Uppaluri Gopala Krishnamurti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
U. G. Krishnamurti

Uppaluri Gopala Krishnamurti, più noto come U.G. Krishnamurti, o solo U.G. (9 luglio 191822 marzo 2007), è stato un filosofo conferenziere indiano.

Spesso definito "anti-guru" o come "l'uomo che rifiutò di essere un guru". Non va confuso con Jiddu Krishnamurti, anch'egli filosofo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

U.G. Krishnamurti non ha scritto alcun testo. Tutti i libri in circolazione (in inglese, francese, tedesco, olandese, spagnolo, polacco, serbo, coreano, hindi, tamil, telugu e kannada, oltre che in italiano) sono trascrizioni di conversazioni. Lo stesso U.G. non mostrerà particolare interesse a questi volumi, tanto che troviamo come ex ergo a ogni suo libro la seguente frase: “Il mio insegnamento, se vi piace chiamarlo così, non ha copyright. Siete liberi di riprodurlo, diffonderlo, interpretarlo, fraintenderlo, distorcerlo, alterarlo, potete farne quel che vi pare, potete anche pretendere di esserne voi gli autori, senza bisogno di chiedere né il mio consenso, né il permesso di chiunque altro.”

Un’antologia di testi ben rappresentativa del suo pensiero è:

  • The Penguin U.G. Krishnamurti reader, a cura di Mukunda Rao, New Delhi, Penguin Books India,2007.

Una raccolta - più sintetica - di detti e commenti di U.G. tradotta in italiano è:

L’unica biografia al momento disponibile su U.G. è stata scritta dal regista e produttore indiano Mahesh Bhatt, che fu suo amico, di lunga data e fino al momento della morte:

  • Mahesh Bhatt, U.G. Krishnamurti. A life, New Delhi, Penguin Books India, 1992.

Per una prima riflessione critica sul pensiero e l'opera di U.G.:

  • J.S.R.L. Narayana Moorty, Thought, the natural state and the body: deconstruction of spirituality in U.G. Krishnamurti, in www.ug-krishnamurti.blogspot.com.
  • T.R. Raghunath,Il pensiero irrazionale di U.G. Krishnamurti, in U.G. Krishnamurti, Liberarsi delle illusioni, Cesena, Alaya/Macro, 2004, pp. 19-41.
  • Federico Battistutta, U.G. Krishnamurti: per una critica della ragione religiosa,"Religioni e Società", n. 64, maggio/agosto 2009, pp. 91-97.


Controllo di autorità VIAF: 27087987 LCCN: n88147018

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie