Benzoato di colesterile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Benzoato di colesterile
Formula di struttura del benzoato di colesterile
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C34H50O2
Massa molecolare (u) 490.76 g/mol
Numero CAS [604-32-0]
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione 422-423
Indicazioni di sicurezza

Il benzoato di colesterile è una sostanza organica, un estere di colesterolo e acido benzoico. È usato per la produzione delle tinte dei capelli, trucchi e in altri tipi di cosmetici. È principalmente utilizzato per la produzione degli schermi a cristalli liquidi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il benzoato di colesterile è stata la prima sostanza scoperta a presentare proprietà liquido-cristalline. Nel 1888 infatti un botanico austriaco di nome Friedrich Reinitzer studiando la funzione del colesterolo nelle piante riscaldò questa sostanza allo scopo di renderla pura e notò che, a 145 °C essa diveniva opaca, per poi schiarirsi al progressivo aumento della temperatura fino a tornare al colore iniziale ad una temperatura di 178,5 °C. Una volta raffreddato poi, il liquido diventava bluastro e cristallizzava. Queste proprietà interessarono il fisico tedesco Otto Lehmann che con l'aiuto del microscopio polarizzatore stabilì che il liquido opaco rappresenta uno stato della materia che chiamò cristallo liquido.