Glenn Talbot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Glenn Talbot
Glenn Talbot interpretato da Adrian Pasdar.
Glenn Talbot interpretato da Adrian Pasdar.
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. novembre 1964
1ª app. in Tales to Astonish (Vol. 1[1]) n. 61
Editore it. Editoriale Corno
app. it. dicembre 1972
app. it. in Uomo Ragno n. 69
Interpretato da
Voci italiane
Specie umano
Sesso Maschio
Etnia statunitense
Abilità
Affiliazione
Parenti
  • Brian Talbot (fratello)
  • Matt Talbot (nipote)
  • Betty Ross (ex-moglie)

Il maggiore Glenn Talbot, in seguito colonnello Glenn Talbot, è un personaggio dei fumetti creato da Stan Lee (testi) e Steve Ditko (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in Tales to Astonish (Vol. 1) n. 61 (novembre 1964).

Subordinato del generale Ross, Talbot è un antagonista ricorrente delle storie di Hulk. La sua principale vittoria verso il Golia Verde è stato assisterne direttamente alla trasformazione, cosa che ha portato allo smascheramento di Banner da parte dei militari ed all'inizio della sua vita da fuggitivo[4].

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Talbot viene assegnato alla Base Gamma, in Nuovo Messico, sotto esplicita richiesta del generale Ross. Sebbene il suo incarico ufficiale sia quello di responsabile della sicurezza, la missione assegnatagli in segreto dal generale è in realtà tenere d'occhio le attività di Bruce Banner, le cui continue sparizioni hanno insospettito Ross (ignaro che lo scienziato sia Hulk) fino al punto di crederlo in qualche modo collegato al mostro verde a cui da la caccia; cosa di cui in breve si persuade anche Talbot[5].

La segreta speranza del generale, inoltre, è che il maggiore possa conquistare l'amore di sua figlia Betty; dato che vorrebbe al suo fianco un uomo tutto d'un pezzo come lui piuttosto che il gracile e timido dottor Banner, verso cui invece essa è molto attratta.

Poco dopo il suo arrivo, Talbot assiste di persona alla trasformazione di Banner in Hulk e, dopo aver informato i suoi superiori che i due sono in realtà la stessa persona, fa sì che, prima il governo statunitense e in seguito il resto del mondo, dichiarino il suo odiato rivale in amore un pericoloso ricercato, costringendolo a iniziare una vita da fuggitivo[4].

Sbarazzatosi dello scienziato, Talbot ha dunque campo libero con Betty, che sposa poco tempo dopo[6]. Il matrimonio tra i due non ha tuttavia lunga durata poiché la donna non smette di amare Banner nonostante la situazione in cui si trovi. Dopo il divorzio Talbot diviene talmente ossessionato da Hulk da sviluppare verso di lui un desiderio omicida e, promosso a colonnello, diviene il supervisore delle operazioni degli Hulkbusters subentrando a Ross, dimessosi a seguito di un esaurimento nervoso. La sua sete di vendetta verso Banner lo porta ad un livello di follia per il quale spesso le sue decisioni si rivelano essere un pericolo per i civili ed i suoi stessi uomini più che lo stesso Hulk tanto che, dopo che il congresso gli taglia i fondi, egli decide di affrontare il Gigante di Giada personalmente in Giappone servendosi di un prototipo di War Wagon, azione che risulta nella sua morte[7].

Successivamente è tuttavia riapparso, inspiegabilmente ancora in vita[8], sebbene poi sia stato rivelato trattarsi solo di un Life Model Decoy tanto ben programmato da autoconvincersi di essere reale[9]. Il vero Talbot viene resuscitato dal Re del Caos[10], tuttavia ritorna nel regno dei morti dopo che questi viene sconfitto[11].

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

House of M[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: House of M.

Nella realtà alternativa di House of M Talbot è sposato con Betty[12].

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ultimate Fantastic Four.

Nell'universo Ultimate, Talbot è un generale, intimo amico e confidente di Ross, che lavora nel think tank del Baxter Building[13].

Avengers: X-Sanction[modifica | modifica wikitesto]

Nella saga Avengers: X-Sanction, Cable scambia l'Hulk Rosso per un criminale del suo futuro chiamandolo "Talbot", suggerendo che una versione di Talbot sia diventata Rulk[14]. In un futuro ipotetico il presidente degli Stati Uniti è un Hulk Rosso con dei baffi simili a quelli Talbot[15].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film del 2003 Hulk, il maggiore Talbot è un antagonista secondario interpretato da Josh Lucas.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ a b Hulk
  3. ^ a b Agents of S.H.I.E.L.D.
  4. ^ a b Tales to Astonish (Vol. 1) n. 77 (marzo 1966)
  5. ^ Tales to Astonish (Vol. 1) n. 61 (novembre 1964)
  6. ^ The Incredible Hulk (Vol. 1) n. 158 (dicembre 1972)
  7. ^ The Incredible Hulk (Vol. 1) n. 260 (giugno 1981)
  8. ^ Fall of the Hulks: Gamma (dicembre 2009)
  9. ^ Hulk (Vol. 2) n. 23 (agosto 2010)
  10. ^ The Incredible Hulk (Vol. 1) n. 619 (febbraio 2011)
  11. ^ The Incredible Hulk (Vol. 1) n. 620 (marzo 2011)
  12. ^ Hulk: Broken Worlds (Vol. 1) n. 1 (maggio 2009)
  13. ^ Ultimate Fantastic Four (Vol. 1) n. 3–4 (aprile-maggio 2004)
  14. ^ Avengers: X-Sanction (Vol.1) n. 3 (aprile 2012)
  15. ^ A+X (Vol. 1) n. 1 (dicembre 2012)
  16. ^ Marc Strom, EXCLUSIVE: ADRIAN PASDAR TO PLAY GLENN TALBOT ON MARVEL'S AGENTS OF S.H.I.E.L.D., Marvel, 12 marzo 2014. URL consultato il 12 marzo 2014.
  17. ^ a b Agents of S.H.I.E.L.D.: episodio 02x01, Ombre.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics