Bad Boy (Ringo Starr)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bad Boy
ArtistaRingo Starr
Tipo albumStudio
Pubblicazione21 aprile 1978
Durata34:29
Dischi1
Tracce10
GenereRock and roll
Rock
Pop rock
Pop
EtichettaPolydor Records (Regno Unito) Portrait Records (USA)
ProduttoreVini Poncia
ArrangiamentiTom of the North
RegistrazioneElite Recording Studios (Bahamas), Can-Base Studio (Canada)
Formativinile, CD
NoteStati Uniti #129 Regno Unito #0
Albums di Ringo Starr - cronologia
'Album precedente
(1977)
Singoli
  1. Lipstick Traces (On a Cigarette)/Old Time Revolvin
    Pubblicato: 18 aprile 1978 (USA)
  2. Heart on My Sleeve/Who Needs a Heart
    Pubblicato: 6 luglio 1978 (USA)
  3. Tonight/Heart on My Sleeve
    Pubblicato: 21 luglio 1978 (UK)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 2/5 stelle[1]
Hervé Bourhis 0/5 stelle[2]
Galleria Musical[3] 3/5 stelle
Rolling Stone Magazine Sfavorevole[4]
DeBaser 1/5 stelle[5]

Bad Boy è l'ottavo album solista di Ringo Starr, uscito il 21 aprile 1978 su etichetta Polydor/Portrait Records[6][7]. Dopo solo 7 mesi da Ringo the 4th il batterista cercò di riconquistare i gusti del pubblico con Bad Boy[4], ma l'album fu un altro insuccesso, e nessuna delle due etichette rinnovò il suo contratto[6].

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo lo scioglimeto dei Beatles nel 1970, Ringo Starr aveva avuto una fortunata carriera solista, in particolar modo negli States, dove tutti i suoi dischi (ad eccezione di Beaucoups of Blues) erano entrati in Top 30 e contava una decina di singoli in Top 40, molti dei quali in Top 10 e tre di essi in prima posizione. Ma, con l'arrivo del 1977, ci fu un brusco arresto: l'LP Ringo the 4th fu un flop tremendo, ed arrivò ad una scarsissima 162ª posizione[8]. Bad Boy doveva quindi risollevare le sorti del musicista, ma non accadde[4].

I brani[modifica | modifica wikitesto]

L'LP presenta principalmente covers di brani rock 'n' roll registrati tra la fine degli anni cinquanta e gli anni settanta:

L'unica altra cover ad apparire sul disco è Heart on My Sleeve, scritta e pubblicata da Gallagher & Lyle nel 1976. Dei restanti quattro brani, Who Needs an Heart ed Old Time Relovin' sono delle composizioni di Ringo, accreditato con il suo vero nome, Richard Starkey, e di Vini Poncia[7], Hard Times è un inedito, composto da Peter Skellern[10] e A Man Like Me è l'adattamento di un pezzo cantato dal drummer su Scouse the Mouse, intitolato A Mouse Like Me[7]; quando l'originale diceva "mouse", su Bad Boy Starr canta "man"[11].

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Bad Boy venne registrato all'Elite Recording Studios alle Bahamas ed ai Can-Base Studios di Vancouver nel dicembre 1977; la backing band[7], formata da musicisti anonimi[6], è stata chiamata "Ringo's Roadside Attraction". Nelle sedute di registrazione, oltre le dieci tracce apparse sull'LP, vennero incisi anche due pezzi per la televisione giapponese, intitolati Simple Life ed I Love My Suit[7].

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Bad Boy venne pubblicato, sia negli USA che in Gran Bretagna, il 21 aprile 1978[6][7][12]. L'LP prende il nome da un'omonima canzone, originariamente interpretata dai Jive Bombers nel 1957[7]. Nuovamente, il design della copertina venne curato da John Kosh; le fotografie di copertina e dell'interno-disco sono state scattate da Nancy Andrews, mentre quella del retro-copertina da Ringo Starr in persona[6][7]. Circa la scelta della copertina, in un'intervista per promuovere l'album al talk show di Phil Donahue, il batterista affermò che bisognava essere dei "cattivi ragazzi" per avere i gioielli ed il bicchiere di champagne. Nella stessa occasione, il musicista ricordò che divenne un "bad boy" quando abbandonò il lavoro per dedicare tutto il suo tempo alla musica[4].

Mentre la Polydor Records non aveva ancora cancellato il contratto con l'ex-beatle per la distribuzione dei suoi dischi in Gran Bretagna, dopo il flop di Ringo the 4th la Atlantic Records, la quale pubblicava i suoi dischi negli States, aveva lincenziato Starr, per cui quest'ultimo firmò con la piccola Portait Records, con la quale pubblicò solo questo 33 giri[6].

Per promuovere l'album, vennero girati due film per la televisione: uno, intitolato semplicemente Ringo[4], venne trasmesso il 26 aprile 1978 in America[12] ed il 2 gennaio 1983 in Inghilterra[13]; si trattava di una rivisitazione de Il principe e il povero[4]. Il 21 luglio dello stesso anno Starr iniziò a filmare, a Monte Carlo, un medio-metraggio di mezz'ora per promuovere Bad Boy, ma non venne mai completato[12]; una scena, nella quale Ringo e Nancy Andrews ballano, è stata utilizzata per il videoclip di Tonight[14].

Dall'album sono stati estratti vari singoli:

Nessun singolo entrò in classifica[4].

Tre canzoni dell'album sono apparse in seguito su una raccolta: Who Needs a Heart, Heart on My Sleeve ed Hard Times, tutte e tre apparse su Starr Struck: Best of Ringo Starr, Vol.2 del 1989[4]. La versione su CD[6], che non pubblicata in Gran Bretagna[7], non presenta bonus tracks[4]. Venne commercializzata nel marzo 1991 dalla Epic Records[6].

L'album, che doveva rappresentare il come-back di Ringo dopo Ringo the 4th, fu nuovamente un flop: non entrò mai in classifica in patria, e raggiunse solo la 129° negli States[6]. L'unico altro Stato dove il disco ebbe un posto in classifica è l'Australia: lì, Bad Boy giunse alla 98ª posizione, quindi ancora più bassa rispetto al precedente (65°)[16]. Anche le critiche rimasero su un livello basso: Rolling Stone Magazine ha definito la musica dell'LP come della "musica per cocktail inascoltabile", e Alan Clayson scrisse che si trattava di un "album-rigetto", lievemente migliore rispetto a quelli con l'Atlantic[4]. William Ruhulmann di AllMusic ha affermato che c'era una buona scelta di canzoni, soffermandosi su Where Did Our Love Go, Heart on My Sleeve e Lipstick Traces, ma che non bastavano per risollevare le sorti della carriera dell'ormai ex-star[1]. Un'altra critica stroncante all'LP è di Hervè Bourhis, che ha aggiunto all'album il sottotitolo di "O i danni dell'alcolismo..."[2]. Dopo quest'insuccesso, il batterista si ritirò dal mondo della musica per quasi tre anni, ritornando a registrare solamente nel 1980[7].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

  1. Who Needs a Heart – 3:48 (Richard Starkey, Vini Poncia)
  2. Bad Boy – 3:14 (Lil Amstrong, Avon Long)
  3. Lipstick Traces (On a Cigarette) – 3:01 (Naomi Neville)
  4. Heart on My Sleeve – 3:20 (Gallagher and Lyle)
  5. Where Did Our Love Go – 3:15 (Eddie Holland, Lamont Dozier, Brian Holland)

Lato B

  1. Hard Times – 3:31 (Peter Skellern)
  2. Tonight – 2:56 (Ian McLagan, John Pidgeon)
  3. Monkey See - Monkey Do – 3:36 (Michael Franks)
  4. Old Time Revolvin' – 4:16 (Richard Starkey, Vini Poncia)
  5. A Man Like Me – 3:08 (Ruan O'Lochlainn)

[7]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

I musicisti sono prevalentemente anonimi.

L'arrangiamento dei corni è ad opera di Tom of the North[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) William Ruhulmann, Bad Boy - Ringo Starr, AllMusic. URL consultato il 17 giugno 2014.
  2. ^ a b Hervé Bourhis, Il Piccolo Libro dei Beatles, Blackvelvet, 2012., pag. 129.
  3. ^ (EN) Anderson Nascimento, Pagina do àlbum "Bad Boy" - Ringo Starr, Galleria Musical. URL consultato il 17 giugno 2014.
  4. ^ a b c d e f g h i j (EN) Autori vari, Ringo Starr's "Bad Boy", airmal.net. URL consultato il 17 giugno 2014.
  5. ^ (EN) London, Bad Boy - Ringo Starr, DeBaser. URL consultato il 17 giugno 2014.
  6. ^ a b c d e f g h i j Bill Harry, The Ringo Starr Encyclopedia, Virgin Books, 2004, p. 91.
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (EN) Graham Calkin, Bad Boy, JPGR. URL consultato il 17 giugno 2014.
  8. ^ (EN) William Ruhulmann, Ringo Starr - Awards, AllMusic. URL consultato il 18 giugno 2014.
  9. ^ (EN) Cover versions of "Tonight", written by Ian McLagan, John Pidgeon, SecondHandSongs. URL consultato il 17 giugno 2014.
  10. ^ Bill Harry, pag. 705.
  11. ^ Hervé Bourhis, pag. 115?
  12. ^ a b c d e f Bill Harry, pag. 429 - 430.
  13. ^ Bill Harry, pag. 447.
  14. ^ (EN) Graham Calkin, Ringo Starr - Tonight b/w Heart on My Sleeve, JPGR. URL consultato il 17 giugno 2014.
  15. ^ (EN) Graham Calkin, Ringo Starr - Lipstick Traces b/w Old Time Relovin', JPGR. URL consultato il 17 giugno 2014.
  16. ^ David Kent, Australian Chart 1970 - 1992. Australian Chart Book, St Ives, N.S.W., 1993.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock