Colognola ai Colli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Colognola ai Colli
comune
Colognola ai Colli – Stemma Colognola ai Colli – Bandiera
Colognola ai Colli – Veduta
Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Verona-Stemma.png Verona
Amministrazione
SindacoGiovanna Piubello (lista civica "Insieme per Colognola") dal 4-10-2021
Territorio
Coordinate45°26′N 11°12′E / 45.433333°N 11.2°E45.433333; 11.2 (Colognola ai Colli)
Altitudine177 m s.l.m.
Superficie20,9 km²
Abitanti8 654[2] (31-12-2020)
Densità414,07 ab./km²
FrazioniMonte, Pieve, San Vittore, San Zeno, Strà, Villa (o Pian, sede comunale)[1]
Comuni confinantiBelfiore, Caldiero, Cazzano di Tramigna, Illasi, Lavagno, Soave
Altre informazioni
Cod. postale37030
Prefisso045
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT023028
Cod. catastaleC897
TargaVR
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[3]
Cl. climaticazona E, 2 427 GG[4]
Nome abitanticolognolesi
Patronosan Biagio
Giorno festivo3 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Colognola ai Colli
Colognola ai Colli
Colognola ai Colli – Mappa
Posizione del comune di Colognola ai Colli all'interno della provincia di Verona
Sito istituzionale

Colognola ai Colli (Colognóla in veneto[5]) è un comune italiano di 8 654 abitanti della provincia di Verona in Veneto. Si tratta di un comune sparso, in quanto la sede comunale si trova nella frazione Villa.

Il comune potrebbe fondersi con Belfiore, Caldiero e Illasi per formare un unico comune[6].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Colognola ai Colli si trova a 18 chilometri a est di Verona. Si trova sulla strada che va a San Bonifacio, la SS11 "Padana Superiore", ed è all'imbocco della Val d'Illasi. L'altitudine minima comunale è 23 metri, nella zona confinante con Caldiero, mentre l'altitudine massima raggiunge i 226 metri, in corrispondenza del capoluogo comunale (Monte). Il territorio di Colognola ai Colli può essere diviso in quattro zone omogenee: la vallata del Progno d'Illasi, l'area collinare, la vallata del Tramigna e la Bassa.

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Monte, a 175 m s.l.m., domina dall'alto tutto il territorio. La chiesa parrocchiale è dedicata a san Fermo e san Rustico e sorge sull'antica Arce con i resti del castello. In centro le ville Peverelli-Cavalli, Portalupi, Spinola e Pozzoni.
  • Villa o Piano. Ai piedi del Monte si sviluppa sull'antica centuriazione romana. È sede del municipio e dal 2012, in villa Aquadevita, si svolge la sagra dei bisi. Vi sono le ville Maffei-Faccioli, Baldo, Apollonio, Aquadevita, Poli, Gemma e Nichesola-Fano.
  • San Zeno. Anticamente era chiamata Campagnola e i recenti rinvenimenti archeologici testimoniano che qui si era sviluppato un insediamento longobardo. Ospita la chiesa parrocchiale e le ville Ceriani-Franchetti-Vanzetti e Zoppi.
  • Cadellara-Pieve. Toponimo legato all'antichissimo santuario di Santa Maria della Pieve, termine molto usato nel periodo carolingio. Vi sono numerose testimonianze longobarde, Quarente è legata alla perduta centuriazione romana, Cadellara al romano domus are, inoltre ville Moscardo Maffei-Turco.
  • Strà. Popolosa frazione sulla strada regionale 11, ha rappresentato, nel recente passato, il luogo di maggior sviluppo residenziale di Colognola ai Colli. Da segnalare la bellissima residenza d'epoca Posta Vecia. La frazione di Strà venne istituita nel 1931.
  • San Vittore. Prende questo nome dalla devozione popolare verso il santo, è sede di cave di pietra e di numerosi molini sorti lungo il fiume Tramigna. Significativa è la presenza di ville, La Colombara, Zanella e dell'antica 'repositura di Santa Maria della Giara.
Panorama della frazione di San Vittore.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

La tradizionale Sagra dei Bisi di Colognola ai Colli raggiunge nel 2013 la 57ª edizione. La manifestazione ha tipicamente luogo nel terzo fine settimana di maggio e mira a rivalutare il pisello Verdone nano, alimento ricco di proteine e vitamine, sia nei suoi usi culinari più complessi che in quelli più semplici.

Adatto alla preparazione di qualsiasi piatto, il pisello “Verdone Nano” trova tra le colline di Colognola ai Colli il giusto ambiente per crescere con le sue particolari caratteristiche: dolcezza e tenerezza. Dopo un periodo di grande ricchezza di questo legume, la sua importanza è andata calando, ma non per questo si è pensato di abbandonarne la produzione.

I piatti in cui gustare questo legume sono molti, dalla “crema di bisi” alla “faraona con i piselli”, dallo “spezzatino con i bisi” al gelato al gusto di pisello fino ai più tradizionali “Risi e bisi” e “lasagne e bisi”, piatto principale della manifestazione.

Nel corso della manifestazione, oltre alla tradizionale mostra del tipico prodotto locale, si alternano spettacoli musicali, mostre di artigianato e concorsi per la classificazione dei prodotti migliori.

Completano l'offerta passeggiate sui “sentieri dei piselli”, artisti di strada e stand enogastronomici. Non mancano inoltre i vini delle zone del Soave e della Valpolicella.

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Ville[8][modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del Comune è caratterizzato da un articolato reticolo di ville e corti, proprie dell'economia rurale, sviluppatosi tra il XV e XIX secolo

  • Villa Maffei- XVII secolo
  • Villa Fano - XVII secolo
  • Villa Acquadevita
  • Villa Vanzetti - XVI-XVII
  • Villa Portalupi - XVII secolo
  • Villa Spinola
  • Villa Peverelli - XV secolo
  • Villa Pozzoni-Glisenti - XVII secolo
  • Villa Cavalli - Peverelli - XV secolo
  • Villa Stagnoli-Bertani - XV secolo
  • Villa Moscardo - XVI secolo
  • Villa Valdessarini (Corte Decima) - XVI secolo
  • Villa Zanella (Corte Cervia) - XVI secolo
  • Villa Portalupi (Corte Calò) - XVII secolo
  • Villa Lorenzi- Carcereri de Prati (Corte Fornello) - XV secolo
  • Villa Rizzo (Corte Caneva) - XVI secolo
  • Villa Zoppi - XVIII secolo

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Come giurisdizione ecclesiastica il comune di Colognola appartiene alla diocesi di Verona; nel suo territorio abbiamo le parrocchie di Monte (Santi Fermo e Rustico), San Zeno (San Zeno vescovo), Pieve, Strà (Beata Vergine Maria Immacolata) e San Vittore (Santi Vittore e Corona).

Di particolare rilievo la chiesa di Santa Maria della Pieve, risalente al XII secolo. Ricordata già nel 1145 dal papa Eugenio III, fu costruita così, come si presenta ancora oggi, nel XVII secolo.

Originariamente tempio pagano, attribuito al culto di Mercurio, conserva al suo interno una pietra, a forma di architrave, recante una dedica al dio pagano, unitamente ad un'altra dedicata al dio Apollo.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte della zona di produzione del vino Soave DOC. È zona di produzione del vino Valpolicella DOC, dell'Amarone della Valpolicella e del Recioto di Soave DOCG.

A Colognola ai Colli sono site varie aziende di livello nazionale ed internazionale come Sammontana (ex Sanson Gelati), UTECO, Globo Giocattoli, Alteco, Vetrerie Riunite, Dal Colle, Imaforni Gea e VELUX.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte dell'Associazione nazionale "Città del vino"

Il comune fa parte dell'Unione Comunale detta Verona Est.
I comuni che ne fanno parte sono: Caldiero, Colognola ai Colli, Illasi, Mezzane di Sotto e Belfiore.

Inoltre il comune fa parte del movimento patto dei sindaci [9]


Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
luglio 1987 dicembre 1991 Flavio Carcereri De Prati Indipendente Sindaco Dimissioni del consiglio[10]
dicembre 1991 giugno 1992 Alfredo Galanti Commissario prefettizio [11][12]
giugno 1992 dicembre 1994 Flavio Carcereri De Prati Lista civica Sindaco Mozione sfiducia costruttiva[13]
dicembre 1994 aprile 1997 Antonio Zambaldo Democrazia Cristiana Sindaco [14]
aprile 1997 maggio 2001 Antonio Zambaldo Lista civica Sindaco [15]
maggio 2001 maggio 2006 Antonio Zambaldo Lista civica Sindaco [16]
maggio 2006 maggio 2011 Alberto Martelletto Lista civica Sindaco [17]
maggio 2011 giugno 2016 Alberto Martelletto Lista civica "Insieme per Colognola" Sindaco [18]
giugno 2016 ottobre 2021 Claudio Carcereri De Prati Lista civica "Insieme per Colognola" Sindaco
ottobre 2021 in carica Giovanna Piubello Lista civica "Insieme per Colognola" Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'A.C.D. Colognola ai Colli che milita nel girone C veneto di 2ª Categoria.

Basket[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di basket della città è l'A.D.Basket Colognola ai Colli che milita nel campionato C.S.I. in cui nell'anno 2017-2018, in categoria Under 18, ha avuto un forte miglioramento riuscendo a vincere tutte e otto le partite rimanendo così imbattuti.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Colognola ai Colli - Statuto (PDF), su incomune.interno.it. URL consultato il 16 maggio 2013.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ Provincia In - Storia e curiosità dei 97 Comuni de la Provincia Veronese, su larenadomila.it, La Rena Domila, l'informassion veronese. URL consultato il 26 novembre 2011.
  6. ^ Quattro Comuni studiano per diventare uno
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Andar per Ville e Vigne, su comunecolognola.it. URL consultato l'11 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2013).
  9. ^ [1]
  10. ^ amministratori.interno.it - 1987, su amministratori.interno.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  11. ^ amministratori.interno.it - 1991 prefettizio, su amministratori.interno.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  12. ^ amministratori.interno.it - 1991 straordinario, su amministratori.interno.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  13. ^ amministratori.interno.it - 1992, su amministratori.interno.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  14. ^ amministratori.interno.it - 1994, su amministratori.interno.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  15. ^ amministratori.interno.it - 1997, su amministratori.interno.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  16. ^ amministratori.interno.it - 2001, su amministratori.interno.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  17. ^ amministratori.interno.it - 2006, su amministratori.interno.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  18. ^ amministratori.interno.it - 2011, su amministratori.interno.it. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  19. ^ Le 2 Colognola (PDF) [collegamento interrotto], su parrocchia-colognola.it. URL consultato il 16 maggio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Sartori, Colognola ai Colli, Verona, Edizioni di Vita veronese, 1959
  • Luciano Salzani, Colognola ai Colli: indagini archeologiche, Colognola ai Colli, [s.n.], 1983
  • Umberto G.Tessari, Santa Maria della Pieve a Colognola ai Colli, Colognola ai Colli, Comune, 1984
  • Dino Coltro, Colognola ai Colli, Venezia, Arsenale, 1984 (stampa 1985)
  • Conoscere per conservare: il patrimonio storico-artistico delle chiese di Colognola ai Colli, catalogo a cura di Elena Rama, Chiara Rigoni, contributi di mons. E. Caprini … [et al.], Colognola ai Colli, Comune, 1985
  • Il Vicariato di Colognola Ai Colli : atti del Convegno tenuto a villa Fano di Colognola ai Colli il 14 maggio 1989, a cura di Giancarlo Volpato, Colognola ai Colli, Comune, 1990
  • Marco Pasa – Irnerio De Marchi, Colognola ai Colli: ville e corti, la presenza signorile e la sua influenza sul territorio, Colognola ai Colli, Comune, 2011
  • Anna Maria Prati, Colognola ai Colli: ricerca bibliografica, Colognola ai Colli, Comune, 2016 testo completo scaricabile dal sito del Comune di Colognola ai Colli [2] ultimo accesso 21 maggio 2020
  • Il futuro ha un cuore antico : frammenti di un secolo di storia sociale ed economica di una terra : l'archivio Carcereri de Prati e il Comune di Colognola ai Colli : 1880-1980 , a cura di Claudio Carcereri de Prati, Bussinelli Editore, 2016

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Verona Portale Verona: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di verona