Battaglia di Landriano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di Landriano
parte della guerra della Lega di Cognac
Alabarda di Landriano.jpg
Alabarda di fabbricazione tedesca ritrovata a Landriano
Data21 giugno 1529
LuogoLandriano
EsitoDecisiva vittoria imperiale
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
6.000 fanti francesi
2.500 lanzichenecchi
2.000 fanti italiani
centinaia di cavalieri francesi
alcuni pezzi d'artiglieria
sconosciuti
Perdite
7.000-8.000 uomini tra morti, feriti e prigionieri
catturata l'intera artiglieria e tutti i carriaggi
lievi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia


La battaglia di Landriano, che ebbe luogo il 21 giugno 1529 a Landriano vicino a Pavia durante la guerra della Lega di Cognac.

Le principali cause della sconfitta dei francesi furono la defezione del capitano genovese Andrea Doria, che entrò al servizio degli imperialisti, e il fallimento dell'assedio di Napoli del 1528, a seguito della peste le cui vittime furono, tra gli altri, il generale francese Lautrec e Pietro Navarro.

Battaglia[modifica | modifica wikitesto]

All'alba del 21 giugno l'esercito francese guidato da Francesco di Borbone-Vendôme iniziò ad attraversare il Lambro presso Landriano dov'era accampato da quattro giorni. L'avanguardia, costituita da 2.000 fanti e comandata da Guido Rangoni, passò il fiume. Proprio mentre il corpo principale dell'esercito e la retroguardia si apprestavano a passarlo, 600 cavalieri spagnoli usciti da Milano assaltarono quest'ultima venendo contrastati dalla controparte francese. Gli spagnoli a questo punto simularono una ritirata verso un luogo prestabilito dove si erano appostati 1.000 archibugieri. La retroguardia francese e la cavalleria li inseguirono e così caddero nell'imboscata. Colta di sorpresa, la cavalleria francese tentò di ritirarsi ma fu imbottigliata dai suoi stessi lanzichenecchi che vennero travolti e si diedero ad una fuga disordinata similmente ai fanti italiani e francesi. Gli spagnoli riuscirono così a catturare Francesco di Borbone-Vendôme, Giangirolamo Castiglioni, Alessandro Gonzaga, Claudio Rangoni (ferito da un colpo di lancia alla spalla mentre cercava di attraversare un fossato) e un gran numero di capitani francesi e italiani. Dopo aver annientato la retroguardia, gli spagnoli si diressero contro il corpo principale francese che non aveva ancora oltrepassato il fiume e fu sbaragliato. Tutta l'artiglieria e i carriaggi caddero in mano al nemico e la sola avanguardia riuscì a rifugiarsi a Pavia.[1]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

I prigionieri furono portati a Cassano e spogliati delle armi. La battaglia segnò la fine delle ambizioni di Francesco I su Milano. Carlo V, che era stato eletto imperatore, ma non era ancora stato incoronato dal Papa, riuscì ad ottenere la sua consacrazione a Bologna tra il 22 e il 24 febbraio 1530 grazie a questa vittoria e a strappare alla Francia l'umiliante trattato di Barcellona (29 giugno 1529). Questa sconfitta portò alla firma della pace di Cambrai.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sanudo, pp. 545-546.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]