Clarissa Burt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Clarissa Burt in Caruso Pascoski di padre polacco (1988)

Clarissa Rita Burt (Filadelfia, 25 aprile 1959) è un'attrice ed ex modella statunitense naturalizzata italiana che ha lavorato a lungo in Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni ottanta intraprende la carriera di modella, trasferendosi per lavoro a Milano. Divenuta un volto celebre grazie alle pubblicità di alcune grandi case di moda, quali Christian Dior, approda alla televisione italiana nella metà di quella decade, e successivamente al cinema, debuttando nel 1988 in Caruso Pascoski di padre polacco, diretto da Francesco Nuti. Nel 1990 partecipa al programma di Raffaella Carrà Ricomincio da due. Nel 1992 è al fianco di Pippo Baudo nella conduzione di Un disco per l'estate, progetto che ricondurrà (sempre con Baudo) anche l'anno successivo. Nel 1996 partecipa ad Atlantam tam su Raiuno con Fabrizio Frizzi.

Nel 2004 si candida alle elezioni europee con Alleanza Nazionale, ottiene 13.000 preferenze e non viene eletta[1]; nello stesso anno viene nominata assessore alla cultura del comune di Ardea[1]. Sempre nel 2004 partecipa alla prima edizione del reality show La talpa dove viene eliminata per quarta e nel 2010 partecipa alla settima edizione de L'isola dei famosi, dove arriva fino alla semifinale.

Clarissa Burt nel 2018 con il segretario generale della Fondazione Italia USA Corrado Maria Daclon

Fa parte della Fondazione Italia USA dove è responsabile per il Made in Italy negli USA.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 riceve la cittadinanza italiana dall'allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5130968 · ISNI (EN0000 0001 1944 2958 · LCCN (ENno00000308 · GND (DE1062213513 · BNF (FRcb14023361w (data) · NLA (EN40652881