Gattamelata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Erasmo da Narni
Gattamelata face.jpg
Particolare del monumento equestre al Gattamelata
1370 – 16 gennaio 1443
SoprannomeGattamelata
Nato aNarni
Morto aPadova
Dati militari
Paese servitoFlorenceCoA.svg Repubblica di Firenze
Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio
Flag of Most Serene Republic of Venice.svg Repubblica di Venezia
Forza armataMercenari
GradoCondottiero
voci di militari presenti su Wikipedia

Erasmo da Narni, detto il Gattamelata (Narni, 1370Padova, 16 gennaio 1443), è stato un condottiero e capitano di ventura italiano.

Fu al servizio prima della Repubblica di Firenze, poi dello Stato Pontificio ed infine della Repubblica di Venezia, da cui ottenne la carica di capitano generale. Abile stratega militare, difese la Serenissima dagli attacchi dei Visconti e riuscì a conquistare la città di Verona.

Montagnana, Palazzo Magnavin, presunta residenza del Gattamelata

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Erasmo da Narni nacque nel 1370 a Narni, in Umbria; il padre Paolo era un fornaio di Duesanti, frazione di Todi, mentre la madre Melania, anch'essa di Todi, probabilmente diede a Erasmo il principio di quello che sarebbe poi diventato il suo "soprannome", essendo il cognome della donna Gattelli[1]. Costretto dalle sue misere condizioni alla vita militare di basso rango, Erasmo fa il suo esordio nella vita militare militando sotto il nobile di Assisi Ceccolo Broglia[2], prima di passare, con l'amico Brandolino Conte Brandolini, patrizio forlivese, al servizio di Braccio da Montone, grandissimo condottiero italiano del '400.

Secondo un suo biografo, Giovanni Eroli, ad Erasmo venne attribuito il nomignolo di Gattamelata per la "dolcezza dè suoi modi congiunta a grande furberia, di cui giovossi molto in guerra a uccellare e corre in agguato i mal cauti nemici e pel suo parlare accorto e mite dolce e soave". Altri ritengono invece che il soprannome derivi dal cognome della madre, Melania Gattelli. In una nuova ricerca pubblicata negli Atti del convegno: "La chiesa di Santa Maria Maggiore e i domenicani a Narni" l'appellativo Gattamelata può derivare dal cimiero con la forma di una gatta dal colore miele, che il condottiero narnese aveva scelto d'indossare durante le battaglie.

Formatosi alla scuola di Braccio da Montone e di Niccolò Piccinino, militò al servizio della Repubblica di Firenze, dello Stato Pontificio (1427-1434), e infine della Repubblica di Venezia, a cui rimase sempre fedele. Per questo, la Serenissima Repubblica volle riconoscere a lui e al suo compagno Brandolino Conte Brandolini la signoria di Valmareno, con sede nel "Castello di Costa" di Cison (1436). L'anno successivo, però, intervenne un accordo tra i due, in base al quale Brandolino si ritirava dalle imprese militari ed il Gattamelata rinunciava alla sua parte della signoria di Valmareno.

Durante la sua intensa carriera di uomo d'armi, partecipò a numerose ed importanti azioni quali la repressione della rivolta di Bologna condotta contro il papa da Battista Canedolo, emissario di Filippo Maria Visconti, e la grande campagna nella Lombardia orientale e nel Veneto, ancora contro il Piccinino (1437-1439). In questa campagna, subentrato nel comando generale delle forze veneziane a Gianfrancesco Gonzaga, il Gattamelata attuò un'abile tattica soprattutto difensiva, che si concluse con la riconquista di Verona (1439), in cui fu aiutato da Francesco Sforza.

L'anno dopo il condottiero, infermo, si ritirò a Padova, dove morì il 16 gennaio 1443. La Repubblica di Venezia lo onorò con l'iscrizione al libro d'oro del patriziato. Particolari le caratteristiche del suo stemma che nel corso della sua lunga carriera di ventura assumono quattro fogge diverse, anche se sempre impostate su due motivi, tre cappi (che potrebbero essere tre trecce di crini di cavallo o corregge di cuoio) e una gatta. Citando sempre come fonte "La chiesa di Santa Maria Maggiore e i domenicani a Narni" il suo stemma potrebbe rappresentare invece tre funi, implicando quindi che forse il padre del Gattamelata le lavorava.

Famoso oltre che per le sue imprese militari per la statua equestre in bronzo fatta da Donatello su commissione della vedova Giacoma Della Leonessa, ed attualmente a Padova nei pressi della Basilica del Santo. Celebre anche la frase "Narnia me genuit / Gattamelata fui", la quale si può leggere incisa in una lapide che si trova presso la casa del Gattamelata a Narni.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Erasmo da Narni si sposò nel 1410 Giacoma Della Leonessa (? - Montagnana, settembre 1466), figlia di Beccarino Brunori e sorella del condottiero Gentile da Leonessa, la quale gli portò in dote 500 ducati. Da lei ebbe:

  • Giannantonio (?-1456), figlio primogenito;
  • Lucia (? - post 1475), andata in sposa nel 1430 a Mannadoro Antonio dei Landi di Todi;
  • Polissena, la quale sposò nel 1432 Tiberto Brandolini, figlio del condottiero Brandolino Conte Brandolini;
  • Antonia, la quale sposò Lancillotto da Narni;
  • Angela, che sposò Zuanne dei Massei di Narni;
  • Todeschina (?-1498), che sposò nel 1437 Antonio di Ranuzio dei conti di Marsiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ariodante Fabretti, Biografie dei capitani di ventura dell'Umbria, Perugia, 1846, volume 2, p. 209.
  2. ^ Bernardo Gonzati, La basilica di S. Antonio di Padova descritta ed illustrata, Padova, 1852, volume 2, p. 126.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joachim Poeschke, Reiterbilder und Wertesymbolik in der Frührenaissance – Zum Gattamelata-Monument Donatellos, in: Joachim Poeschke, Thomas Weigel, Britta Kusch-Arnhold (Hgg.), Praemium Virtutis III – Reiterstandbilder von der Antike bis zum Klassizismus. Rhema-Verlag, Münster 2008, ISBN 978-3-930454-59-4
  • Raphael Beuing: Reiterbilder der Frührenaissance – Monument und Memoria. Rhema-Verlag, Münster 2010, ISBN 978-3-930454-88-4
  • Atti del convegno: "La chiesa di Santa Maria Maggiore e i domenicani a Narni", Morphema Editrice, Narni, 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61816899 · ISNI (EN0000 0000 6138 1725 · LCCN (ENn90695798 · GND (DE118689746 · BNF (FRcb148942819 (data)