Manus iniectio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La manus iniectio ("imposizione della mano") è un istituto giuridico del diritto romano risalente al periodo più arcaico ma presente anche nei periodi successivi. Esso rappresenta uno dei cinque modi di agire previsti dall'antico schema procedurale delle legis actiones.

La manus iniectio in particolare aveva come più comune presupposto una condanna al pagamento di una somma di denaro. Nell'ambito di tale procedura il creditore giungeva ad afferrare il debitore, e lo trascinava davanti al pretore, e ripetendo il gesto pronunciava la solenne dichiarazione della manus iniectio.

Esperita tale dichiarazione, il debitore (ora chiamato addictus), era completamente alla mercé del creditore. Questi poteva trattenerlo incatenato presso la propria dimora, venderlo come schiavo, o addirittura ucciderlo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]