Giuseppe Valditara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Giuseppe Valditara
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Luogo nascita Milano, Italia Italia
Data nascita 12 gennaio 1961 (53 anni)
Professione Docente universitario
Partito AN - PdL - Futuro e Libertà per l'Italia
Legislatura XIV, XV, XVI
Gruppo Futuro e Libertà per l'Italia
Coalizione Casa delle Libertà (2001)
Circoscrizione Lombardia
Incarichi parlamentari
  • Segretario della 7ª Commissione permanente (Istruzione pubblica, beni culturali)
  • Membro del Gruppo di collaborazione Senato-UNESCO
Pagina istituzionale

Giuseppe Valditara (Milano, 12 gennaio 1961) è un politico e giurista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È professore ordinario di istituzioni di diritto romano nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Torino e coordinatore del corso di laurea in Giurisprudenza dell'Università Europea di Roma, dove insegna anche Diritto Pubblico Romano. Nel 1992 ha vinto, con il libro Studi sul magister populi. Dagli ausiliari militari del rex ai primi magistrati repubblicani (Milano, Giuffrè, 1989), il Premio internazionale per la storia delle istituzioni politiche e giuridiche messo in palio dal Presidente della Corte Costituzionale.

Eletto nel 2001 al Senato della Repubblica per la Casa della Libertà in Lombardia, aderendo al gruppo di Alleanza Nazionale. Rieletto nel 2006 in AN. Diviene responsabile per Scuola e Università di AN.

Nel novembre 2007 propone un emendamento alla legge finanziaria per l'aumento delle borse di studio degli studenti di dottorato delle università pubbliche italiane da 800 euro a 1.100 euro circa. Nonostante il parere contrario del Governo Prodi II, l'emendamento viene approvato.[1]

Rieletto al Senato nel 2008 nel PDL. Nel luglio 2009 fonda a Milano con la deputata Cristiana Muscardini, il Sen. Mario Baldassarri e Fabio Mastroberardino l'associazione politico-culturale Riforme e Libertà, associazione di parlamentari italiani vicini a Gianfranco Fini. Con essa tiene cicli di studio sulla storia e cultura milanese, convegni e dibatti politici. Alla nascita di Generazione Italia nell'aprile 2010 ne viene nominato coordinatore regionale lombardo con Cristiana Muscardini, Benedetto Della Vedova e Giampaolo Landi di Chiavenna.

Nel 2010 si distingue particolarmente nella stesura della Riforma Gelmini per l'università pubblica italiana.

Il 4 agosto 2010, a seguito della cacciata del Presidente della Camera dei Deputati Gianfranco Fini dal Popolo delle Libertà aderisce al gruppo di Futuro e Libertà per l'Italia, di cui ora è coordinatore regionale della Lombardia e Vice Capogruppo al Senato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MolecularLab.it - FINALMENTE: aumento borse dottorandi!

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]