Ray Walston

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ray Walston nella serie televisiva Il mio amico marziano (1963)

Herman Walston (New Orleans, 2 novembre 1914Beverly Hills, 1º gennaio 2001) è stato un attore teatrale, televisivo e cinematografico statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Le origini[modifica | modifica sorgente]

L'attore nacque a New Orleans, Louisiana, risultando all'anagrafe come Herman Walston (alcune fonti indicherebbero che egli sia nato a Laurel, nel Mississippi). La sua era una famiglia di operai, la madre si chiamava Mittie (nata Kimball) e il padre Harry Norman Walston era un falegname. Iniziò a recitare sin da giovane, lavorando in diversi teatri di New Orleans. Aveva generalmente piccoli ruoli all'interno delle compagnie teatrali di cui faceva parte, quando non partecipva solo a differenti show, ma si occupava della vendita dei biglietti e della manutenzione nelle sale cinematografiche. La sua famiglia si trasferì a Houston, Texas, dove fece parte della compagnia dello Houston Civic Theater gestita Margo Jones, debuttando nel 1938.

Carriera teatrale[modifica | modifica sorgente]

Divenuto molto popolare grazie alla compagnia di Margo Jones, Walston si spostò a Cleveland, nell'Ohio, dove trascorse tre anni con la Cleveland Playhouse. Si trasferì poi a New York City, dove fece il suo debutto a Broadway in una produzione del 1945 dell'Amleto. Nel 1949 apparve nella rappresentazione di Mrs. Gibbons' Boys diretta da George Abbott, che successivamente lo scelse per interpretare la parte di Satana in Damn Yankees!, con Gwen Verdon nel ruolo di Lola. L'affiatamento artistico che si stabilì tra i due attori fece guadagnare loro molta fama come coppia e diversi premi per i loro ruoli. Dopo aver trascorso una decade a New York, Walston vinse un Tony Award, e assieme alla Verdon, fu invitato a recitare nuovamente la sua parte nella trasposizione cinematografica di Damn Yankees! (1958).

Altri lavori includono The Front Page, Estate e fumo, Riccardo III, Wish You Were Here, e House of Flowers. Walston ebbe un ruolo importante nel musical Me and Juliet di Rodgers e Hammerstein, interpretando il manager del musical.

Carriera televisiva e cinematografica[modifica | modifica sorgente]

Walston ebbe una carriera cinematografica costellata di successi dopo la sua partecipazione a Damn Yankees!, iniziando con Baciala per me (1957), proseguendo con South Pacific (1958), dove interpretò Luther Billis, Dinne una per me (1959), In punta di piedi (1960) e L'appartamento (1960), Tre passi dalla sedia elettrica (1962), Tra moglie e marito (1963), e Dove vai sono guai (1963), Baciami, stupido (1964), Caprice, la cenere che scotta (1967), e La ballata della città senza nome (1969). Walston comparve anche ne La stangata (1973), film vincitore nel 1974 dell'Oscar al miglior film. Come altri celebri colleghi, fece un'apparizione cameo nel ruolo di se stesso nel film I protagonisti (1992) di Robert Altman.

Fu una guest star in numerosi programmi televisivi, incluso un ruolo tra il 1960 e il 1961 come giudice nella serie Outlaws, con Barton MacLane, prodotta dalla NBC. Recitò anche la parte dello zio Martin in Il mio amico marziano, serie televisiva prodotta dal 1963 al 1966, al fianco di Bill Bixby.

Dopo Martian[modifica | modifica sorgente]

Dopo il suo lavoro in Il mio amico marziano, nonostante un periodo di difficoltà, ritornò a recitare tra gli anni settanta e ottanta in diverse serie televisive come Custer, Selvaggio West, Love, American Style, A tutte le auto della polizia, Missione impossibile, Ellery Queen, L'uomo da sei milioni di dollari, La casa nella prateria, e L'incredibile Hulk. Recitò anche in diversi film di successo come Wagons lits con omicidi (1976), Il pianeta del terrore (1981), e Fuori di testa (1982).

Anni successivi[modifica | modifica sorgente]

L'attore continuò a lavorare nell'ambito televisivo, assumendo il ruolo del giudice Henry Bone nelle serie La famiglia Brock, Star Trek: Voyager, Star Trek: The Next Generation nel ruolo di Boothby. Recitò in altri film famosi come Storie incredibili (1985) di Steven Spielberg, Uomini e topi (1992) e La famiglia Addams si riunisce (1998).

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 70371437 LCCN: n85199205