Otto Lehmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Otto Lehmann

Otto Lehmann (Costanza, 13 gennaio 1855Karlsruhe, 17 giugno 1922) è stato un fisico tedesco.

Uno degli scopritori dei cristalli liquidi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Otto era figlio di Franz Xavier Lehmann, insegnante di matematica nel sistema scolastico di Baden-Württemberg, con un forte interesse per i microscopi. Otto imparò a sperimentare e tenere registri di questi risultati. Tra il 1872 e il 1877, Lehmann studiò scienze naturali presso l'Università di Strasburgo e conseguì il dottorato di ricerca, sotto il cristallografo Paul Groth. Otto uso molto i polarizzatori nel microscopio in modo che egli potesse guardare il processo di cristallizzazione.

Inizialmente, diventò insegnante di fisica, matematica e chimica a Mülhausen (Alsazia-Lorena), e in seguito insegnò all'università di RWTH Aachen nel 1883. Nel 1889 succedette a Heinrich Hertz come capo dell'Istituto di Fisica a Karlsruhe.

Lehmann fu nominato al Premio Nobel nel 1913-1922 ma non vinse.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Selbstanfertigung physikalischer Apparate. Leipzig 1885.
  • Molekularphysik (i.e. Molecular physics). 2 Bde, Leipzig 1888/89.
  • Die Kristallanalyse (i.e. The Analysis of Crystals). Leipzig 1891.
  • Elektricität und Licht (i.e. Electricity and Light). Braunschweig 1895.
  • Flüssige Krystalle (i.e. Liquid Crystals). Leipzig 1904.
  • Die scheinbar lebenden Krystalle. Eßlingen 1907.
  • Die wichtigsten Begriffe und Gesetze der Physik. Berlin 1907.
  • Flüssige Kristalle und ihr scheinbares Leben. Forschungsergebnisse dargestellt in einem Kinofilm. Voss, Leipzig 1921.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David Dunmur & Tim Sluckin (2011), Soap, Science, and Flat-screen TVs: a history of liquid crystals, pp 20–7, Oxford University Press ISBN 978-0-19-954940-5 .
  • Michel Mitov (2014), Liquid-Crystal Science from 1888 to 1922: Building a Revolution, in ChemPhysChem, vol. 15, pp 1245–1250.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN45065512 · ISNI: (EN0000 0001 0718 4728 · LCCN: (ENnr2004024551 · GND: (DE116875275