Arif Mardin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arif Mardin con Bette Midler alla cerimonia dei Grammy Awards nel febbraio del 1990

Arif Mardin (Istanbul, 15 marzo 1932New York, 25 giugno 2006) è stato un produttore discografico statunitense. Ha lavorato con una vasta gamma di artisti, di vario genere, tra cui jazz, rock, soul e country.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Arif Mardin nacque a İstanbul, in una famiglia che includeva diplomatici, uomini d'affari e militari. Crescendo, ascolta la musica di artisti come Bing Crosby e Glenn Miller; grazie all'intermediazione di sua sorella riesce a conoscere il critico jazz Cuneyt Sermet, che lo introdusse a quel tipo di musica e, successivamente, divenne il suo mentore. Dopo essersi laureato alla Marmara University in Economia e Commercio, Mardin iniziò a studiare alla London School of Economics. Influenzato nuovamente dalla sorella e dai suoi gusti musicali, divenne parte di un'orchestra, ma smise subito in quanto non rientrava tra i suoi futuri progetti.

Ciononostante, il suo destino cambiò nel 1956 dopo aver incontrato Dizzy Gillespie e Quincy Jones ad un concerto ad Istanbul. Mandò allora tre demo musicali al suo amico Tahir Sur, che lavorava in una stazione radio americana. Sur spedì le registrazioni a Quincy Jones e Mardin diventò il primo a beneficiare della borsa di studio alla Berklee College of Music di Boston. Nel 1958 lui e la sua fidanzata Latife si spostarono da Istanbul a Boston. Dopo essersi laureato nel 1961, insegnò nella stessa scuola per un anno, per poi trasferirsi a New York.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Mardin iniziò la sua carriera all'Atlantic Records nel 1963 come assistente di Nesuhi Ertegün (fratello di Ahmet Ertegün, cofondatore della Atlantic, e amante del jazz). Mardin fece velocemente fortuna, diventando presto studio manager, produttore dell'etichetta e compositore. Nel 1969, raggiunse la carica di vice presidente e, in seguito, divenne vice president senior (carica che mantenne fino al 2001). Lavorò a stretto contatto con Ertegün e Jerry Wexler, le due personalità responsabili del successo della "Atlantic Sound". Arif Mardin si ritirò dall Atlantic Records nel maggio 2001 e ristabilì la sua personale etichetta, la Manhattan Records. Allo stesso tempo mantenne i rapporti con l'industria musicale turca.

Produsse artisti del calibro di Carly Simon, Bette Midler, Barbra Streisand, i Bee Gees, Diana Ross, Queen, Patti LaBelle, Aretha Franklin, Anita Baker, Judy Collins, Phil Collins, Culture Club, Scritti Politti, Roberta Flack, Hall & Oates, Donny Hathaway, Norah Jones, Chaka Khan, George Benson, i Manhattan Transfer, Modern Jazz Quartet, Willie Nelson, John Prine, Dusty Springfield, David Bowie, Jewel e Ringo Starr[1].

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Anche negli ultimi anni della sua carriera riuscì a scoprire nuovi talenti, tra i quali Norah Jones, alla quale fece guadagnare diversi premi e riconoscimenti.

Mardin è morto nella sua casa di New York il 25 giugno 2006 dopo una lunga battaglia con il cancro del pancreas. I suoi resti sono stati portati nella sua terra d'origine e seppelliti al Karacaahmet Cemetery a Üsküdar il 5 luglio 2006. Robin Gibb e la moglie Dwina, tra gli altri, parteciparono al funerale.[2]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Arif era sposato con Latife, una drammaturga. Il loro figlio, Yusuf "Joe" Muhittin, a sua volta un laureato alla Berklee, è un produttore e compositore (e collabora con la sorella, Nazan Joffre), mentre l'altra loro figlia, Julie, è una fotografa.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua quarantennale carriera, Mardin vinse oltre quaranta album d'oro e platino, 15 nomination ai Grammy e 12 Grammy Awards. Nel 1990, Arif Mardin fu inserito nella Hall of Fame della National Academy of Recording Arts and Sciences.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59285249 · ISNI (EN0000 0000 6302 4991 · LCCN (ENn91048181 · GND (DE132108097 · BNF (FRcb14043678v (data)