The Games Machine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Games Machine
Abbreviazione TGM
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità mensile
Genere stampa nazionale
Formato rivista
Fondazione settembre 1988
Sede Milano
Editore Sprea Editori
Tiratura 40.000 copie (dicembre 2011)
Redattore capo Davide Tosini
Sito web www.thegamesmachine.it
 

The Games Machine, conosciuta anche con l'acronimo TGM, è una rivista mensile dedicata ai videogiochi per PC. Il primo numero è stato pubblicato nel settembre del 1988.

Attualmente è la più longeva rivista del settore ad essere pubblicata in Occidente, superata nel mondo solo dalla rivista giapponese Famitsū.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente la rivista italiana era la traduzione dell'omonima rivista britannica, che venne però chiusa nel 1990 dopo 34 numeri.

In Italia in origine è stata pubblicata dalla casa editrice milanese Xenia Edizioni, diretta da Bonaventura Di Bello, ed era stata concepita come testata dedicata ai videogiochi per home computer a 16-bit, ovvero principalmente Amiga e Atari ST (i PC avrebbero avuto un certo peso solo a partire dall'autunno del 1989), ma che non trascurava altri sistemi, sia tecnicamente "inferiori" (console come Nintendo Entertainment System, Sega Master System ed Atari VCS, e i computer MSX2) che "superiori": nel primo numero della rivista una delle recensioni fu dedicata a Conqueror e al sistema su cui girava, l'Acorn Archimedes.

Xenia pubblicava già un'altra rivista dedicata ai sistemi a 8-bit, Zzap!. Quando questa chiuse le pubblicazioni, continuò a vivere per un certo tempo come inserto all'interno di The Games Machine. Dall'ottobre 1991, The Games Machine fu affiancata da Consolemania, sua controparte interamente dedicata ai videogiochi per console.

Dal novembre 2005 al gennaio 2007 compreso, The Games Machine uscì sotto etichetta Future Italy, già editore di un'altra rivista del settore, Giochi per il mio computer. Alla fine di novembre 2006, Future plc, la casa madre della divisione Future Italy, decise di vendere l'intera divisione italiana Future Media Italy per ripianare parte dei debiti di gestione (50 milioni di sterline per il 2006), e fu acquisita da Sprea per 1,1 milioni di euro. In questo modo, dal febbraio 2007, The Games Machine esce sotto etichetta Sprea Media Italy. Nell'agosto 2013 TGM ha celebrato il doppio anniversario: 25 anni di pubblicazioni e 300 numeri. Il numero 300 include una celebrazione della storia della rivista, con numerosi interventi da parte di redattori e collaboratori storici.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Allegati[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal numero 72 (febbraio 1995), la rivista è uscita in due edizioni: normale e con allegato. Inizialmente quest'ultimo consisteva di un CD-ROM chiamato silver disk contenente demo di videogiochi e altro software; dal numero 111 i dischi diventano due, quando precedentemente venivano allegati in maniera occasionale.
Nel numero 122 (settembre 1999) viene allegato, insieme ai silver disk, un videogioco completo: come per il doppio CD, sarà occasionale fino al numero 147, quando diventerà pratica comune fino al numero 255. Dal numero 175 (novembre 2003) la versione CD-ROM è stata affiancata ad una versione DVD, fino al numero 204 (gennaio 2006) quando i CD vengono abbandonati dopo 229 uscite.

Il DVD non è stato allegato per alcuni mesi (da febbraio ad aprile 2009) durante i quali è stato sperimentato un servizio online, che permetteva agli utenti della rivista di usufruire del download di vari tipi di file, ma è stato di nuovo allegato a partire dal numero 247 al numero 271. Dal numero 272 la rivista esce solo in versione senza DVD allegati

Pesci d'aprile[modifica | modifica wikitesto]

The Games Machine, così come altre riviste del settore, segue la tradizione di inventarsi una falsa notizia legata al mondo dei videogiochi in ogni numero di aprile. Segue un elenco di alcuni di questi:[1]

  • 1989 – Street Fighter US Version (una versione migliore della conversione di Street Fighter per Amiga).
  • 1990 – Nessun pesce d'aprile.
  • 1991 – Cavalieri dello Zodiaco (videogioco del famoso anime in versione Sega Megadrive).
  • 1992 – Madonna (videogioco a sfondo sessuale con protagonista la cantante Madonna).
  • 1993 – Monkey Island 3 (secondo seguito del famoso gioco LucasArts, sarebbe dovuto essere ambientato nello spazio, secondo l'immagine burla pubblicata, riprendendo il tema di Guerre stellari. La sua tagline sarebbe dovuta essere "May the monkey be with you!". Il terzo episodio della serie uscì in realtà nel 1997, con una storia diversa).
  • 1994 – Fightin' Maniacs (imitazione di Mortal Kombat con personaggi interpretati dai redattori di The Games Machine).
  • 1995 – Monolith[2], (seguito di The Sentinel, gioco creato da Geoff Crammond per BBC Micro e convertito su molti altri computer. Il vero seguito Sentinel Returns uscì nel 1998).
  • 1996 – Ghosts 'n Goblins 96 (versione aggiornata del famoso arcade Capcom. Un seguito di Ghosts 'n Goblins, Ultimate Ghosts 'n Goblins, è poi effettivamente uscito per PlayStation Portable nel 2006).
  • 1997 – Una patch per Tomb Raider che rende nuda Lara Croft (poi effettivamente uscita col nome di Nude Raider).[3]
  • 1998 – La conversione di Gran Turismo per PC.
  • 1999 – Command & Conquer: Tiberian Sun 3D (un ibrido sparatutto/strategico ambientato nel mondo di Command & Conquer: Tiberian Sun) basato sull'engine di Redline (nel febbraio 2002 è uscito effettivamente uno sparatutto in prima persona basato sull'universo di Command and Conquer: si tratta di Command & Conquer: Renegade); Microsoft Dining Services (una raccolta di ricette pubblicata dalla Microsoft) e iMaccaroni (analoga raccolta pubblicata però dalla Apple). C'è stato anche un pesce d'aprile pubblicato sul numero di maggio per una dimenticanza dell'autore, secondo cui Tekken 4 sarebbe dovuto uscire, oltre che per Playstation 2, anche per Amiga.
  • 2000 – La notizia secondo cui il creatore di Lara Croft avrebbe copiato quel personaggio a un programmatore di giochi per C64 negli anni ottanta, con tanto di presunti screenshot provenienti in realtà dalla versione per Game Boy Color di Tomb Raider.
  • 2001 – il "progetto X" di Richard Garriott (un gioco di ruolo in stile Ultima IX: Ascension ma ambientato nel presente).
  • 2002 – Un concorso per premiare (con una targhetta sul forum) il primo che trova il pesce d'aprile, salvo poi scoprire che non c'era alcun pesce d'aprile.
  • 2003 – Un concorso per passare una giornata con i redattori della rivista.
  • 2004 – La notizia secondo cui il redattore Raffaele "Raffo" Sogni abbandona la rivista per andare a gestire un bar.
  • 2005 – Una versione portatile del X-Box.
  • 2006 – Il gioco tratto dal film Kill Bill.
  • 2007 - Grand Theft Auto: World Online (un MMORPG ambientato nelle città di Grand Theft Auto). È stato effettivamente realizzato da Rockstar in concomitanza con l'uscita di GTA V, nel 2013. Il nome è Grand Theft Auto Online.
  • 2008 - Il controller per Guitar Hero modellato a immagine della chitarra Gibson Les Paul Supreme.
  • 2009 - La notizia della chiusura per 4 giorni dei server di World of Warcraft.
  • 2010 - La presenza di una modalità in 3D stereoscopico nell'edizione speciale di Monkey Island 2: LeChuck's Revenge.

Uscite[modifica | modifica wikitesto]

  gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic natale
1988 - - - - - - - - 1 2 3 4 -
1989 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 -
1990 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 -
1991 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 -
1992 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 -
1993 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 -
1994 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 -
1995 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 -
1996 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 -
1997 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 -
1998 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 -
1999 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 -
2000 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138
2001 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151
2002 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164
2003 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177
2004 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190
2005 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203
2006 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216
2007 217[4] 218 219 220[4] 221 222[4] 223[4] 224[4] 225[4] 226[4] 227[4] 228 229
2008 230 231 232[4] 233[4] 234 235[4] 236[4] 237[4] 238 239[4] 240[4] 241[4] 242[4]
2009 243[4] 244 245[4] 246[4] 247[4] 248[4] 249 250 251[4] 252 253[4] 254 255[4]
2010 256[4] 257[4] 258[4] 259 260[4] 261[4] 262[4] 263 264[4] 265[4] 266[4] 267[4] -
2011 268[4] 269 270[4] 271[4] 272 273 274 275 276 277 278 279 -
2012 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 -
2013 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 -
2014 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313

Uscite fuori serie[modifica | modifica wikitesto]

  • dicembre 1994: speciale natale 1994
  • agosto 1998: speciale estate 1998
  • agosto 1999: speciale estate 1999
  • ottobre 2005: speciale World of Warcraft
  • ottobre 2006: speciale calcio & videogiochi
  • maggio 2007: speciale sesso & videogiochi
  • luglio 2007: speciale giochi di guida
  • novembre 2007: speciale retrogaming
  • febbraio 2008: speciale avventure grafiche
  • maggio 2008: speciale videogiochi horror
  • novembre 2008: speciale gli eroi dei videogiochi
  • febbraio 2009: speciale un anno di TGM
  • aprile 2009: speciale avventure grafiche 2
  • novembre 2009: speciale giochi di ruolo
  • settembre 2010: speciale sparatutto in soggettiva

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ discussione sul forum di TGM con tutti i pesci d'aprile
  2. ^ Monolith
  3. ^ 'Nude Raiders' face legal action
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al Uscito in edicola con due diverse copertine, una per la versione con DVD allegato e una per quella senza senza allegati.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]