Propionato di metile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Propionato di metile
Methyl propionate.svg
Nome IUPAC
propanoato di metile
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C4H8O2
Massa molecolare (u) 88,10512
Aspetto liquido incolore
Numero CAS 554-12-1
Numero EINECS 209-060-4
PubChem 11124
SMILES CCC(=O)OC
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,915 a 20 °C
Indice di rifrazione 1,3775 a 20 °C
Solubilità in acqua 62,370 mg/L a 25 °C
Coefficiente di ripartizione 1-ottanolo/acqua 0,82
Temperatura di fusione −87,5 °C
Temperatura di ebollizione 79,8 °C
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg) 3460 mg/kg, topo, o.s.
Indicazioni di sicurezza
Punto di fiamma −2 °C (vaso chiuso)
Limiti di esplosione limite inferiore 13% (volume)
limite superiore 2,5% (volume)
Temperatura di autoignizione 469 °C
Simboli di rischio chimico
infiammabile irritante
pericolo
Frasi H 225 - 332
Consigli P 210 [1]

Il propionato di metile, o propanoato di metile, è un estere alchilico di formula CH3CH2-CO-O-CH3. A temperatura ambiente appare come un liquido incolore, dall'odore e dal sapore caratteristici, poco solubile in acqua ma ben miscibile nei più comuni solventi organici tra cui acetone, etanolo, dietiletere e glicole propilenico. In natura è presente in diversi tipi di frutti, mentre a livello industriale trova impiego come solvente e come agente aromatizzante[2].

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Il propionato di metile può essere ottenuto per condensazione tra l'acido propanoico ed il metanolo, esterificazione catalizzata dall'acido solforico concentrato[2]:

CH3CH2COOH + HO-CH3CH3CH2-CO-O-CH3 + H2O

Reattività[modifica | modifica wikitesto]

Il proprionato di metile è un liquido facilmente infiammabile e che per decomposizione rilascia fumi irritanti[2]. La sostanza presenta la reattività tipica degli esteri alchilici. Tra le reazioni più comuni vi sono l'idrolisi e la saponificazione:

CH3CH2-CO-O-CH3 + H2OCH3CH2COOH + HO-CH3
CH3CH2-CO-O-CH3 + NaOHCH3CH2COONa + HO-CH3

La sostanza è positiva al saggio di Angeli e Rimini.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Il propionato di metile trova impiego nell'industria profumiera e come aromatizzante in virtù delle sue proprietà organolettiche, comuni peraltro a molti composti della stessa categoria. Al gusto e all'olfatto si presenta come una sostanza dolce, fruttata e che ricorda il tipico aroma del rum; viene utilizzato nella preparazione di profumi, dolciumi, detergenti e preparati cosmetici come creme ed altri prodotti per uso topico. La sostanza viene inoltre utilizzata come solvente per lacche, vernici e derivati della cellulosa e come attrattivo per coleotteri[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Propionato di metile (PDF), su Sigma-Aldrich. URL consultato il 16 settembre 2015.
  2. ^ a b c d (EN) Methyl propionate, su HSDB, National Institutes of Health. URL consultato il 16 settembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia