styled,[2] di coltelli e con una corda di nylon lunga tre metri, al 10050 Cielo Drive. Nel Benedict Canyon a Los Angeles abitavano l'attrice Sharon Tate e il regista Roman Polański. I tre membri della famiglia Manson uccisero la Tate, incinta di otto mesi e mezzo, insieme a tre amici che erano in visita in quel momento, e un ragazzo di 18 anni, che venne ucciso mentre stava lasciando l'abitazione del custode. Polański non era presente nella notte degli omicidi, dato che era a Londra e stava lavorando a un film in Europa (Il giorno del delfino che avrebbe dovuto dirigere).

Gli omicidi furono commessi da Tex Watson (23 anni), Susan Atkins (21 anni) e Patricia Krenwinkel (21 anni), sotto la guida di Charles Manson. Watson accompagnò in auto Atkins, Krenwinkel e Linda Kasabian dallo Spahn Ranch alla residenza su Cielo Drive. Manson, un aspirante musicista, aveva precedentemente tentato di stipulare un contratto discografico con il produttore discografico Terry Melcher, che era un precedente affittuario della casa (dal maggio 1966 al gennaio 1969) insieme al musicista Mark Lindsay e all'allora fidanzata di Melcher, l'attrice Candice Bergen. Melcher aveva snobbato Manson, lasciandolo scontento.

Il 2 febbraio 1969 Roman Polański e sua moglie Sharon Tate presero in affitto per un anno la casa dal produttore Rudi Altobelli al costo di 1.200 dollari al mese [3](pari a quasi 8.400 dollari del 2019[4]) e si trasferirono il 15 dello stesso mese.

Il 23 marzo 1969 Charles Manson visitò la casa su Cielo Drive, forse per cercare il produttore Terry Melcher e vendicarsi per non aver ottenuto un contratto discografico. Quel giorno era presente il proprietario Altobelli e disse a Manson che Melcher si era trasferito a gennaio. Si dice che Charles Manson fosse già a conoscenza del trasloco di Melcher e visitò la casa solo per osservare i nuovi residenti, in particolare Sharon Tate[5].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli omicidi[modifica | modifica wikitesto]

Posizione della casa

La notte dell'8 agosto 1969, Tex Watson, come gli aveva ordinato Manson, portò Susan Atkins, Linda Kasabian e Patricia Krenwinkel in "quella casa dove abitava Melcher", per "uccidere tutti i presenti, nella maniera più macabra possibile". Manson aveva detto alle donne di fare come Watson le avrebbe istruite. Krenwinkel era una dei primi membri della famiglia e sarebbe presumibilmente stata presa in auto da Dennis Wilson dei Beach Boys mentre faceva l'autostop.

Le quattro persone presenti all'interno della casa al 10050 Cielo Drive quella sera, tutti estranei ai seguaci di Manson, erano l'attrice cinematografica e modella Sharon Tate (26 anni), incinta di otto mesi e mezzo e moglie del regista Roman Polanski, il suo amico ed ex fidanzato Jay Sebring (35 anni), un noto parrucchiere, amico e aspirante sceneggiatore di Polanski, Wojciech Frykowski (32 anni) e la fidanzata di Frykowski, Abigail Folger (25 anni), figlia di Peter Folger proprietario dell'industria del caffè Folgers. Polanski era in Europa e stava lavorando a un progetto cinematografico; Tate lo aveva accompagnato, ma era tornata a casa con il transatlantico Queen Elizabeth 2 il 20 luglio e Roman aveva previsto il suo ritorno a casa il 12 agosto. Il produttore musicale Quincy Jones, un amico di Sebring, aveva programmato di unirsi a lui quella sera, ma non ci andò. Sebring aveva invitato anche l'attore Steve McQueen alla festa a casa di Tate nella notte degli omicidi; successivamente McQueen disse di aver invitato una ragazza ad andare con lui, ma lei avrebbe suggerito di passare una notte d'intimità a casa.

Quando il gruppo arrivò verso mezzanotte all'ingresso della proprietà, Watson, che era stato in casa almeno un'altra volta, salì su un palo del telefono vicino al cancello d'ingresso e tagliò la linea telefonica alla casa.

Il gruppo riportò la macchina sul fondo della collina che conduceva alla tenuta, parcheggiò e tornò verso la casa a piedi. Pensando che il cancello potesse essere elettrificato o dotato di un allarme, salirono su un terrapieno alla destra del cancello ed entrarono nel giardino.

Proprio in quel momento una macchina andò verso di loro, Watson ordinò alle donne di nascondersi tra i cespugli e intimò all'autista in avvicinamento di fermarsi. Lo studente diciottenne Steven Earl Parent faceva di sera il venditore porta e porta e lavorava al Jonas Miller Stereo; era arrivato verso le 23:45 alla casa del custode della proprietà, William Garretson, che viveva nella foresteria della casa, per vendere una radio sveglia Sony AM-FM Digimatic[6]. Mentre Watson puntava il revolver calibro .22 verso Parent, il giovane lo implorò di non fargli del male, sostenendo che non avrebbe detto nulla. Watson si lanciò contro Parent con un coltello, procurandogli una ferita da taglio sul palmo della mano (tagliando i tendini e strappando l'orologio del ragazzo dal polso che venne ritrovato fermo alle 12:15), quindi gli sparò quattro volte al petto, all'addome e al volto, uccidendolo. Watson ordinò poi alle donne di aiutarlo a spingere la macchina più avanti nel vialetto.

Le foto segnaletiche di Susan Atkins, Charles "Tex" Watson e Patricia Krenwinkel della famiglia Manson, autori dell'omicidio di Sharon Tate e dei suoi amici

Dopo aver attraversato il prato davanti la casa e aver mandato Kasabian a cercare una finestra aperta sull'edificio principale, Watson tagliò la zanzariera di una finestra. Watson disse a Kasabian di sorvegliare il cancello; si avvicinò all'AMC Ambassador targata MPK 308 di Parent e attese. Watson rimosse la zanzariera, entrò dalla finestra e lasciò entrare Atkins e Krenwinkel attraverso la porta principale.

Mentre Watson sussurrava ad Atkins, Frykowski addormentato sul divano del soggiorno si svegliò; Watson gli diede quindi un calcio in testa. Quando Frykowski gli chiese chi fosse e cosa ci facesse lì, Watson rispose: «Sono il diavolo e sono qui per fare gli affari del diavolo».

Sotto la guida di Watson, Atkins trovò gli altri tre occupanti della casa e, con l'aiuto di Krenwinkel, gli intimarono di andare nel soggiorno. Watson iniziò a legare insieme Tate e Sebring per il collo con la corda che aveva portato e appeso sopra una delle travi del soffitto del soggiorno. La protesta di Sebring - la sua seconda - per il duro trattamento della incinta Tate portò Watson a sparargli. La Folger venne portata momentaneamente in camera sua per la sua borsa, dalla quale diede agli intrusi 70 dollari. Successivamente, Watson pugnalò sette volte Sebring.

Le mani di Frykowski erano state legate con un asciugamano. Liberatosi, Frykowski iniziò a lottare con Atkins, che gli pugnalò le gambe con il coltello con cui lo stava tendendo sotto controllo. Mentre Frykowski si faceva strada lottando fuori dalla porta principale, Watson lo raggiunse sul portico e lo colpì alla testa con la pistola più volte, poi lo pugnalò ripetutamente e gli sparò due volte.

Più o meno contemporaneamente, Kasabian fu attratta nel vialetto da "suoni terrificanti" e arrivò fuori dalla porta principale. Nel vano tentativo di fermare il massacro, disse quindi alla Atkins che stava arrivando qualcuno anche se non era vero.

All'interno della casa, Folger era riuscita a fuggire da Krenwinkel ed era scappata passando per una porta della camera da letto nell'area della piscina. Folger venne inseguita sul prato da Krenwinkel, che la prese, la pugnalò e infine la affrontò a terra. Fu uccisa da Watson, che la accoltellò 28 volte. Mentre Frykowski si trascinava nel prato, Watson lo uccise con un'ultima raffica di pugnalate. Frykowski fu pugnalato per un totale di 51 volte.

Nella casa, Tate supplicò di farla vivere abbastanza a lungo per partorire, e si offrì come ostaggio nel vano tentativo di salvare la vita dentro di lei. A questo punto Susan Atkins le disse: «Smettila di frignare puttana! Non ce ne frega un cazzo di te e del tuo bambino!»[7], poi Atkins, Watson o entrambi colpirono la Tate, che fu pugnalata 16 volte. Watson in seguito scrisse che mentre veniva uccisa, Tate gridò: «Madre... madre... ».

Prima di lasciare lo Spahn Ranch, Manson aveva detto alle donne di "lasciare un segno... qualcosa di stregato" sulla scena del crimine. Usando l'asciugamano con il quale aveva legato le mani di Frykowski, la Atkins scrisse "PIG" (maiale) sulla porta della casa con il sangue della Tate. Sulla strada verso casa, gli assassini si cambiarono i vestiti insanguinati e li gettarono tra le le colline insieme alle loro armi.

I funerali delle vittime[modifica | modifica wikitesto]

Tomba della famiglia Tate all'Holy Cross Cemetery di Culver City in California

Il giorno stesso della scoperta venne informato dell'eccidio il marito di Sharon Tate, il regista Roman Polański e il giorno dopo arrivò da Londra per il riconoscimento del cadavere della moglie.

Il funerale di quattro delle cinque vittime si tenne il 13 agosto, Abigail Folger è stata sepolta all'Holy Cross Cemetery di Colma in California[8], Steven Parent è stato sepolto al Queen of Heaven Cemetery di Rowland Heights in California[9], Jay Sebring è stato sepolto all'Holy Sepulchre Cemetery di Southfield in Michigan[10]e Sharon Tate e il figlio mai nato Paul Richard Polański tra le sue braccia sono stati sepolti il 13 agosto all'Holy Cross Cemetery di Culver City in California dove in seguito fu sepolta anche la madre Doris (1924-1992) e la sorella Patricia (1957-2000)[11] mentre Wojciech Frykowski è stato cremato e inumato il 22 agosto al Cmentarz Św. Józefa di Łódź in Polonia[12].

Il processo e le condanne[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre del 1969 molti membri della famiglia Manson furono arrestati allo Spahn Ranch nella Valle della Morte tra cui lo stesso Charles Manson che però non era presente al momento del crimine e venne condannato nel 1971 alla pena di morte, ma con l'abolizione della pena di morte nel 1976 in California la pena venne commutata nell'ergastolo;[1].

I tre colpevoli materiali dell'omicidio sono stati Susan Atkins, Patricia Krenwinkel e Tex Watson; la Atkins dopo essersi convertita al cristianesimo in carcere è morta nel 2009 di tumore al cervello nel carcere femminile di Chowchilla all'età di 61 anni, la Krenwinkel sta scontando la pena nel carcere femminile di Chino e le è stata negata per 13 volte la libertà condizionale mentre Watson si è convertito al cristianesimo nel 1975, poi nel 2009 ha ottenuto il Bachelor of Science in business management alla California Coast University e gli è stata negata per 17 volte la libertà condizionale e sta scontando la pena al Richard J. Donovan Correctional Facility di San Diego[13].

Il proprietario della casa, il produttore Rudi Altobelli tornò ad abitare nella villa tre settimane dopo l'eccidio e in aggiunta alle condanne della famiglia Manson il 13 giugno 1970 il proprietario fece causa alla famiglia di Sharon Tate per 15.000 dollari di danni alla proprietà (costituiti dal sangue delle vittime) e "almeno 30.000 dollari in danni" perché Folger e Frykowski vivevano lì in violazione del contratto di locazione. La villa di Cielo Drive all'epoca valeva solo poco più di 45.000 dollari. Altobelli abitò nella casa per quasi vent'anni fino al 1988[14].

Cronologia degli eventi dell'omicidio[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la cronologia degli eventi tra la sera e la notte tra l'8 e il 9 agosto 1969, tutti i fatti sono UTC-8[15]:

8 agosto 1969[modifica | modifica wikitesto]

  • 20:00-21:45 Sebring, Frykowski, Folger e Sharon Tate cenano al ristorante messicano El Coyote Restaurant situato al 7312 Beverly Boulevard a Beverly Hills a 6 miglia (9,6 km) dall'abitazione[16].
  • 22:00 La madre di Abigail Folger chiama il figlio da San Francisco per confermare la visita di suo figlio l'8 settembre in occasione del suo compleanno. La madre non lo trovò preoccupato.
  • 22:30 Sebring, Frykowski, Folger e Sharon Tate arrivano al 10050 Cielo Drive.
  • 23:45 Il giovane venditore porta a porta Steve Parent raggiunge l'abitazione dl custode William Garretson per vendere una radio sveglia.

9 agosto 1969[modifica | modifica wikitesto]

  • 00:00 Steve Parent usa il telefono del custode William Garretson per fare una chiamata e poco dopo gli offre una birra.
  • 00:15 Steve saluta Garretson e mentre sta per lasciare la casa e dopo che è uscito con l'auto dal cancello viene fermato Charles "Tex" Watson che prima taglia con un coltello il cinturino del suo orologio e poi lo uccide con quattro colpi di pistola.
  • 00:30-4:00 Probabile fascia orario del pluriomicidio infatti in questo periodo di tempo urla e rumori di probabili colpi di pistola sono sentiti da otto testimoni del vicinato.
  • 4:30-5:00 Il fattorino Steven B. Shannen del quotidiano Los Angeles Times consegnò il giornale al cancello del 10050 Cielo Drive. Mentre si avvicinava al cancello, notò che c'era un filo della corrente tagliato ma non entra nella casa.
  • 9:14, West Los Angeles Units 8L5 con il poliziotto T. Whisenhunt e 8L62 con i poliziotti J. J. D e Rosa del Los Angeles Police Department ricevono la chiamata di emergenza "Code 2, possible homicide, 10050 Cielo Drive".
  • 9:30 Viene arrestato il custode della villa William Garretson sospettato di omicidio dato che abitava in un piccolo cottage dietro la casa principale, viene rilasciato dopo il delitto La Bianca il 13 agosto e in seguito testimonierà nel 1970 contro la famiglia Manson.

Cause di morte[modifica | modifica wikitesto]

Le autopsie sulle vittime vennero effettuate il 10 agosto supervisionate dal coroner della contea di Los Angeles Thomas Noguchi:

  • Abigail Folger era stata pugnalata 28 volte di cui 7 erano ferite superficiali che avevano causato un'estesa emorragia; nel sangue venne trovato 2,4 mg di MDA[17].
  • Wojciech Frykowski era stato pugnalato 51 volte e almeno sette pugnalate erano state fatali, era stato colpito anche da due colpi di pistola al petto che erano stati anch'essi fatali che avevano causato un'estesa emorragia; nell'urina venne trovato 0,6 mg di MDA[18];
  • Steven Parent era stato colpito da tre colpi di pistola di cui due fatali che avevano causato la perforazione del polmone sinistro, della trachea e dell'aorta causando un'emorragia fatale e aveva un taglio non fatale alla mano sinistra[19];
  • Jay Sebring era stato pugnalato 7 volte, aveva due tagli e un colpo di pistola al petto, erano state mortali almeno tre ferite che avevano causato un dissanguamento tra cui il colpo di pistola al petto[20];
  • Sharon Tate era stata pugnalata 16 volte e tre pugnalate erano risultate mortali dato che avevano causato la morte per un'estesa emorragia nella cavità pleurica e nel pericardio[21];

Le droghe rinvenute[modifica | modifica wikitesto]

Nella casa furono ritrovate le seguenti droghe[22]:

  • trenta grammi di hashish e dieci capsule di MDA nella camera usata da Frykowski e Folger.
  • un grammo di cocaina, sei grammi di marijuana e residui di uno spinello nell'auto di Sebring.
  • 6,9 grammi di marijuana in una borsa di plastica in un mobile del soggiorno.
  • residui di marijuana nella cenere sul comodino vicino al letto di Sharon Tate.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

L'efferato omicidio è stato ricostruito in varie opere sulla famiglia Manson:

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]