Chung Hyeon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hyeon Chung
Hyeon Chung.jpg
Hyeon Chung all'Australian Open 2018
Nazionalità Corea del Sud Corea del Sud
Altezza 188 cm
Peso 87 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 80 - 61 (56,74%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 19º (2 aprile 2018)
Ranking attuale 153º (12 Luglio 2019)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open SF (2018)
Francia Roland Garros 3T (2017)
Regno Unito Wimbledon 1T (2015)
Stati Uniti US Open 2T (2015, 2017, 2018)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 9 - 13 (40,91%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 187º (11 aprile 2016)
Ranking attuale 395º (13 novembre 2017)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2016)
Francia Roland Garros 1T (2017)
Regno Unito Wimbledon
Stati Uniti US Open 1T (2015)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 31 dicembre 2018

Chung Hyeon[1] (Suwon, 19 maggio 1996) è un tennista sudcoreano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a giocare a tennis all'età di sei anni, su consiglio dei medici per tenere sotto controllo la miopia[2][3]. Dopo aver vinto l'Eddie Herr International e il Junior Orange Bowl, categoria under-12, si è trasferito in Florida con il fratello per frequentare la prestigiosa accademia di Nick Bollettieri. Ha esordito nel circuito junior nel 2010, raggiungendo negli anni seguenti la posizione numero sette delle classifiche under-18, grazie a un record di 84 vittorie e 32 sconfitte. Nei tornei juniores del Grande Slam vanta una finale a Wimbledon nel 2013, sconfitto da Gianluigi Quinzi, e i quarti di finale all'Australian Open 2014, battuto da Alexander Zverev.[4][5]

Ha esordito nel circuito professionista nell'estate 2012 ed ha ottenuto il primo punto ATP nell'ottobre dello stesso anno, raggiungendo il secondo turno nel Challenger di Seoul. Il passaggio definitivo nella categoria avviene nel 2014, quando vince tre tornei futures e il Challenger di Bangkok, divenendo il secondo asiatico più giovane a conquistare un titolo della categoria, dopo Jimmy Wang.[6]

La scalata nel ranking ATP continua nel 2015, grazie a ulteriori quattro successi a livello challenger (Burnie, Savannah, Pusan, Kaohsiung), che gli permettono di entrare per la prima volta in top-100 (il 28 aprile) e successivamente di issarsi fino alla posizione numero 51. In doppio vanta invece un best ranking di 333 e due titoli a livello futures. Ha partecipato all'edizione 2015 del torneo di Wimbledon, venendo eliminato al primo turno, e degli US Open, dove ha raggiunto il secondo turno grazie al successo su James Duckworth prima di essere sconfitto in tre tie-break da Stan Wawrinka.[7]

Allenato dall'ex professionista sudcoreano Yoon Yong-il, ha come idolo sportivo il serbo Novak Djokovic.[8] Ha rappresentato la Corea del Sud in 8 (5-3) incontri di Coppa Davis, esordendo nel 2014 con una sconfitta in tre set con l'indiano Somdev Devvarman.[9]

L'11 novembre 2017 si aggiudica la prima edizione delle Next Generation ATP Finals, torneo dedicato ai migliori giovani under 21 del circuito, sconfiggendo in finale il russo Andrey Rublev.[10]

Il 22 gennaio 2018 esce vittorioso dall'incontro con Novak Djokovic negli Australian Open con il punteggio 7-6, 7-5, 7-6, successivamente raggiunge le semifinali del torneo, dove è costretto al ritiro a causa di un infortunio muscolare nel match contro Roger Federer (lo svizzero stava conducendo 6-1 5-2).

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (1)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals / Next Generation ATP Finals (1)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (0)
N Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 11 novembre 2017 Italia Next Generation ATP Finals, Milano Cemento (i) Russia Andrey Rublev 35–4, 4–32, 4–2, 4–2

Tornei minori[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (12)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda
ATP Challenger Tour (8)
ITF Futures (4)
N. Data Torneo Superficie Avversario Punteggio
1. 16 giugno 2013 Corea del Sud Gimcheon Cemento Spagna Enrique López-Pérez 6–2, 6–3
2. 15 febbraio 2014 Thailandia Nonthaburi Cemento Corea del Sud Nam Ji-sung 6–2, 7–64
3. 1 marzo 2014 Thailandia Nonthaburi Cemento Regno Unito Marcus Willis 6–2, 6–4
4. 1 giugno 2014 Corea del Sud Changwon Cemento Corea del Sud Cho Min-hyeok 6–1, 2–6, 7–5
5. 31 agosto 2014 Thailandia Chang-SAT Bangkok Open, Bangkok Cemento Australia Jordan Thompson 7–60, 6–4
6. 7 febbraio 2015 Australia McDonald's Burnie International, Burnie Cemento Australia Alex Bolt 6–2, 7–5
7. 26 aprile 2015 Stati Uniti Tail Savannah Challenger, Savannah Terra verde Irlanda James McGee 6–3, 6–2
8. 10 maggio 2015 Corea del Sud Busan Open Challenger, Pusan Cemento Slovacchia Lukáš Lacko 6–3, 6–1
9. 27 settembre 2015 Taipei Cinese OEC Kaohsiung, Kaohsiung Cemento India Yuki Bhambri 7–5, 6–4
10. 25 settembre 2016 Taipei Cinese OEC Kaohsiung, Kaohsiung Cemento Corea del Sud Lee Duck-hee 6–4, 6–2
11. 13 novembre 2016 Giappone Kobe Challenger, Kōbe Cemento (i) Australia James Duckworth 6–4, 7-62
12. 29 gennaio 2017 Stati Uniti Honolulu Challenger, Honolulu Cemento Giappone Tarō Daniel 7-63, 6-1
Finali perse (6)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda
ATP Challenger Tour (3)
ITF Futures (3)
N. Data Torneo Superficie Avversario Punteggio
1. 12 maggio 2013 Corea del Sud Seoul Cemento Stati Uniti Daniel Nguyen 6–4, 5–7, 4–6
2. 23 marzo 2014 Cina Yuxi Cemento Cina Zhang Ze 63–7, 63–7
3. 8 giugno 2014 Corea del Sud Taegu Cemento Corea del Sud Kim Cheong-eui 5–7, 65–7
4. 15 febbraio 2015 Australia Launceston Tennis International, Launceston Cemento Stati Uniti Bjorn Fratangelo 6–4, 2–6, 5–7
5. 17 maggio 2015 Corea del Sud Samsung Securities Cup, Seoul Cemento Giappone Gō Soeda 6–3, 3–6, 3–6
6. 17 settembre 2016 Cina ATP Challenger China International Nanchang, Nanchang Cemento Giappone Hiroki Moriya 6–4, 1–6, 4–6

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]