Small Faces

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Small Faces
Paese d'origine Inghilterra Inghilterra
Genere Rock and roll
Soul bianco
Rhythm and blues
Rock psichedelico
Beat
Pop psichedelico
Periodo di attività 1965- 1969
1976 -1978
Album pubblicati 12
Studio 8
Live 4
Raccolte -

Gli Small Faces sono stati un gruppo musicale formatosi nel 1965 a Londra, ricordati come una delle più acclamate e influenti band mod degli anni sessanta.[1][2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli Small Faces furono fondati a Londra nel 1965 dal cantante e chitarrista Steve Marriott e dal bassista Ronnie Lane, ai quali si aggiunsero il batterista Kenney Jones, e Jimmy Winston, presto rimpiazzato da Ian McLagan come tastierista. La fine del gruppo viene datata con l'abbandono, nel 1968, da parte di Steve Marriott che fonderà gli Humble Pie con Peter Green, mentre gli altri tre con Ron Wood e Rod Stewart avranno fortuna nei Faces nel corso dei primi anni settanta. Nel 1976, in coincidenza col fortunato rilancio di Itchycoo Park e di Lazy Sunday, Marriott, Jones e McLagan riformeranno il gruppo con Rick Wills (che suonò nell'album Frampton's Camel) e Jimmy McCullouch (ex Wings). Gli Small Faces "reunion", effettueranno alcuni concerti nella primavera e nell'autunno del 1977 e incideranno un paio di album, Playmates (1977) e 78 in the Shade (1978), per poi sciogliersi definitivamente nel maggio 1978. Dopo sei mesi, Kenney Jones entrerà negli Who per sostituire Keith Moon. Nel 1991 Marriott morirà in un incendio scoppiato nella sua casa, mentre nel 1997 Lane si arrenderà alla sclerosi multipla che lo aveva afflitto dagli anni settanta.

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • The Autumn Stone (1969)
  • In Memoriam (1970)
  • Wham Bam (1970)
  • Early Faces (1972)
  • The History of Small Face (1972)
  • Archetypes (1974)
  • Amen Corner & Small Faces (1975)
  • Rock Roots (1976)
  • Itchycoo Park (1999)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Influential Rock Musicians 1962-1969 British Invasion, Aces and Eighths. URL consultato il 16 agosto 2011.
  2. ^ Faces Biography, Rolling Stone. URL consultato il 16 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock