Rex (storia romana)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Rex (che tradotto dal latino significa re) era il supremo magistrato che governava Roma.

Secondo la tradizione la figura del Rex , legata alla fondazione di Roma, sarebbe stata presente a Roma dal 753 a.C., anno di fondazione della città ad opera di Romolo (primo re di Roma), al 509 a.C., anno della cacciata dell'ultimo re Tarquinio il Superbo dalla città. Questo periodo è indicato come l'età regia di Roma.

I re di Roma[modifica | modifica sorgente]

Anche se si ricordano i Sette Re di Roma, le stesse fonti romane, tramandano i nomi di otto re che si succedettero a Roma durante l'epoca regia. Infatti Romolo, il fondatore di Roma, per alcuni anni regnò con il collega sabino Tito Tazio (diarchia).

Immagine Nome Data di nascita e di morte Inizio del regno Fine del regno Etnia
Jean Auguste Dominique Ingres 020.jpg Romolo
ROMVLVS
771 a.C. – 716 a.C. 753 a.C. 716 a.C. Latina
Guercino - Hersilia Separating Romulus and Tatius - WGA10944.jpg Tito Tazio
TITVS TATIVS
? – circa 745 a.C. circa 750 a.C. circa 745 a.C. Sabina
Numa pompilius.jpg Numa Pompilio
NVMA POMPILIVS
754 a.C. – 673 a.C. 715 a.C. 673 a.C. Sabina
Tulius-Hostilius.jpg Tullo Ostilio
TVLLVS HOSTILIVS
? – 641 a.C. 672 a.C. 641 a.C. Latina
Ancus-Martius.jpg Anco Marzio
ANCVS MARCIVS
? – 616 a.C. 641 a.C. 616 a.C. Sabina
Tarquinius-Priscus.jpg Lucio Tarquinio Prisco
LVCIVS TARQVINIVS PRISCVS
? – 579 a.C. 616 a.C. 579 a.C. Etrusca
Servius by Rouille.jpg Servio Tullio
SERVIVS TVLLIVS
? – 539 a.C. 578 a.C. 539 a.C. Etrusca
Tarquinius-Superbus.jpg Lucio Tarquinio il Superbo
LVCIVS TARQVINIVS SVPERBVS
? – 495 a.C. 535 a.C. 509 a.C. Etrusca

Elezione[modifica | modifica sorgente]

Alla morte del re, Roma entrava in un periodo di interregno. Il potere supremo dello Stato era devoluto al Senato, che aveva il compito di indicare un nuovo re. Il Senato si riuniva e nominava, per un periodo di cinque giorni, uno dei suoi membri come interrex, con l'unico scopo di indicare il prossimo re di Roma. Scaduto inutilmente il termine di cinque giorni, l'interrex , con il consenso del Senato, provvedeva a nominare un altro senatore come nuovo interrex, per un altro mandato di cinque giorni. Quando l'interrex trovava un candidato adatto, lo candidava al Senato per ottenere la ratifica della nomina. In caso di ratifica, l'interrex convocava i Comizi curiati, che presiedeva per la procedura di elezione del re.

L'Assemblea dei Comiti Curiata, poteva solo accettare o rifiutare il candidato - re . Se accettato, il re eletto non poteva entrare subito nel suo ufficio. Occorrevano ancora due altri atti perché fosse pienamente investito dell'autorità regale. Innanzitutto era necessario interrogare la volontà divina degli dèi, mediante gli auspici, dal momento che il re avrebbe dovuto servire come sommo sacerdote di Roma. Un augure eseguiva la cerimonia. Il secondo atto che doveva essere eseguito era il conferimento dell'Imperium al re, che avveniva attraverso l'approvazione della lex curiata de imperio, votata sempre dai Comizi curiati.

Come si evince dalla procedura descritta, se in teoria era il popolo, tramite i Comizi curiati, ad eleggere il proprio re, di fatto era il Senato a controllare il processo di elezione del re.

Poteri[modifica | modifica sorgente]

  • Capo dello Stato, detentore del massimo potere esecutivo.
  • Capo dell'esercito: prendeva tutte le decisioni in campo militare.[1]
  • Supremo sacerdote: il suo compito principale era garantire la così detta pax deorum tra gli uomini e gli dei.[2]
  • Rappresentante della città nei rapporti con i popoli vicini: non solo era rappresentante della città nelle relazioni con i popoli vicini ma spesso emanava i patti stipulati con questi; foedera.
  • Legislatore: aveva potere di emanare precetti validi per l'intera comunità le leges regiae
  • Giudice supremo: aveva potere decisionale in controversie che però riguardavano solo specifici ambiti.[2] A tal proposito interveniva attivamente per dare pene solo per delitti di tradimento, militari, perduellio (sovversione interna), omicidi con attivo concorso di stretti parenti (i figli per esempio) dell'ucciso. Era anche giudice in alcune legis actio:legis actio sacramentum in rem (non si sa se anche quelli in personam) e la manus iniectio.

Nello svolgimento delle sue attività era assistito dai sacerdoti e i pontefici (soprattutto per questioni sacre-religiose) e in alcuni frangenti dai Comizi curiati. Secondo alcune fonti il re concedeva a quest'ultima potere decisionale nei processi qualora fosse indeciso sulla risoluzione del caso previa autorizzazione del Senato.

Il rex, anche se limitato da tutti questi atti, il che ci pone di fronte ad una monarchia tutt'altro che assoluta, rivestiva il ruolo più importante per la comunità coadiuvato dagli ausiliari del rex:

Evoluzione della figura del rex[modifica | modifica sorgente]

Nel corso del periodo monarchico la figura del Rex assunse diverse sfumature a seconda del reggente. Nello specifico si possono delineare essenzialmente due periodi:

  • la monarchia latino-sabina, rappresentata dai primi quattro re ossequiosa delle attribuzioni del Senato e delle assemblee popolari.

In questo periodo vengono creati molti sacerdozi e forti alleanze internazionali con i popoli vicini. Si delinea nella prima parte di questa "fase" una figura monarchica subordinata da altri poteri radicati nella città: familiae, gentes e soprattutto collegio sacerdotale, detentore dei mores desunti dalla rivelazione (almeno inizialmente gli Auspici del rex rivestono un ruolo secondario). Da notare comunque che già in questo periodo la figura rex comincia ad acquisire importanza soprattutto nell'ambito pubblico ed internazionale

  • la monarchia etrusca, rappresentata dalla dinastia dei Tarquinii, fautrice della svolta assolutistica.

Superando la precedente concezione che considerava il rex come primus inter pares (almeno rispetto ai patrizi), i Tarquinii, influenzati dalla loro discendenza etrusca, incrementarono sempre più l'accentramento dei poteri. Questo processo di centralizzazione portò comunque in questo periodo anche notevoli benefici al diritto romano (ad esempi il censo istituito da Servio Tullio) anche se, come è noto, avrà come ultima conseguenza l'assolutismo di Tarquinio il Superbo e l'abbandono della forma monarchica.

In età repubblicana la figura del "rex", in particolare per quanto riguarda i compiti religiosi, passerà alla figura del rex sacrorum perdendo ogni valenza politica.

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Riccardo Orestano, I fatti di normazione nell'esperienza romana arcaica, Torino, 1967, pp. 280 p, ISBN.
  • Giuseppe Valditara, Studi sul magister populi : dagli ausiliari militari del rex ai primi magistrati repubblicani, II, Milano, Giuffrè, 1989, XII, 435 p, ISBN.
  • Mario Amelotti, Lineamenti di storia del diritto romano, Giuffrè, 1989, pp. VIII - 762, ISBN 88-14-01823-5.
  • Il mondo nuovo: la costituzione romana nella Storia di Roma arcaica di Dionigi d'Alicarnasso / Lorenzo Fascione. - Napoli: Jovene.2 volumi: 1º volume pagg 222, 1988; 2º volume pagg 197, 1993;

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]