SuperGrafx

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SuperGrafx
La consolle SuperGrafx
Produttore NEC
Tipo console a 16-bit
Generazione Quarta
In vendita fine 1989
Supporto di
memorizzazione
HuCard
CD-ROM
Dispositivi
di controllo
Joypad
Gioco più diffuso 1941
Predecessore PC Engine (versione modulare giapponese)
Successore PC-FX

Il SuperGrafx è una console prodotta dalla NEC ed è l'evoluzione del PC Engine. Inizialmente era conosciuto con PC Engine 2 e doveva essere un sistema a 16 bit allineato con le più avanzate tecnologie dell'epoca. La console era attesa per il 1990. Invece la console venne presentata verso la fine del 1989 e era dotata solo di una grafica leggermente migliore di quella del PC Engine, mentre audio e la CPU erano le medesime.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Comparato al PC Engine il SuperGrafx ha una memoria principale quattro volte più grande, un secondo chip video con allegata memoria dedicata e un controller indipendente per lo scrolling che poteva essere combinato con i processori video. Il SuperGrafx supportava due livelli indipendenti di scrolling sullo schermo, come il Sega Mega Drive e differenza del PC Engine che disponeva di un solo livello di scrolling.

Successo[modifica | modifica wikitesto]

Il SuperGrafx fu un fallimento soprattutto per lo scarso supporto da parte dei produttori di videogiochi. Solo sei titoli furono rilasciati per la macchina. Non vi erano giochi su CD. SCD o ACD scritti per utilizzare le innovazioni fornite dal SuperGrafx, i giochi costavano approssimativamente 110 Dollari statunitensi. Tuttavia il SuperGrafx poteva utilizzare i giochi su HuCard, CD, Super CD e Arcade CD del PC Engine e quindi la console in realtà disponeva di circa 700 giochi.

Accessori[modifica | modifica wikitesto]

Uno degli accessori più interessanti era il Power Console. Questo accessorio riproduceva una console di un aereo e poteva essere utilizzata per innalzare il livello di realismo dei simulatori di volo e di guida. Del Power Console vennero realizzati solo i prototipi, infatti poi si decise di non produrlo in serie.