Zevio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zevio
comune
Zevio – Stemma Zevio – Bandiera
Zevio – Veduta
Villa Sagramoso, detta anche "Il castello", sede municipale di Zevio, ed il ponte d'accesso sul fossato che circonda la struttura.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Verona-Stemma.png Verona
Amministrazione
SindacoPaola Conti (FdI) dal 13-6-2022
Territorio
Coordinate45°22′22″N 11°07′49″E / 45.372778°N 11.130278°E45.372778; 11.130278 (Zevio)
Altitudine32 m s.l.m.
Superficie54,87 km²
Abitanti15 075[2] (31-12-2020)
Densità274,74 ab./km²
FrazioniBosco, Campagnola, Perzacco, Santa Maria, Volon[1]
Comuni confinantiBelfiore, Caldiero, Oppeano, Palù, Ronco all'Adige, San Giovanni Lupatoto, San Martino Buon Albergo
Altre informazioni
Cod. postale37059
Prefisso045
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT023097
Cod. catastaleM172
TargaVR
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[3]
Cl. climaticazona E, 2 348 GG[4]
Nome abitantizeviani
PatronoToscana di Zevio
Giorno festivo14 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Zevio
Zevio
Zevio – Mappa
Posizione del comune di Zevio all'interno della provincia di Verona
Sito istituzionale

Zevio (Dévio[5] o Zevio[6] in veneto) è un comune italiano di 15 075 abitanti della provincia di Verona in Veneto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Zevio dista circa 19 chilometri dal centro di Verona e si trova a sud-est rispetto ad essa. È lambito a nord dal fiume Adige. Il territorio comunale è di medie dimensioni e si estende nell'area conosciuta come Bassa Veronese. Nonostante sia completamente pianeggiante, già a una quindicina di km più a nord si possono incontrare i primi rilievi collinari che precedono l'inizio dei Monti Lessini. Oltre a Verona, le cittadine più vicine sono San Giovanni Lupatoto, San Martino Buon Albergo e San Bonifacio, distanti solo pochi chilometri.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Sulla base dei numerosi ritrovamenti, all'interno del territorio zeviano, di resti di epoca romana, nella seconda metà dell'Ottocento fu avanzata dal mons. Luigi Gaiter l'ipotesi che il nome del paese potesse derivare dall'aggettivo latino devius, col significato di "paese fuori della via", in riferimento alla collocazione dell'insediamento a breve distanza (circa 4,5 km) dal tracciato della via Postumia. Tale ipotesi non appare, però, sufficientemente supportata da riscontri documentali.

Risulta invece più probabile la derivazione da Jébetum, giungendo all'attuale denominazione attraverso successive modificazioni fonetiche (Gébitum, Gébeto, Gébeo, Zéveo), che trovano riscontro all'interno di documenti tardomedievali, atti ufficiali e mappe della Repubblica di Venezia. Il toponimo originale Jébetum o Gébetum discenderebbe dalla popolazione dei Gepidi, cui fu permesso, dopo la definitiva sconfitta subita nel 567 da parte del re longobardo Alboino, di stabilirsi in questo territorio, che per tale motivo fu in seguito conosciuto come "Terra dei Gepidi" (fines Gepidana).

La più antica attestazione nota del nome Gebitus risale all'anno 846, all'interno del testamento di tale Engelberto da Erbé, proprietario di una masseria nella campagna zeviana (in loco et fundo Gebitus).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si hanno notizie di insediamenti a Zevio dal V secolo, periodo in cui svolgeva un ruolo difensivo per Verona, con un fortilizio che si trovava sul sito dell'odierna villa Sagramoso, nota anche come il castello proprio per la sua origine. Con lo stanziamento dei Gepidi, dopo il 567, comincia a crescere il villaggio di Zevio. Da allora si apre un periodo burrascoso per il paese che, insieme a Verona, vede passare diverse dominazioni straniere.

Oltre al fortilizio, importante è la storia della chiesa locale, presente già dal X sec. con una collegiata; oltre alla pieve e agli oratori del capoluogo, hanno una storia secolare le chiese e gli oratori delle frazioni.

In età scaligera a Zevio nacque Santa Toscana.

In età rinascimentale fu arciprete di Zevio l'umanista Girolamo Avanzi, autore di un'ode saffica in latino in onore della Santa. Molto attive furono le confraternite, di cui rimangono vestigia negli altari laterali della parrocchiale e negli oratori, negli Archivi Storici Parrocchiale e Comunale.

Nel Seicento ricordiamo i parroci Franchi e Frapporti, legati al culto di santa Toscana.

Nel 1798, Zevio fu capoluogo del distretto 2 (chiamato Distretto dell'Alto Adige) del Dipartimento del Benaco istituito da Napoleone all'interno della Repubblica Cisalpina. L'arciprete del tempo don Francesco Fresco (1799-1829) ha lasciato un interessantissimo diario, nel quale ha registrato le battaglie napoleoniche di Caldiero, le conseguenze della dominazione francese giacobina (vd. anche le scritte in francese tuttora visibili dei soldati alloggiati nel castello), il rimpianto per i cattolici austriaci.

Dal 1815 divenne definitivamente austriaca, divenendo capoluogo di una gendarmeria, fino al 1866, quando, con la terza guerra di indipendenza, entrò a far parte del regno d'Italia.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Sono diverse le testimonianze architettoniche che caratterizzano l'abitato ed i centri limitrofi. Di seguito sono citati i più rappresentativi.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa Parrocchiale di Santa Maria (XIX secolo)
È nella frazione di Santa Maria, di stile neoclassico è del 1820. Diventò parrocchia solamente nel 1949.
Chiesa di San Pietro (XIX secolo)
La chiesa attuale è del 1839, progettata dall'architetto Bartolomeo Giuliari e costruita su una precedente. Il campanile è del Cinquecento. La parrocchia viene citata nel 903 elencando preti e nel 1135 ricordando Adelardo da Zevio. Nel 1145 papa Eugenio III scrive plebem Gebeti cum capellis et decimis.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Albertini Vesentini - XIX secolo
  • Palazzo Emilei - XVIII secolo
  • Palazzo Smania - XIV secolo
  • Villa Barbaro Todeschi - XVI secolo
  • Villa Bonomi Da Monte - XIX secolo
  • Villa Da Lisca - XVIII secolo
  • Villa Sagramoso, detta "Il castello" - XVIII secolo

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte della zona di produzione del vino Arcole DOC e del Riso Nano Vialone Veronese, che viene coltivato su terreni della pianura veronese irrigati con acqua di risorgiva. Inoltre è uno dei maggiori paesi produttori di mele della provincia.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

A Zevio era presente una stazione della tranvia Verona-Albaredo-Coriano, in servizio solo fra il 1898 e il 1925. Tale linea, con trazione a vapore, fu all'inizio del secolo interessata da un esperimento di trasporto integrato che prevedeva la costruzione di un grande porto fluviale sull'Adige, presso Albaredo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
agosto 1985 giugno 1990 Raffaele Bazzoni Democrazia Cristiana Sindaco [8]
giugno 1990 aprile 1995 Raffaele Bazzoni Democrazia Cristiana Sindaco [9]
aprile 1995 giugno 1999 Maria Luisa Tezza FI, eletta con lista civica di centro-destra Sindaco [10]
giugno 1999 settembre 2001 Maria Luisa Tezza FI, eletta con lista civica di centro-destra Sindaco Dimissioni del consiglio[11]
settembre 2001 maggio 2002 Paolo Crispino Commissario prefettizio [12][13]
maggio 2002 maggio 2007 Maria Luisa Tezza FI, eletta con lista civica di centro-destra Sindaco [14]
maggio 2007 maggio 2012 Paolo Lorenzoni UDC, PL dal 2008, PdL dal 2009, eletto con lista "Zevio per le Libertà" (UDC-LN-AN) Sindaco [15]
maggio 2012 giugno 2017 Diego Ruzza PdL fino al 2013, eletto con lista "Nuovo Polo per Zevio" (UDC-Zevio per le Libertà-FLI) Sindaco [16]
giugno 2017 giugno 2022 Diego Ruzza FdI dal 2021, eletto con lista "Centrodestra per Zevio" (FI-LN-FdI) Sindaco
giugno 2022 In carica Paola Conti FdI, eletta con lista "Centrodestra per Zevio" (Lega-FdI) Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Italia Arborea[senza fonte]

Il comune fa parte del movimento patto dei sindaci [17]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La squadra principale di calcio di Zevio è l'AC Zevio che nella stagione 2021/2022 milita nel girone B di Prima Categoria. La Nuova Cometa Santa Maria invece è la squadra della frazione di Santa Maria di Zevio che gioca in Seconda Categoria. Oltre al calcio, c'è anche basket, pallavolo e tanti altri sport. Nella stagione 2018/2019 nella squadra di basket U18 maschile si è introdotta una ragazza, una promessa per la nuova squadra femminile che si farà per la stagione 2019/2020.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Zevio - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 718, ISBN 88-11-30500-4.
  6. ^ Provincia In - Storia e curiosità dei 97 Comuni de la Provincia Veronese, su larenadomila.it, La Rena Domila, l'informassion veronese. URL consultato il 26 novembre 2011.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ amministratori.interno.it - 1985, su amministratori.interno.it. URL consultato il 25 dicembre 2013.
  9. ^ amministratori.interno.it - 1990, su amministratori.interno.it. URL consultato il 25 dicembre 2013.
  10. ^ amministratori.interno.it - 1995, su amministratori.interno.it. URL consultato il 25 dicembre 2013.
  11. ^ amministratori.interno.it - 1999, su amministratori.interno.it. URL consultato il 25 dicembre 2013.
  12. ^ amministratori.interno.it - 2001 prefettizio, su amministratori.interno.it. URL consultato il 25 dicembre 2013.
  13. ^ amministratori.interno.it - 2001 straordinario, su amministratori.interno.it. URL consultato il 25 dicembre 2013.
  14. ^ amministratori.interno.it - 2002, su amministratori.interno.it. URL consultato il 25 dicembre 2013.
  15. ^ amministratori.interno.it - 2007, su amministratori.interno.it. URL consultato il 25 dicembre 2013.
  16. ^ amministratori.interno.it - 2012, su amministratori.interno.it. URL consultato il 25 dicembre 2013.
  17. ^ [1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Il Veneto paese per paese, Firenze, Bonechi, 2000, ISBN 88-476-0006-5.
  • Renzo Piglialepre, Zevio "un tempo antichissima e celeberrima terra", I-III, Arti Grafiche Studio 83, Zevio 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN238636866
  Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Veneto