King of Broken Hearts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
King of Broken Hearts
Artista Ringo Starr
Autore/i Richard Starkey, Mark Hudson,
Genere Country rock
Rock
Country
Rock and roll
Pubblicazione
Incisione Vertical Man
Data 16 giugno 1998
Etichetta Mercury Records
Durata 4:44
Vertical Man – tracce
Precedente
Mindfield
Successiva
King of Broken Hearts
Artista Ringo Starr
Featuring George Harrison
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1998
Durata 4:44
Album di provenienza Vertical Man
Dischi 1
Tracce 1
Genere Country rock[1]
Etichetta Mercury Records
Produttore Mark Hudson, Ringo Starr
Arrangiamenti Graham Preskett
Formati CD singolo
Note disco destinato al mercato radiofonico
Singoli di Ringo Starr - cronologia
Singolo precedente
(1998)
Singolo successivo
(1998)
Singoli radiofonici di Ringo Starr - cronologia
Singolo precedente
(1998)
Singolo successivo
(1998)
Singoli di Ringo Starr con la partecipazione di George Harrison - cronologia
Singolo precedente
(1981)
Singolo successivo

King of Broken Hearts è un brano di Ringo Starr apparso sull'album Vertical Man del 1998[1][2][3]; è stato pubblicato anche su un singolo destinato alla radio. Il disco, commercializzato dalla Mercury Records, è stato pubblicato solamente negli Stati Uniti con il numero di catalogo MECP443[4]. Gli autori della canzone, oltre che Ringo, accreditato con il suo vero nome, Richard Starkey, sono Mark Hudson, Steve Dudas e Dean Micheal Grakal. In seguito, la canzone è stata inclusa sulla raccolta Photograph: The Very Best of Ringo[5], ma esclusa sulla sua versione digitale, intitolata Photograph: The Digital Greatest Hits[6]. Una versione live del brano è comparsa su VH1 Storytellers[7]. Ringo, nel libretto di Photograph, ha commentato il gruppo che ha composto il brano come quattro musicisti compositori che si divertivano scrivendo canzoni tristi[1]. Il songwriting team non ha composto solo questo brano su Vertical Man; ai quattro sono state accreditate anche le tracce One, What... in the World, Mindfield, la title track, La De Da, I'll Be Fine Everywhere e Puppet[2]. Starr ricorda che aveva chiamato George Harrison per suonare nella canzone, ma che aveva rifiutato, dicendo di non essere di buon umore. Due settimane dopo, il batterista richiamò l'amico, che disse che stava suonando in uno studio di registrazione con la chitarra Dobro, per cui Ringo disse che lo strumento avrebbe suonato bene sull'album. Allora Harrison registrò la sua parte di chitarra e la spedì a Starr, al quale arrivò il 22 dicembre 1997; per il periodo natalizio, le registrazioni di Vertical Man erano state momentaneamente interrotte, ma chiese agli altri turnisti di andare al Village Recorders Studio per ascoltare il nastro. Starr ne rimase tanto impressionato da dire all'amico di averlo commosso[3]. Geoff Emerick, che ha considerato Vertical Man come il "Sgt. Pepper di Ringo"[2], ha detto che il brano presente la parte vocale più energica che Starkey abbia mai registrato[3].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

L'arrangiamento degli archi è ad opera di Graham Preskett[1][2][3]; sono stati diretti da George Martin[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Ringo Starr, Photograph: The Very Best of Ringo, Capitol Records, 2007., pag. 11
  2. ^ a b c d (EN) Vertical Man, JPGR. URL consultato il 17 aprile 2014.
  3. ^ a b c d e Ringo Starr, The Ringo Starr Encyclopedia, Virgin Books, 2004., pag. 759 - 760 della versione iTunes
  4. ^ (EN) King of Broken Hearts - Ringo Starr, rateyourmusic. URL consultato il 17 aprile 2014.
  5. ^ Ringo Starr
  6. ^ (EN) Photograph: The Digital Greatest Hits, last.fm.it. URL consultato il 17 aprile 2014.
  7. ^ (EN) Ringo Starr - VH1 Storytellers, Discogs. URL consultato il 17 aprile 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica