Battaglia di Casaloldo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di Casaloldo
Casaloldo-Campagna.jpg
Zona della battaglia
Data10 maggio 1509
LuogoCasaloldo, Località Sant'Emiliano
CausaScorrerie degli Asolani nelle località di confine del Marchesato di Mantova
EsitoVittoria della Repubblica di Venezia
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
1 300600
Perdite
6040
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Casaloldo fu una battaglia combattuta il 10 maggio 1509 a Casaloldo, in provincia di Mantova, in località Sant'Emiliano, tra le truppe al servizio di Francesco II Gonzaga e le truppe al servizio della Repubblica di Venezia.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel XVI secolo le continue mire espansionistiche dei Gonzaga portarono a diversi scontri per la conquista dei borghi di confine del loro marchesato, anche in ossequio agli accordi della Lega di Cambrai del dicembre 1508, alla quale avevano aderito i marchesi di Mantova per contrastare l'espansione veneziana.

Il 10 maggio 1509 Alessio Beccaguto, uomo di fiducia del marchese Francesco Gonzaga, proveniente con i suoi uomini da Canneto, cercò di impossessarsi di Casaloldo (Casale Alto). Ingaggiò una battaglia cruenta alla periferia del borgo, che lasciò sul campo molti morti e feriti e alcuni pezzi di artiglieria. Lo schieramento avversario era costituito da 600 cavalieri della Repubblica di Venezia di stanza ad Asola e comandati da Matteo dal Borgo, che ebbe l'appoggio della popolazione locale.

Le truppe del Gonzaga uscirono sconfitte e si ritirarono di nuovo a Canneto. Casaloldo trovò invece un lungo periodo di pace.

L'episodio è stato immortalato in un quadro del XVIII secolo conservato presso il Palazzo ducale di Venezia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Treccani.it. Contarini Federico.
  2. ^ Comune di Casaloldo. Cenni storici., su comune.casaloldo.mn.it. URL consultato il 4 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]