Dark Horse Records

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Dark Horse Records è un'etichetta discografica fondata e controllata da George Harrison dalla sua fondazione (1974) sino alla morte dell'artista.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Harrison ha registrato per la Parlophone e la Apple fino alla scadenza del contratto nel 1976, dopodiché pubblicò ogni suo lavoro con la Dark Horse. Il primo di questi fu Thirty Three & 1/3 (1976), l'ultimo il postumo Brainwashed (2002). Il catalogo di Harrison con la Dark Horse fu in seguito rimasterizzato e ristampato in un box set nel 2004.
Questi, e quelli degli altri artisti sotto contratto con la casa discografica, furono distribuiti negli anni da tre etichette:

Artisti[modifica | modifica wikitesto]

Anche se la Dark Horse ha focalizzato la sua produzione solo sugli album di George Harrison, tra il 1974 e il 1976 i seguenti artisti hanno registrato sotto questa etichetta:

[modifica | modifica wikitesto]

L'ispirazione per il logo della Dark Horse venne ad Harrison da una immagine su un contenitore di latta vista dal cantante in uno dei suoi numerosi viaggi in India. Esso raffigura il cavallo a sette teste Uchchaisravas, una figura comune nell'arte e nella mitologia indiana.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]