Acetato di benzile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acetato di benzile
Benzyl acetate-structure.svg
Benzyl acetate.gif
Nome IUPAC
Acetato di benzile
Nomi alternativi
acetilmetilcarbinolo
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C6H5CH2OCOCH3
Massa molecolare (u) 150.18 g/mol
Numero CAS [140-11-4]
Numero EINECS 205-399-7
PubChem 13850405
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1.012 kg/m3; 1.012 g/cm3
Solubilità in acqua 88.11 g/mol
Temperatura di fusione −51 °C, 222 K
Temperatura di ebollizione 212 °C, 485 K
Indicazioni di sicurezza

L'acetato di benzile è un composto organico con formula molecolare C9H10O2. Si tratta dell'esterificazione formata dalla condensazione dell'alcool benzilico e l'acido acetico. È contenuto naturalmente in molti fiori. È il principale componente degli oli essenziali dei fiori di gelsomino, ylang-ylang e tobira.

Ha aspetto incolore ed un odore piacevole che ricorda il profumo del gelsomino, e per tale ragione è largamente utilizzato nella profumeria e cosmetica. Viene anche utilizzato per attirare alcuni esemplari maschi delle api delle orchidee a scopo di studio.[1]

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Il metodo più semplice per sintetizzare l'acetato di benzile è l'esterificazione dell'alcool benzilico con l'acido acetico secondo Fischer, ossia in condizioni di catalisi acida.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Schiestl, F.P. & Roubik, D.W., Odor Compound Detection in Male Euglossine Bees in Journal of Chemical Ecology, vol. 29, nº 1, 2004, pp. 253–257, DOI:10.1023/A:1021932131526, PMID 12647866.
  2. ^ Sintesi dell'acetato di benzile
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia