Rosala d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rosala d'Italia

Rosala d'Italia, nota anche come Rosala di Ivrea o Susanna d'Italia (952Gand, 7 febbraio 1003), moglie in prime nozze di Arnolfo II, conte di Fiandra e in seconde nozze di Roberto il Pio, re di Francia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rosala era figlia del re d'Italia Berengario II[1] e di Willa III d'Arles, figlia a sua volta del marchese di Toscana Bosone[2]. Attorno al 978 Rosala sposò Arnolfo II, conte di Fiandra (961 - 987), dal quale ebbe due figli:

Alla morte di Arnolfo II (987) Baldovino aveva appena 7 anni; la tutela venne assunta dalla madre. L'anno successivo Rosala sposò Roberto II, figlio del re di Francia Ugo Capeto e associato al trono francese dal padre. Il matrimonio era stato voluto da Ugo Capeto nonostante la grande differenza di età fra i due sposi: Rosala, la quale nell'ascesa al trono francese aveva cambiato il proprio nome in Susanne, aveva venti anni più del marito, ma portava in dote Montreuil, il Ponthieu e la possibile tutela sulle Fiandre. Nel 991 o nel 992 Roberto ripudiò tuttavia Rosala, la quale ritornò nelle Fiandre con il figlio Baldovino. Morì anni dopo a Gand e fu seppellita nell'abbazia di Saint-Pierre-au-Mont-Blandin a Gand.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P. Delogu, «BERENGARIO II, marchese d'Ivrea, re d'Italia». In: Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. IX, Roma : Istituto della Enciclopedia italiana, 1967
  2. ^ H. Keller, «BOSONE di Toscana». In: Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. XIII, Roma : Istituto della Enciclopedia italiana, 1971

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]