Dietilpirocarbonato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dietilpirocarbonato
Diethyldicarbonate Structure V.1.svg
Diethyl pyrocarbonate3d.png
Nome IUPAC
dicarbonato di dietile
Nomi alternativi
DEPC
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C6H10O5
Massa molecolare (u) 162,141
Numero CAS 1609-47-8
Numero EINECS 216-542-8
PubChem 3051
SMILES CCOC(=O)OC(=O)OCC
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di ebollizione 93-94 °C a 24 hPa
Indicazioni di sicurezza
Punto di fiamma 69 °C (vaso chiuso)
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H 302 - 315 - 319 - 335
Consigli P 261 - 305+351+338 [1]

Il dietilpirocarbonato (DEPC) è usato nei laboratori di biologia molecolare per inattivare le RNAsi eventualmente presenti nell'acqua e sugli strumenti. Agisce legandosi ai residui di istidina, lisina, cisteina e tirosina[2][3][4].

L'acqua trattata con DEPC (e quindi esente da RNAsi) riduce il rischio che l'RNA possa venire degradato da tracce di RNAsi durante le operazioni di laboratorio.

L'acqua è generalmente trattata con lo 0,1% v/v di DEPC per almeno due ore a 37 °C e quindi passata per almeno 15 minuti in autoclave per eliminare le tracce di DEPC non reagito. Il trattamento in autoclave idrolizza il DEPC in anidride carbonica, acqua ed etanolo. Benché concentrazioni maggiori di DEPC possano eliminare maggiori quantità di RNAsi, non si utilizzano quantità elevate di DEPC perché il DEPC e i suoi sottoprodotti potrebbero successivamente inibire alcune reazioni biochimiche in vitro o promuovere reazioni di carbossimetilazione a danno del campione di RNA.

Flaconi di acqua trattata con DEPC

Il DEPC è instabile in acqua e subisce idrolisi, soprattutto in presenza di specie nucleofile. Per questo motivo il DEPC non può essere usato con i tamponi Tris e HEPES. Può invece essere usato con tamponi fosfato e MOPS[5]. Una regola menmonica è che non è possibile eliminare le RNAsi con DEPC da enzimi e prodotti chimici aventi atomi di -O:, -N: o -S: attivi, perché il DEPC reagisce prima con queste specie.

La reazione di derivatizzazione dei residui di istidina con DEPC è anche usata per studiare il ruolo dei residui di istidina negli enzimi. La reazione dell'istidina con DEPC produce derivati carbossietilati all'azoto imidazolico. Queste reazioni sono reversibili per trattamento con idrossilammina 0,5 M a pH neutro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 17.06.2014
  2. ^ Narumi e et al, Neurochem Res., vol. 12, nº 4, 1987.
  3. ^ Chirgwin, John M, et al., Isolation of biologically active ribonucleic acid from sourcesenriched in ribonuclease, in Biochemistry, vol. 18, nº 24, 1979, pp. 5294–5299, DOI:10.1021/bi00591a005, PMID 518835.
  4. ^ Barry Wolf, Judith A. Lesnaw e Manfred E. Reichmann, A Mechanism of the Irreversible Inactivation of Bovine Pancreatic Ribonuclease by Diethylpyrocarbonate. A General Reaction of Diethylpyrocarbonate with Proteins, in European Journal of Biochemistry, vol. 13, nº 3, 1970, pp. 519–25, DOI:10.1111/j.1432-1033.1970.tb00955.x, PMID 5444158.
  5. ^ FAQ about DEPC, Sigma-Aldrich. URL consultato il 12 agosto 2012.
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia