Roveré Veronese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roveré Veronese
comune
Roveré Veronese – Stemma Roveré Veronese – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Verona-Stemma.png Verona
Amministrazione
SindacoAlessandra Caterina Ravelli dal 5-6-2016
Territorio
Coordinate45°36′N 11°04′E / 45.6°N 11.066667°E45.6; 11.066667 (Roveré Veronese)Coordinate: 45°36′N 11°04′E / 45.6°N 11.066667°E45.6; 11.066667 (Roveré Veronese)
Altitudine843 m s.l.m.
Superficie36,55 km²
Abitanti2 085[1] (31-12-2020)
Densità57,05 ab./km²
FrazioniRoveré, San Francesco, San Rocco di Piegara, San Vitale
Comuni confinantiBosco Chiesanuova, Cerro Veronese, Grezzana, San Mauro di Saline, Selva di Progno, Velo Veronese, Verona
Altre informazioni
Cod. postale37028
Prefisso045
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT023067
Cod. catastaleH608
TargaVR
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona F, 3 663 GG[3]
Nome abitantiroveresi
Patronosan Nicolò
Giorno festivo6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Roveré Veronese
Roveré Veronese
Roveré Veronese – Mappa
Posizione del comune di Roverè Veronese all'interno della provincia di Verona
Sito istituzionale

Roveré Veronese (Roveràit in cimbro[4], Roaré in dialetto locale) è un comune italiano di 2 085 abitanti della provincia di Verona in Veneto.

È uno degli antichi Tredici Comuni.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Roveré Veronese è un comune che si colloca sulla dorsale a cavallo tra la Val Squaranto e la Val d'Illasi, a 843 m s.l.m. Si estende quasi al centro dell'altopiano lessinico.

È racchiuso a nord e a ovest dai comuni di Bosco Chiesanuova (da cui dista circa 15 km), Cerro Veronese (6 km) e Grezzana (18 km), a nord-est da Selva di Progno (14 km), a est da Velo Veronese (5 km), a sud-est da San Mauro di Saline (8 km) e, infine, a sud da Verona (zona che comprende le frazioni di Montorio e Mizzole, distante in media 27 km).

Il territorio comunale raggiunge un'altezza di 1500 metri di altitudine. Il comune comprende 4 frazioni: Roveré (capoluogo), San Rocco di Piegara, San Francesco e San Vitale in Arco.

Il territorio, come tutta la Lessinia, è carsico. Numerose sono le grotte e le cavità naturali, come la grotta del Capriolo a Roveré 1000. Nella parte nord del territorio, raggiungibile attraverso il comune di Velo, c'è la stazione sciistica della Conca dei Parpari una conca probabilmente ricca di bacini sotterranei.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo riflette il latino robur, rovere.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Come molti luoghi della Lessinia L'inizio di Roveré affonda nella preistoria, infatti il paese sorge su un villaggio del Neolitico con tracce di insediamenti più antichi. Su tutto il territorio comunale sono stati ritrovati castellieri dell'età della pietra.

È la prima zona dove si insediarono i Cimbri nel veronese, in seguito all'editto di Bartolomeo della Scala del 5 febbraio 1287 che permise la presenza di circa 200 Cimbri provenienti dal Vicentino al seguito di Olderico da Altissimo. In seguito ai primi insediamenti, Roveré fu un unico comune con Chiesanuova e Cerro fino al 1375.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del Comune di Roverè Veronese è stato concesso con decreto del presidente della Repubblica del 28 luglio 2005.[5]

«Di azzurro, alla fortezza formata da cinque torri unite di argento, murate di nero, merlata alla ghibellina, la torre centrale alta e larga, merlata di quattro, chiusa di nero, cimata dalla rovere di verde, fustata al naturale; le due torri combacianti con la torre centrale, una a destra, l'altra a sinistra, di misure intermedie, arretrate in secondo piano, ognuna merlata di due; le torri laterali, combacianti con le torri mediane, una a destra, l'altra a sinistra, più esigue, arretrate in terzo piano, ognuna merlata di due; le cinque torri finestrate ognuna con finestrella tonda di nero; essa fortezza fondata sulla pianura di verde, questa caricata dallo stradello scalinato di sette, di argento, posto in sbarra, unito alla soglia della porta e desinente sul lembo inferiore dello scudo. Ornamenti esteriori da Comune»

(D.P.R. 28.07.2005)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Dell'inizio del XIV secolo fu ricostruita nel 1496. Il campanile del 1493 fu realizzato da Domenico da Lugo. Carlo Cipolla trovo riferimenti ad una precedente chiesa nell'anno 804.

San Rocco di Piegara diventò parrocchia nel 1648, la chiesa contiene una tela di Domenico Macaccaro raffigurante la Madonna con il Bambino con vergini e angeli. La tela è antecedente al 1630, anno di morte del pittore a causa dell'epidemia di peste di quell'anno.

Fu costruita all'inizio del XX secolo con l'abbattimento di una precedente chiesa consacrata il 20 maggio 1372. La chiesa attuale conserva opere artistiche di un certo pregio della precedente.

Tradizioni popolari[modifica | modifica wikitesto]

Roveré è uno dei luoghi che rivendica la nascita di Bertoldo, l'astuto montanaro che frequentava la corte di Alboino a Verona. Il personaggio fu creato dallo scrittore e cantastorie Giulio Cesare Croce, bolognese del XVI secolo. Fra le numerose opere dedicate a Bertoldo spicca Le astuzie di Bertoldo e Le piacevoli ridicolosità di Bertoldino da cui fu liberamente tratto un film nel 1984 con la regia di Mario Monicelli. Quello di Monicelli fu il terzo film italiano dedicato al personaggio; l'invenzione di Cacasenno è posteriore, da un'opera del Banchieri. Nel paese sono presenti importanti associazioni che durante l'anno propongono attività ludiche e culturali: un gruppo storico di campanari a sistema veronese, una proloco che organizza e coordina le attività, e un coro, conosciuto in tutta la provincia di Verona come uno dei cori più validi al momento in attività, il coro la Stele, che nell'estate del 2006 ha pubblicato il suo primo CD per festeggiare i 10 anni di canto.

Gli appuntamenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Fiere di Roveré Veronese: secondo martedì di maggio e di ottobre.
  • Festa dei funghi di Roveré Veronese: prima domenica di settembre.
  • Fiere di San Rocco di Piegara: ultimo martedì di aprile e di settembre.
  • Festa dei marroni di San Rocco di Piegara: penultima domenica di ottobre.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Roveré basa la sua economia sull'agricoltura, il turismo, la trasformazione del latte a livello industriale e su alcune attività artigianali, senza dimenticare la vendite di castagne che avviene in autunno. Sono presenti inoltre caseifici medio-piccoli con prodotti di altissima qualità, dai formaggi ai salumi. Nel 1970 Dario Bonomi fonda il Montepurga, diventato poi Forno Bonomi, una pasticceria che oggi produce a livello internazionale, esportando in oltre 60 paesi nel mondo biscotti savoiardi (per Tiramisù), amaretti, pastafrolle e sfogliatine. Si conferma leader indiscusso nel settore ed è un autentico fiore all'occhiello per numerosi lavoratori della montagna veronese.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è interessato dallo scorrimento di 4 strade provinciali principali:

- la SP35 delle Mire, che inizia a Montorio (frazione a 6 km a nord-est di Verona), risale verso l'altopiano lessinico sulla dorsale della Val Squaranto attraversando la parte montana del comune di Verona, passa per i centri di San Rocco di Piegara e San Vitale e termina nei pressi di Roverè capoluogo;

- la SP15 del Purga, che inizia a Cerro Veronese, interseca la SP35 a Roverè e dopo circa 10 km termina a Velo Veronese;

- la SP13 dei Tredici Comuni che attraversa la frazione di San Francesco e che conduce fino a Bosco Chiesanuova;

- la SP6 dei Lessini, che scorre nella parte più settentrionale e montana del comune, collegando Roveré alla località sciistica di Malga San Giorgio.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte della Comunità montana della Lessinia, e dell'area del Parco della Lessinia.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
luglio 1988 giugno 1993 Flavio Bicego Democrazia Cristiana Sindaco [7]
giugno 1993 aprile 1997 Mario Dal Ben Democrazia Cristiana Sindaco [8]
aprile 1997 maggio 2001 Mario Dal Ben Lista civica Sindaco [9]
maggio 2001 maggio 2006 Stefano Marcolini Lista civica Sindaco [10]
maggio 2006 maggio 2011 Stefano Marcolini Lista civica Sindaco [11]
maggio 2011 giugno 2016 Fabio Erbisti Lega Nord - Liste civiche Sindaco [12]
giugno 2016 in carica Alessandra Caterina Ravelli Lista civica Beni comuni e Lega Nord Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Alice Giulia Dal Borgo, Percorsi di geografia culturale nelle enclaves linguistiche cimbre, Milano, CUEM, 2004, p. 115.
  5. ^ Emblema del Comune di Roverè Veronese (Verona), su presidenza.governo.it, Governo Italiano, Ufficio Onorificenze e Araldica, 2005. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ amministratori.interno.it - 1988, su amministratori.interno.it. URL consultato l'8 dicembre 2013.
  8. ^ amministratori.interno.it - 1993, su amministratori.interno.it. URL consultato l'8 dicembre 2013.
  9. ^ amministratori.interno.it - 1997, su amministratori.interno.it. URL consultato l'8 dicembre 2013.
  10. ^ amministratori.interno.it - 2001, su amministratori.interno.it. URL consultato l'8 dicembre 2013.
  11. ^ amministratori.interno.it - 2006, su amministratori.interno.it. URL consultato l'8 dicembre 2013.
  12. ^ amministratori.interno.it - 2011, su amministratori.interno.it. URL consultato l'8 dicembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]