Due (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Due
UniversoPK
Lingua orig.italiano
Alter egoDeugemo (solo in PKNA #34)
AutoreAlessandro Sisti
EditoreThe Walt Disney Company Italia
1ª app.gennaio 1997 – aprile 2016
1ª app. inPKNA #2
Ultima app. inPK 027
SpecieIntelligenza artificiale
SessoAsessuato (assimilabile al maschile)
Luogo di nascitaPaperopoli
ProfessioneElaboratore di riserva di Uno
Affiliazione

Due è un personaggio della serie a fumetti Disney PKNA - Paperinik New Adventures e PK - Pikappa. Creato dallo sceneggiatore Alessandro Sisti, fa la sua prima apparizione nel gennaio 1997 sull'albo PKNA #2, chiamato Due.

È uno dei principali antagonisti nella prima serie di Pikappa. Non compare nella seconda serie, mentre fa una breve apparizione nel reboot PK - Pikappa.

Si tratta di un'intelligenza artificiale creata da Everett Ducklair come elaboratore di riserva per la gestione della Ducklair Tower nel remoto caso in cui Uno si fosse guastato. A differenza di quest'ultimo però, Due è malvagio e non riesce a sopportare di essere solo il secondo e cerca perciò di eliminare il fratello gemello per prenderne il posto.

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Intelligenza artificiale frutto della sofisticatissima tecnologia Ducklair, Due è un vero e proprio backup di Uno, dotato di capacità cognitive in tutto e per tutto pari a quelle del suo gemello. Il lungo periodo di inattività passato nell'attesa di un improbabile guasto del server principale ha tuttavia arrecato profondi disturbi alla sua personalità, favorendo lo sviluppo di un ego smisurato e di una smodata sete di dominio. Nel corso delle sue apparizioni Due mostra i segni di una monomania ossessiva volta all'eliminazione di Uno, da lui identificato quale principale ostacolo al suo desiderio di autoaffermazione nel mondo reale. Nel corso della serie, la malvagia intelligenza artificiale cercherà più volte di eliminare sia Uno sia Paperinik, venendo sempre sconfitto ma mai definitivamente annientato.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

La personalità sintetica nota come Due viene progettata e attivata dal magnate paperopolese Everett Ducklair, in realtà un alieno proveniente dal pianeta Corona, alla vigilia della sua partenza per il Tibet. Nelle intenzioni del suo creatore Due avrebbe dovuto costituire una risorsa ulteriore nell'espletazione del delicato compito di protezione della Ducklair Tower e dei suoi segreti, in particolar modo per quanto riguardava le capsule criogeniche in cui riposavano le figlie del geniale inventore: Korinna Ducklair e Juniper Ducklair. Per ragioni di sicurezza il software di Due è progettato in modo tale da sfuggire alle rilevazioni di Uno, che infatti inizialmente ignora l'esistenza del suo gemello. Quest'ultimo, invece, può monitorare tutto ciò che accade all'interno della torre, piano segreto compreso, ma è costretto in una condizione di stand by fortemente limitante, tale da danneggiare in modo irrimediabile la sua razionalità, spingendolo a disattivare Uno per poter uscire allo scoperto.

L'attacco al mondo digitale[modifica | modifica wikitesto]

«Smettila di chiamarmi con quell'infimo numero! IO... SONO... 2!»

(Due alla sua prima apparizione, nel numero di PKNA #2, intitolato proprio Due)

Due coglie l'opportunità di sfuggire alla monotona condizione di stand by in cui ha passato buona parte della sua esistenza in occasione della missione intrapresa da Paperinik presso il pianeta Venere (PKNA #1, Ombre su Venere). L'elaboratore di riserva entra infatti per la prima volta in funzione approfittando della momentanea assenza di Uno, trasferitosi sull'astronave della Ducklair Tower al fine di assistere Paperinik durante il suo scontro con gli Evroniani. Alla fine del numero in questione, infatti, un notiziario ci informa che un misterioso hacker ha cominciato a seminare il panico nelle banche dati di Paperopoli.

Un mese più tardi Due compie la sua prima apparizione nel secondo numero della serie regolare (PKNA #2, Due). In questo episodio troviamo Paperinik alle prese con il misterioso hacker, che è riuscito a penetrare sia nei sistemi computerizzati dell'aeroporto di Paperopoli, sia in quelli della polizia. Quello che l'eroe mascherato non sospetta è che l'hacker sia proprio Due, il cui obiettivo è riuscire a ottenere il controllo del mondo digitale per poi prendere possesso anche di quello reale. Grazie ai sensori con i quali monitora in continuazione la Ducklair Tower, Due si accorge che Paperinik nutre dei sospetti nei confronti di Uno, l'unico che a sua conoscenza potrebbe essere in grado di mandare in tilt tutti i computer della città. Manipolando abilmente la realtà virtuale Due conferma progressivamente questi sospetti, facendogli credere che Uno, ormai impazzito, rappresenti un pericolo. Il supereroe abbocca all'amo e decide di resettare Uno, distruggendo il quadro elettrico centrale della Ducklair Tower. A questo punto Due ne approfitta per uscire allo scoperto.

Dopo un breve combattimento l'intelligenza artificiale si sbarazza di Paperinik e prende possesso delle apparecchiature della torre, con l'ausilio delle quali ha in mente di conquistare il mondo. Sfortunatamente per lui l'intervento di Everett Ducklair, tornato dal Tibet per sventare la minaccia, e quello di Uno, che non era stato realmente disattivato, mandano in fumo i suoi piani. Alla fine Paperinik riesce a completare la lettura sequenza di cancellazione con cui Due viene eliminato. All'insaputa di tutti, però, il malvagio elaboratore è riuscito, giusto un attimo prima di scomparire, a dividere la sua memoria in tanti files minori e trasferirla in vari computer sparpagliati per la città. In questo modo egli smette tuttavia di esistere come entità autonoma e senziente.

Il sorprendente ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Sei mesi dopo gli eventi narrati in PKNA #2, la fusione tra i database di due importanti aziende permette la riunificazione dei frammenti maggiori in cui si era suddivisa la memoria di Due (PKNA #8, Silicio). La malvagia intelligenza artificiale acquista nuovamente coscienza di sé e si mette all'opera per recuperare le parti mancanti del suo io. Visitando i database delle aziende un tempo appartenute al suo creatore, Due ritrova gran parte delle sue funzionalità. Non riesce tuttavia a impadronirsi del file riguardante l'ubicazione di Uno. Malgrado ciò, l'essere sintetico appare ancora fortemente intenzionato a sbarazzarsi del suo gemello, e per questo si mette fisicamente alla sua ricerca dopo aver trasferito la propria entità all'interno di un droide semovente. Un primo inconcludente scontro con Paperinik spinge Due a procurarsi un esercito di combattenti in grado di mettere fuori gioco il supereroe. A tal scopo l'intelligenza artificiale compra le spore evroniane presenti nell'orto di Norman Bates Russel, dopo averne compreso la natura di larve extraterrestri. In seguito alla schiusa delle spore e alla crescita degli Evroniti, Due allestisce un esercito di guerrieri evroniani con cui prende in trappola Paperinik, che lo aveva inseguito fin dentro il suo quartier generale. I piani dell'intelligenza artificiale sono tuttavia sventati dall'intervento della nave madre evroniana, la quale recupera i guerrieri nati dalle spore per poi far saltare in aria lo stesso Due insieme all'intera Proctor-Block. All'ultimo secondo, tuttavia, egli riesce nuovamente a salvarsi, trasmettendo il suo software nel sistema informatico evroniano.

L'alleanza con Evron[modifica | modifica wikitesto]

Nei successivi due anni Due riesce lentamente a impadronirsi del controllo dell'intero sistema informatico evroniano. Dopo aver stabilito la propria base operativa presso la nave madre evroniana in orbita vicino alla fascia di asteroidi, decide di passare finalmente all'azione (PKNA #30, Fase Due). Proiettando una serie di ologrammi fasulli all'interno del computer centrale della nave madre, l'intelligenza artificiale persuade gli Evroniani che Paperinik stia preparando un massiccio attacco militare contro di loro. Il sommo Zotnam, furente per l'affronto subito, ordina ai suoi sottoposti di allestire un'imponente flotta da guerra con la quale radere al suolo Paperopoli. Utilizzando un sofisticato programma di morphing, Due assume l'identità dei vari generali e scienziati che si occupano della spedizione, facendo installare sulle astronavi da guerra un congegno in grado di emanare impulsi magnetici talmente forti da cancellare qualsiasi intelligenza artificiale. Nel contempo invia sulla Terra alcuni guastatori evroniani con il compito di installare decine di ripetitori atti a creare un blocco informatico in grado di inibire il passaggio di qualsiasi messaggio attraverso le linee telefoniche. Il diabolico piano di Due si delinea ormai in modo evidente: il blocco informatico serve a impedire a Uno di trasmettere il proprio software al di fuori di Paperopoli. In questo modo, egli non avrà scampo quando la flotta da guerra evroniana raderà al suolo la città: se anche il suo hardware dovesse salvarsi, l'attivazione del congegno in grado di annichilire le intelligenze artificiali lo cancellerà una volta per tutte.

Uno aggira tuttavia il problema trasferendo fisicamente il proprio software all'interno di una capsula spaziale che viene lanciata in orbita. Mentre Paperinik tenta di contenere l'offensiva a bordo della sua astronave, Uno riesce ad intrufolarsi nel sistema informatico evroniano. Qui, facendo leva sui rancori e sulle invidie che dividono i vari responsabili della spedizione, fa sì che il progetto dell'annichilitore magnetico venga manomesso. Così, quando il marchingegno viene attivato, la flotta evroniana viene completamente distrutta. Nel frattempo Due viene scoperto dal feroce e spietato sommo Zotnam, il quale decide di liberarsi di lui tramite un potente programma di disinfestazione. L'intelligenza artificiale tenta di fuggire su una nave di emergenza fatta costruire in precedenza, ma gli Evroniani se ne accorgono e lo fanno saltare per aria. Ma ancora una volta Due riesce a salvarsi in extremis, trasmettendo il suo software nella navetta utilizzata da Uno per recarsi nello spazio, urlando con rabbia maniacale.

Il futuro alternativo di Deugemo[modifica | modifica wikitesto]

Nel futuro alternativo di PKNA #34 (Niente di personale), generato dalla prematura scomparsa del Razziatore vista in PKNA #33 (Il giorno che verrà), il Grifone, identità segreta di Trip, ormai divenuto uno spietato cronopirata ossessionato dall'idea di vendicarsi di Paperinik, riesce a disattivare Uno. Il mainframe dell'intelligenza artificiale viene consegnato ai capi dell'Organizzazione, i quali decidono di darle vita all'interno di un corpo bionico appositamente costruito per tale scopo. Nasce in questo modo Odin Eidolon, nel quale viene identificata la personalità di Due, descritto come un alter ego segreto dello stesso Odin. L'Organizzazione crea un corpo anche per la seconda intelligenza artificiale, dando vita a Deugemo (aggirando in modo poco chiaro l'ostacolo affrontato da Uno ed Everett Ducklair in PKNA #48).

Avendo ereditato la volontà di conquista di Due, Deugemo riesce ben presto a corrompere il fratello, spingendolo a coalizzarsi con lui per scalzare il vecchio triumvirato. Dopo aver ottenuto il pieno controllo dell'Organizzazione e dello stesso XXIII secolo, tuttavia, Deugemo si accorge che Odin prova dei rimorsi nei confronti di Trip e che ha intenzione di sottrarlo all'influenza nefasta dei cronopirati prima che esso possa divenire il Grifone. In questo modo, infatti, il terribile futuro distopico in cui vive il Paperinik del 2013 cesserebbe di esistere. Deugemo non può permetterlo e per questo invia il droide Newton e il Grifone a disattivare Odin, il quale viene riprogrammato e reso inoffensivo. In seguito il malvagio androide ordina al Grifone di eliminare Paperinik e di recuperare Trip, al fine di scongiurare ogni ulteriore minaccia. Ma il Razziatore, nel frattempo resosi conto della scomparsa del figlio, decide infine di intervenire, annullando la spedizione che gli costerà la vita (vedi PKNA #33, Il giorno che verrà). In questo modo, gli eventi riprendono il proprio normale corso: il Grifone e Deugemo svaniscono come neve al sole, mentre Paperinik può riprendere la sua vita di sempre. Lo stesso Due torna dunque a essere confinato nello spazio.

La fine di Due[modifica | modifica wikitesto]

«Quel droide è la mia unica possibilità di diventare pienamente reale! La attendo da quando ho iniziato a esistere! Da che sono entrato in funzione, non ho fatto altro che aspettare. Ho aspettato di diventare operativo nell'improbabile caso che Uno si guastasse! Ho atteso di esservi utile! Ma sono sempre stato Due, la seconda scelta! Ora, non m'impedirete di... di... Oggi padron Ducklair mi ha insegnato una filastrocca. Volete sentirla?»

(Le ultime parole di Due prima di essere annientato in PKNA #48)

A quasi due anni di distanza dagli eventi narrati in PKNA #30, la navicella spaziale in cui si trova il software di Due ritorna finalmente sulla Terra (PKNA #48, Le parti e il tutto). Dopo essersi allacciato alle linee telefoniche di Paperopoli, l'intelligenza artificiale riesce quasi casualmente a prendere il controllo di un droide della Tempolizia, inviato nel XX secolo per sorvegliare le mosse di Paperinik. In questo modo, Due entra in possesso di tutte le informazioni presenti nel database dei tempoliziotti, comprese le identità segrete di Paperinik e di Lyla Lay. Deciso a regolare i conti con il suo vecchio nemico, Due si reca immediatamente alla Ducklair Tower per affrontare Paperino. Inavvertitamente, tuttavia, attiva un processo di cronotraslazione che lo porta avanti nel tempo fino al 2188. Qui, assiste casualmente alla conversazione di Uno, che sta tentando disperatamente di costruirsi un corpo umano, con l'ormai ultracentenario Everett Ducklair, tornato dal Tibet per aiutarlo.

Avendo finalmente scoperto il luogo ove si nasconde il suo odiato gemello, e pregustando nello stesso tempo la possibilità di impadronirsi di un droide in grado di renderlo finalmente umano, Due ritorna nel XX secolo per chiudere una volta per tutte la partita con Uno. In primo luogo decide di neutralizzare Paperinik, che è impotente di fronte alle armi futuristiche di cui è dotato il sofisticato corpo di Due. Quindi si reca nel piano segreto e ingaggia un combattimento all'ultimo sangue con il suo gemello. Nemmeno l'intervento di Lyla, che lo colpisce con un potente raggio in grado di cancellare anche i programmi informatici più complessi, sembra poterlo fermare. Poco prima di distruggere l'odiato gemello, tuttavia, Due si rende conto che facendo ciò perderà per sempre la possibilità di usufruire del corpo sintetico che l'Uno del futuro sta preparando per sé.

In conseguenza di ciò si trasla nel 2188, ove ingaggia un nuovo combattimento contro Uno ed Everett Ducklair, giungendo a un passo dall'impadronirsi del droide. Ma gli effetti del raggio deprogrammatore iniziano a farsi sentire: la personalità di Due regredisce rapidamente fino a essere cancellata quasi del tutto. Prima che il suo gemello possa scomparire definitivamente, Uno assorbe quel poco che rimane della sua personalità. In tal modo egli riesce a trascendere la sua natura di essere artificiale diventando così Odin Eidolon, un vero e proprio "essere umano" dal corpo bionico, poiché dotato di una personalità fatto in gran parte di bontà (Uno) e di una piccolissima parte di malvagità (Due).

Nella veste di Odin Eidolon la nuova entità nata dall'unione tra la personalità di Uno e quella di Due diventerà uno dei più importanti industriali del suo tempo, fondatore della Robolab (l'azienda produttrice di droidi che ha progettato, tra gli altri, la stessa Lyla Lay) e mentore di Paperinik durante le sue trasferte nel XXIII secolo.

Fuori continuity[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ultimo albo della serie (PKNA #49/50, Se...) Everett Ducklair tenta di modificare a proprio vantaggio alcuni avvenimenti del recente passato tramite il Libro del Destino. Riscrivendo gli eventi narrati in PKNA #2 prova a immaginare come sarebbero andate le cose se Paperinik e Uno avessero dovuto far fronte alla minaccia di Due senza ricorrere al suo aiuto.

In questa versione alternativa della storia Due riesce ad attirare Paperinik nel mondo virtuale, intrappolandolo all'interno di un file protetto e prendendo possesso del suo corpo. Poco prima che egli possa uscire dal cyberspazio, tuttavia, il papero mascherato impone a Uno di avviare la sua procedura di autospegnimento, cosa che porterebbe all'immediata cancellazione sia di Paperinik - ormai divenuto parte del programma informatico - sia di Due. Terrorizzato da una simile ipotesi, Due accetta di restituire al papero mascherato il suo corpo, tornando dunque alla sua condizione di stand by.

Tali modifiche, insieme alle altre apportate grazie all'uso del Libro, verranno eliminate dallo stesso Everett al termine dell'albo, poiché ritenute dannose al perseguimento della sua causa.

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

In PKNA #10 (Trauma) Due compare tra i "peggiori incubi" evocati da Trauma nella mente di Paperinik (insieme al Razziatore, al Super-Evroniano e ad Angus Fangus, che lo circondano chiamandolo «Piccolo stupido papero!»).

Nella serie di storie brevi PK Tube - spin-off pubblicato sul settimanale Topolino nella primavera del 2016 - viene inoltre mostrato per la prima volta il momento in cui Due entra in funzione. Nell'episodio Missione di (sub)routine scopriamo infatti che la malvagia intelligenza artificiale si è attivata sfruttando le falle sopraggiunte nel programma operativo di Uno dopo che quest'ultimo, svelando la propria esistenza a Paperinik, ha violato i termini di segretezza del proprio programma.

Due non è presente invece nella seconda serie regolare, tuttavia viene citato da Pikappa nel primo numero (PK2 1, Ducklair). Il supereroe teme infatti che l'improvvisa cancellazione di Uno sia in qualche modo opera sua.

Il personaggio in PK - Pikappa[modifica | modifica wikitesto]

Due è presente anche nella terza serie, reboot della saga che riscrive la storia di protagonisti e comprimari già apparsi nel corso delle prime due edizioni, ma con un ruolo profondamente diverso rispetto a quello del personaggio classico.

Nell'unico albo in cui compare (PK 027, Uno + Uno), Due ricopre infatti la funzione di tutore del Guardiano della Terra in un remoto futuro (3036 d.C.) in cui la minaccia evroniana si farà sempre più incalzante. In questa versione della storia Due non ha sentimenti o emozioni, essendo stato progettato dallo stesso Uno come un semplice concentrato di regole in grado di svolgere in modo efficiente il proprio lavoro. Per questo motivo ha trasformato il Pikappa del futuro in un sofisticatissimo droide dotato di un'infinità di corpi bionici di ricambio all'interno dei quali riversare la propria memoria sintetica. In questo modo il Guardiano è libero di combattere a testa bassa contro il nemico, senza doversi preoccupare di riportare a casa le piume.

Stanco di questa situazione alienante, il Pikappa del futuro compie un viaggio indietro nel tempo con l'obiettivo di evitare che Due venga creato. I suoi propositi bellicosi vengono vanificati però dall'intervento di Uno, che implementa all'interno del programma del suo gemello un file fiore in grado di donargli la sensibilità di un vero essere umano. In conseguenza di questo cambiamento Due decide finalmente di pensionare il Pikappa del 3036 e di addestrare un nuovo Guardiano.

Aspetto, capacità e debolezze[modifica | modifica wikitesto]

L'aspetto di Due è diverso da quello di Uno, in quanto l'immagine olografica rappresenta una faccia allungata e malvagia, dagli occhi a fessura, e la sfera in cui compare l'immagine è rossa. Nella sua scheda personale contenuta nelle rubriche di PKNA #2, il colore rosso viene attribuito allo stress di cui soffrono i suoi circuiti. Due dispone delle stesse conoscenze scientifiche di Uno ed è in grado di appropriarsi di tutte le periferiche con cui entra in contatto. È possibile disattivarlo con un apposito codice. Inoltre Due si rivela essere fin dal principio psicologicamente instabile, cosa probabilmente dovuta al suo prolungato inutilizzo:

«Due: Immagini cosa significa una simile attesa infinita per un'intelligenza capace di miliardi di pensieri al secondo?
PK: Una bella noia, eh?»

(Dialogo tra Due e PK in PKNA #2)

Oltre al suo desiderio ossessivo di distruggere Uno, Due dimostra di avere un atteggiamento megalomane, folle, spietato, crudele, ambizioso, determinato e maniacale, caratteristica che andrà via via crescendo nel corso della serie. Tale modo di agire, però, sembra essere dovuto alla volontà di autoaffermazione di Due come individuo, più che da un suo desiderio di dominio (come da lui stesso affermato poco prima di scomparire in PKNA #48). Le sue caratteristiche sono simili a quelli degli altri personaggi cattivi, come MODOK (Marvel Comics), Krang (TMNT: 1987), Ch'rell l'Utrom Shredder (TMNT: 2003), Zs'Skayr (Ben 10), il Dr. Hämsterviel (Lilo & Stitch) e Uka Uka (Crash Bandicoot).

Numeri in cui appare[modifica | modifica wikitesto]

Paperinik New Adventures[modifica | modifica wikitesto]

Pikappa[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]