George Harrison: Living in the Material World

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
George Harrison: Living in the Material World
George Harrison Material World.jpg
Titolo originaleGeorge Harrison: Living in the Material World
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito
Anno2011
Durata208 min
Dati tecniciB/N e a colori
Generebiografico, documentario
RegiaMartin Scorsese
ProduttoreMartin Scorsese, Olivia Harrison
Distribuzione in italianoGood Films, Nexo Digital
MusicheGeorge Harrison
Interpreti e personaggi

George Harrison: Living in the Material World è un film documentario diretto da Martin Scorsese, pubblicato nell'ottobre del 2011, basato sulla vita di George Harrison.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film narra la storia di George Harrison dai suoi primi anni a Liverpool, al successo dei Beatles, ai viaggi in India e all'influenza della cultura indiana, senza tralasciare la sua importanza come membro dei Beatles. Il film consiste principalmente di filmati mai resi pubblici, e di interviste a persone che hanno vissuto con lui.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte di Harrison nel 2001, varie case cinematografiche approcciarono la vedova Olivia circa la produzione di un film sulla vita del marito. Olivia declinò le offerte in quanto avrebbe voluto raccontare lei stessa la storia di George attraverso i filmati d'archivio in suo possesso. Quando però incontrò Scorsese, diede l'assenso all'operazione e divenne anche produttrice del film. Nel corso del 2008 e del 2009, Scorsese alternò la lavorazione di Shutter Island con la produzione del documentario su Harrison.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il documentario debuttò nel corso del festival Foundation for Art and Creative Technology di Liverpool il 2 ottobre 2011.[1]

Persone presenti nel documentario[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scorsese's George Harrison film gets Liverpool premiere, su BBC News, 15 settembre 2011. URL consultato il 19 settembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]