Obizzo III d'Este

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Obizzo III d'Este (12941352) è stato marchese di Ferrara dal 1326 alla sua morte.

Stemma della famiglia d'Este

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Aldobrandino II, fratello di Azzo VIII, e di Alda Rangoni. Aveva un sorella: Elisa, morta a Ferrara nel 1329, già moglie di Passerino Bonacolsi, ultimo Signore di Mantova della sua casata, spodestato e ucciso coi propri figli dai Gonzaga l'anno prima.

Il Vicariato di Ferrara fu concesso il 31 maggio 1329 dal Papa Giovanni XXII ai tre fratelli Estensi, escludendo il cugino Bertoldo. Il pontefice firmò l'atto di procura ad Avignone, diretto al Cardinale Bertrando, per la stipulazione dell'investitura per un decennio per un canone annuo di 10mila fiorini d'oro. L'investitura fu formalizzata due anni dopo assieme ad altre Bolle favorevoli agli Estensi, con le quali si concedeva loro la nomina dei Canonici in tutte le collegiate di Ferrara, la sanatoria di tutti i contratti stipulatisi in Ferrara e distretto al tempo della scomunica, l'annullamento di tutti i processi celebrati contro gli estensi da Ludovico il Bavaro.

Ottenuto quindi il governo di Ferrara con i fratelli Rinaldo (m. 1335) e Nicolò (m. 1344) e a Folco II, nipote di Azzo VIII, divenne alla fine l'unico signore di Ferrara.

A seguito di successive conquiste, riuscì ad allargare il patrimonio familiare con la conquista di Modena (1336) e Parma (1344-46).

Nel 1339 appoggiò Azzone Visconti contro il tentativo di Lodrisio Visconti di usurpare la Signoria di Milano, una truppa di militari da aggregare alle milizie ambrosiane, che uscirono vittoriose nella Battaglia di Parabiago del 21 febbraio 1339.

Alla sua morte gli succedette il figlio Aldobrandino III.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Obizzo sposò nel 1317 Jacopa Pepoli (?-1341), senza figli. Alla morte di questa si unì alla sua amante Lippa Ariosto, e sposata forse prima della morte di Obizzo al fine di legittimare i numerosi figli:[1]

Ebbe anche due figli naturali:

  • Rinaldo (?-1347)
  • Giovanni (?-1389)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. D'Este, Torino, 1835.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. D'Este, Torino, 1835, ISBN non esistente.
  • Luciano Chiappini, Gli Estensi, Varese, 1988. ISBN non esistente

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Marchese di Ferrara Successore
Aldobrandino II 1326-1352 Aldobrandino III
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie