Moonrise Kingdom - Una fuga d'amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moonrise Kingdom - Una fuga d'amore
Moonrise Kingdom.JPG
Una scena del film
Titolo originale Moonrise Kingdom
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2012
Durata 94 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85 : 1
Genere commedia, drammatico, romantico
Regia Wes Anderson
Soggetto Wes Anderson
Sceneggiatura Wes Anderson, Roman Coppola
Produttore Steven M. Rales, Scott Rudin, Wes Anderson, Jeremy Dawson
Casa di produzione American Empirical Pictures, Indian Paintbrush, Scott Rudin Productions
Distribuzione (Italia) Lucky Red
Fotografia Robert Yeoman
Montaggio Andrew Weisblum
Musiche Alexandre Desplat
Scenografia Adam Stockhausen
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Moonrise Kingdom - Una fuga d'amore (Moonrise Kingdom) è un film commedia statunitense del 2012 diretto da Wes Anderson.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia è ambientata nel 1965 nella pittoresca New Penzance, un'isola fittizia del New England.

I protagonisti sono Sam Shakusky, un orfano dodicenne che fa parte dei Khaki scout nel Campo Ivanhoe, guidato dall'esploratore veterano Randy Ward, e la giovane Suzy Bishop, che vive con la sua monotona famiglia composta da tre fratellini e la madre Laura e il padre Walt. Sam e Suzy si erano incontrati l'estate precedente durante una recita dell'Arca di Noè di Benjamin Britten, e, successivamente, hanno cominciato a tenersi in contatto con le lettere, finendo così per innamorarsi e decidendo poi di incontrarsi l'estate successiva per fuggire di nascosto insieme lungo l'antico sentiero dei Cich-chaw, una tribù indiana.

Sam evade dal campo scout rubando delle attrezzature e provviste e raggiunge da solo Suzy, che fugge di casa portando con sé il suo gatto, i suoi sei libri preferiti e un giradischi a pile. La scomparsa dei due giovani scombussola l'intera contea dell'isola e i Signori Bishop partono alla disperata ricerca della loro figlia con l'aiuto del Capitano della polizia Sharp, mentre il Caposcout Ward manda gli altri scout sulle tracce di Sam. Alcuni scout raggiungono la coppia di ribelli, che però si difendono e li mandano in ritirata dopo un breve ma violento scontro. Sam e Suzy passano poi diversi giorni esplorando e campeggiando nei luoghi sperduti dlel'isola con l'obiettivo di raggiungere una baia appartata sull'isola, chiamata Moonrise Kingdom. Lì si sistemano in tenda, ballano sulla spiaggia in mutande e si baciano per poi dormire insieme.

Il mattino dopo però i due vengono raggiunti dal Caposcout Ward, dal Capitano Sharp e dagli esterrefatti genitori di Suzy. Laura e Walt riportano Suzy a casa e le proibiscono di incontrarsi con Sam, mentre questo viene momentaneamente tenuto dal Capitano Sharp finché una rappresentante dei servizi sociali non verrà a ritirarlo per portarlo in un rifugio giovanile siccome i suoi genitori adottivi non lo vogliono più. I compagni scout di Sam, credendo che sia il loro dovere aiutarlo, decidono di creare una nuova fuga per i due giovani amanti, che si recano a sposarsi con l'aiuto del Cugino Ben, un Caposcout di un secondo e più grande campeggio Khaki controllato dall'anziano Comandante Pierce. Anche stavolta però la coppia viene raggiunta da Sharp, Ward e dai coniugi Bishop. Furioso, il comandante Pierce degrada Ward e manda gli scout all'inseguimento di Sam e Suzy. Proprio allora si scatena il ciclone che era stato previsto da alcuni giorni e durante la tempesta Pierce viene eroicamente salvato da Ward dall'inondazione, mentre Sam viene colpito da un fulmine nell'inseguimento.

Sam e Suzy arrivano alla chiesa dove si erano incontrati per la prima volta e dove si sta svolgendo una nuova recita. In quello stesso momento arriva anche la rappresentante del servizi sociali per portare via Sam, che però pone resistenza agli adulti e insieme a Suzy si arrampica pericolosamente al campanile pur di sfuggirgli. La tempesta si scatena sull'edificio, ma per fortuna Sam e Suzy vengono salvati da Sharp all'ultimo istante.

Nel finale, il Capitano Sharp decide di diventare il tutore legale di Sam, così che il giovane eviti il rifugio giovanile e mantenga il contatto con la sua Suzy.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Con Moonrise Kingdom il regista Wes Anderson torna a scrivere la sceneggiatura del film in coppia con Roman Coppola, come avvenne sei anni prima con Il treno per il Darjeeling. Per il film Anderson torna anche a collaborare per la sesta volta con il suo attore feticcio Bill Murray[1], oltre ad avvalersi della partecipazione di attori come Edward Norton, Frances McDormand, Harvey Keitel e Bruce Willis, mentre per il ruolo dei due giovani protagonisti ha scelto gli esordienti Jared Gilman e Kara Hayward. Gli scenari della fittizia New Penzeance sono in realtà quelli delle Rhode Island negli Stati Uniti, dove sono state girate sia le scene in interni che in esterni del film.[2] Per la preparazione del ruolo il regista Wes Anderson ha fatto guardare alla protagonista Kara Hayward il film Melody del 1971.[3]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il cast del film al Festival di Cannes 2012.

È stato presentato il 16 maggio 2012 al Festival di Cannes come film d'apertura della 65ª edizione,[4] mentre il 25 maggio è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi dalla Focus Features.

In Italia è distribuito il 5 dicembre 2012 dalla Lucky Red.

Date di uscita[modifica | modifica sorgente]

Le date di uscita sono le seguenti:[5]

Divieti[modifica | modifica sorgente]

Alcuni elementi del film hanno portato a divieti nei paesi in cui esso è stato distribuito:

  • Brasile - Vietato ai minori di 12 anni;
  • Canada: Alberta, Columbia britannica, Manitoba, Ontario - sconsigliata la visione ai minori di 10 anni non accompagnati da un adulto o da un genitore;
  • Danimarca - Vietato ai minori di 7 anni;
  • Giappone - Vietato ai minori di 12 anni, non accompagnati dai genitori;
  • Irlanda - Vietato ai minori di 12 anni non accompagnati;
  • Portogallo - Vietato ai minori di 12 anni non accompagnati;
  • Regno Unito - Vietato ai minori di 12 anni non accompagnati;
  • Singapore - Vietato ai minori di 13 anni, non accompagnati dai genitori;
  • Stati Uniti - Vietato ai minori di 13 anni, non accompagnati dai genitori;
  • Svezia - Vietato ai minori di 11 anni;
  • Svizzera Cantoni Ginevra e Vaud - Vietato ai minori di 10 anni.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Moonrise Kingdom
Artista AA.VV.
Tipo album Colonna sonora
Pubblicazione 22 maggio 2012
Durata 64 min: 32 s
Tracce 21
Genere Country
Musica classica
Musica corale
Etichetta ABKCO Records / Universal
Note [6]

La colonna sonora è composta da Alexandre Desplat. Il repertorio include composizioni di Benjamin Britten, noto per le sue opere per voci bianche. Da notare la presenza di Françoise Hardy quando Suzy sta ascoltando la sua canzone preferita, Le Temps de l'Amour.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. New York PhilharmonicThemes A-F (The Young Person's Guide to the Orchestra, Op. 34) – 3:23 (Benjamin Britten)Leonard Bernstein (dir.)
  2. Peter Jarvis and His Drum Corps – Camp Ivanhoe Cadence Medley – 1:37 (Mark Mothersbaugh)
  3. English Chamber OrchestraPlayful Pizzicato (Simple Symphony, Op.4) – 3:03 (Benjamin Britten)
  4. Hank WilliamsKaw-Liga – 2:35 (Fred Rose / Hank Williams)
  5. Trevor Anthony – Noye, Noye, Take Thou Thy Company (Noye's Fludde, Op.59) – 6:09 (Benjamin Britten)
  6. The Heroic Weather-Conditions of the Universe, Part 1: A Veiled Mist – 3:16 (Alexandre Desplat)
  7. The Heroic Weather-Conditions of the Universe, Part 2: Smoke/Fire – 2:53 (Alexandre Desplat)
  8. The Heroic Weather-Conditions of the Universe, Part 3: The Salt Air – 2:00 (Alexandre Desplat)
  9. Choir of Downside School, Purley – A Midsummer Night's Dream / Act 2 - On the ground, sleep sound – 3:04 (Benjamin Britten)
  10. Hank WilliamsLong Gone Lonesome Blues – 2:38 (Hank Williams)
  11. Volière (Il carnevale degli animali) – 1:19 (Camille Saint-Saëns)Leonard Bernstein (dir.)
  12. Françoise HardyLe Temps de l'Amour – 2:24 (Jacques Dutronc / Lucien Morisse / André Salvet)
  13. Alexandra Rubner (canto)An Die Musik, D 547 – 2:28 (Franz Schubert)
  14. Hank WilliamsRamblin' Man – 3:04 (Hank Williams)
  15. Choir of Downside School, Purley – Old Abram Brown (Songs from Friday Afternoons, Op. 7) – 3:29 (Benjamin Britten)
  16. The Heroic Weather-Conditions of the Universe Parts 4-6: Thunder, Lightning, and Rain – 5:01 (Alexandre Desplat)
  17. David Pinto – The Spacious Firmament on High (Noye's Fludde, Op.59) – 5:18 (Benjamin Britten)
  18. Trevor Anthony – Noye, Take Thy Wife Anone (Noye's Fludde, Op.59) – 2:12 (Benjamin Britten)
  19. Fugue: Allegro motto (The Young Person's Guide to the Orchestra, Op. 34) – 3:06 (Benjamin Britten)Leonard Bernstein (dir.)
  20. Choir of Downside School, Purley – Cuckoo! (Songs from Friday Afternoons, Op. 7) – 1:38 (Benjamin Britten)
  21. The Heroic Weather-Conditions of the Universe, Part 7: After The Storm – 3:55 (Alexandre Desplat)

Durata totale: 64:32

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Moonrise Kingdom ha ricevuto recensioni generalmente positive da parte dei critici cinematografici. Rotten Tomatoes riporta che il 94% di 2223 critici hanno dato al film una recensione positiva, con un voto medio di 8,2 su 10.[7] Su Metacritic il film ha un punteggio ponderato di 84 su 100 sulla base di 43 recensioni[8].

Il film si è rivelato anche un successo commerciale: infatti a fronte di un budget di circa 16 milioni di dollari ne ha incassati oltre 68 milioni in tutto il mondo di cui 1.580.000 in Italia.[9]

Promozione[modifica | modifica sorgente]

A giugno 2012 è stato diffuso online il cortometraggio animato che accompagna l'uscita del film, nel quale il regista ha dato vita agli spezzoni dei libri che Suzy legge nel lungometraggio.[10] Il 21 novembre 2012 è stata invece pubblicata sul web la prima clip in italiano del film.[11]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Moonrise Kingdom è il primo film di Wes Anderson a venire presentato al Festival di Cannes, di cui ha aperto la 65esima edizione. Thierry Fremaux, delegato generale del festival, ha giustificato questa scelta spiegando che "Wes Anderson è una delle forze nascenti del cinema americano, un regista dal forte tocco personale, soprattutto in Moonrise Kingdom che dimostra ancora una volta la sua libertà creativa in continua evoluzione. Sensibile e indipendente, questo ammiratore di Fellini e Renoir è anche un regista brillante e geniale."[12]

Premio Data della cerimonia Categoria Premiati e candidati Esito
Premio Oscar 24 febbraio 2013 Miglior sceneggiatura originale Wes Anderson, Roman Coppola Nomination
World Soundtrack Awards[13] 20 ottobre 2012 Soundtrack Composer of the Year Alexandre Desplat Nomination
Festival di Cannes[14] 27 maggio 2012 Palma d'oro Wes Anderson Nomination
Gotham Awards[15] 26 novembre 2012 Miglior performance d'insieme cast di Moonrise Kingdom Nomination
Miglior film Moonrise Kingdom Vinto
Boston Online Film Critics Association 8 dicembre 2012 Miglior fotografia Robert Yeoman Nomination
Miglior cast Vinto
Washington D. C. Area Film Critics Association 10 dicembre 2012 Migliore recitazione d'insieme Nomination
Migliore sceneggiatura originale Wes Anderson, Roman Coppola Nomination
Migliore dipartimento artistico Nomination
Miglior colonna sonora Alexandre Desplat Nomination
Miglior attore minorenne Jared Gilman Nomination
Kara Hayward Nomination
Satellite Awards[16] 16 dicembre 2012 Miglior fotografia Robert Yeoman Nomination
Miglior sceneggiatura originale Wes Anderson, Roman Coppola Nomination
San Diego Film Critics Society[17] 11 dicembre 2012 Miglior sceneggiatura originale Wes Anderson, Roman Coppola Nomination
Migliore scenografia Adam Stockhausen Nomination
Migliore colonna sonora Alexandre Desplat Nomination
Golden Globe[18] 13 gennaio 2013 Miglior film commedia o musicale Moonrise Kingdom Nomination
Independent Spirit Awards[19] 23 febbraio 2013 Miglior fotografia Robert Yeoman Nomination
Miglior regista Wes Anderson Nomination
Miglior film Moonrise Kingdom Nomination
Miglior sceneggiatura Wes Anderson, Roman Coppola Nomination
Miglior attore non protagonista Bruce Willis Nomination

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cannes 2012: 'Moonrise Kingdom', quotidiano.net. URL consultato il 23 marzo 2014.
  2. ^ (EN) Moonrise Kingdom film locations, movie-locations.com. URL consultato il 23 marzo 2014.
  3. ^ (EN) Kara Hayward and Jared Gilman's Official 'Moonrise Kingdom' Interview - Celebs.com, youtube.com. URL consultato il 23 marzo 2014.
  4. ^ (EN) Moonrise Kingdom by Wes Anderson is the opening film of the 65th Festival de Cannes, festival-cannes.fr, 9 marzo 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.
  5. ^ Moonrise Kingdom - Una fuga d'amore (2012) - Release Info, imdb.com. URL consultato il 23 marzo 2014.
  6. ^ (EN) Moonrise Kingdom's Original Soundtrack in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 23 marzo 2014.
  7. ^ Moonrise Kingdom, boxofficemojo.com. URL consultato il 23 marzo 2014.
  8. ^ Moonrise Kingdom on Metascore, metacritic.com, 25 maggio 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.
  9. ^ Moonrise Kingdom, boxofficemojo.com. URL consultato il 23 marzo 2014.
  10. ^ Arriva online il corto animato di Moonrise Kingdom, diretto da Wes Anderson, screenweek.it, 11 giugno 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.
  11. ^ Prima clip in italiano per "Moonrise Kingdom", il nuovo film di Wes Anderson, screenweek.it, 21 novembre 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.
  12. ^ (FR) Anecdotes, potins, actus, voire secrets inavouables autour de "Moonrise Kingdom" et de son tournage!, allocine.fr. URL consultato il 23 marzo 2014.
  13. ^ (EN) World Soundtrack Awards Announces 2012 Nominees, worldsoundtrackacademy.com, 22 agosto 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.
  14. ^ (EN) Wes Anderson's Moonrise Kingdom opens Cannes Film Festival, bbc.com, 17 maggio 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.
  15. ^ (EN) Peter Knegt, 'Moonrise Kingdom,' 'Beasts of the Southern Wild' Lead Gotham Award Winners, indiewire.com, 26 novembre 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.
  16. ^ (EN) Justin Harp, 'Les Misérables' earns ten Satellite Award nominations, digitalspy.co.uk, 4 dicembre 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.
  17. ^ (EN) San Diego Film Critics Nominate Top Films for 2012, sdfcs.org, 9 dicembre 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.
  18. ^ (EN) 2013 Golden Globe Awards, goldenglobes.com, 14 dicembre 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.
  19. ^ (EN) Justin Harp, 'Moonrise Kingdom', 'Silver Linings' among Independent Spirit nominees, digitalspy.co.uk, 27 novembre 2012. URL consultato il 23 marzo 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema