You Don't Know Me at All

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
You Don't Know Me at All
Artista Ringo Starr
Autore/i Dave Jordan
Genere Pop psichedelico
Doo-wop
Rock and roll
Pop rock
Soft rock
Data 17 settembre 1976Stati Uniti
Data seconda pubblicazione 27 settembre 1976Regno Unito
Etichetta Atlantic Records (USA & Canada)
Polydor Records (Distribuzione globale)
Durata 3:15
Tracce
Precedente
Successiva
Cookin' (In the Kitchen of Love)
You Don't Know Me at All
Artista Ringo Starr
Tipo album Singolo
Pubblicazione ottobre 1976
Album di provenienza Ringo's Rotogravure
Dischi 1
Tracce 2
Genere Rock
Etichetta Polydor Records
Produttore Arif Mardin
Formati 7"
Note Paesi Bassi #24
Singoli di Ringo Starr - cronologia
Singolo precedente
(1976)
Singolo successivo
(1976)

You Don't Know Me at All è un brano musicale di Ringo Starr, composto da Dave Jordan, pubblicato sull'album Rotogravure (1976)[1].

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Storia, composizione e registrazione[modifica | modifica wikitesto]

L'album Ringo's Rotogravure presenta, oltre che i contributi degli altri tre Beatles, i quali fornirono al loro ex-batterista tre loro composizioni, una canzone di Eric Clapton e tre pezzi co-firmati da Ringo Starr assieme ad altri autori, anche la cover di Hey! Baby e due tracce inedite scritte da songwriters: A Dose of Rock 'n' Roll[2], di Carl Grossman, all'epoca sotto contratto per la Ring'O Records[3], e You Don't Know Me at All[2]; quest'ultima venne composta da Dave Jordan, che non ebbe più a che fare con il drummer per il resto della sua carriera[4].

Le sessions per la registrazione di Rotogravure, prodotto da Arif Mardin, iniziarono il 16 aprile 1976 ed ufficialmente finirono il 4 agosto, ma sono state mosse obiezioni su questo[2]; in effetti, l'album successivo, Ringo the 4th (1977), venne registrato in un mese, e, oltre alle sue dieci tracce, nelle sedute venne registrata anche Just a Dream, b-side del singolo Drowning in the Sea of Love, ed almeno altre sei canzoni[5], mentre, nell'incisione di Rotogravure, il numero effettivo di brani inclusi sembra essere quattordici[2]. L'incisione di You Don't Know Me at All, per la line-up, è abbastanza omogenea al resto dell'album: oltre Ringo alla voce ed alla batteria, Lon Van Eaton è alla chitarra, Cooker Lo Presti suona il basso elettrico, John Jarvis suona il pianoforte e Jim Keltner, qui ribattezzato "Lightin'", suona anch'egli la batteria; i coristi sono Vini Poncia, frequente collaboratore musicale dell'ex-beatle, e Duitch Helmer[2]. L'unica particolare differenza, nei musicisti e negli strumenti, è la presenza di un'orchestra d'archi, apparsa solo su questa traccia, Pure Gold ed I'll Still Love You; dell'orchestra, il primo violino è Gene Orloff[2].

Pubblicazione ed accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Ringo's Rotogravure venne pubblicato verso metà settembre 1976, ed ebbe un tiepido riscontro delle vendite[2] ed un pessimo responso critico[6]. You Don't Know Me at All ne chiude il lato A, ed è preceduta da Cryin'; la seconda facciata è aperta dalla lennoniana Cookin' (In the Kitchen of Love)[2]. Il critico D. B. Wilson, giudicando abbastanza negativamente l'LP, ha affermato che questa canzone è egregia, complimento che nessun'altra traccia del disco ha avuto[7].

Ad ottobre dello stesso anno, in alcuni Stati dell'Europa Capitalista, ovvero Francia, Germania, Italia e Paesi Bassi, You Don't Know Me at All venne pubblicata come singolo, con al lato B Cryin'; pubblicato dalla Polydor, il numero di serie era 2001 695. Questa canzone, nei Paesi Bassi, venne erroneamente indicata come You Don't Know Me[8]. Inoltre, in Belgio, dove il singolo arrivò il 31 gennaio 1977, venne in seguito pubblicata un'edizione dell'SP (Polydor 2001 707) con, come b-side, Las Brisas[9]. L'unico piazzamento in classifica conosciuta è la 24ª posizione nei Paesi Bassi[9].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bill Harry, pag. 1232
  2. ^ a b c d e f g h i (EN) Graham Calkin, Rotogravure, JPGR. URL consultato il 02 settembre 2014.
  3. ^ Bill Harry, pag. 699 - 700
  4. ^ (EN) Dave Jordan (2) Discography - Wri, Discogs. URL consultato il 02 settembre 2014.
  5. ^ (EN) Graham Calkin, Ringo the 4th, JPGR. URL consultato il 03 settembre 2014.
  6. ^ Hervé Bourhis, pag. 125
  7. ^ (EN) Wilson & Arloy, Ringo Starr, Wilson & Alroys' Records Reviews. URL consultato il 03 settembre 2014.
  8. ^ (EN) Ringo Starr - You Don't Know Me at All, Discogs. URL consultato il 03 settembre 2014.
  9. ^ a b (FR) Ringo Starr - You Don't Me at All, Ultratop. URL consultato il 03 settembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hervé Bourhis, Il Piccolo Libro dei Beatles, Blackvelvet, 2012.
  • Bill Harry, The Ringo Starr Encyclopedia, Virgin Books, 2003., edizione iTunes