Manitoba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la farina, vedi Farina manitoba.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il lago, vedi Lago Manitoba.
Manitoba
provincia
Manitoba – Stemma Manitoba – Bandiera
(dettagli)
Localizzazione
Stato Canada Canada
Amministrazione
Capoluogo Winnipeg
Luogotenente Governatore Philip Lee dal 4 agosto 2009
Primo ministro Greg Selinger (NDP) dal 19 ottobre 2009
Lingue ufficiali Inglese[1]
Francese[2]
Data di istituzione 15 luglio 1870
Territorio
Coordinate
del capoluogo
49°54′N 97°08′W / 49.9°N 97.133333°W49.9; -97.133333 (Manitoba)Coordinate: 49°54′N 97°08′W / 49.9°N 97.133333°W49.9; -97.133333 (Manitoba)
Superficie 649 950 km²
Abitanti 1 213 815[3] (2009)
Densità 1,87 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale R (prefisso)
MB (codice)
Fuso orario UTC-6
ISO 3166-2 CA-MB
PIL (nominale) 50 834 mln C$[4] (2008)
Rappresentanza parlamentare Camera: 14
Senato: 6
Motto (LA) Gloriosus et liber
Cartografia

Manitoba – Localizzazione

Sito istituzionale
Simboli di Manitoba
Uccello Allocco di Lapponia
Albero Picea albertiana conica
Fiore Fiore di Pasqua

Manitoba è una provincia del Canada occidentale, nelle Praterie canadesi.

Il suo capoluogo è Winnipeg.

È confinante a nord con il Nunavut, a nord-est con la Baia di Hudson, a est con l'Ontario, a ovest con il Saskatchewan e a sud con gli stati americani del Nord Dakota e del Minnesota. La provincia del Manitoba è entrata a far parte della Confederazione canadese il 15 luglio 1870.

Il Manitoba ha una superficie di 647.797 km2. L'altitudine va dal livello del mare sulla Baia di Hudson, agli 832 m del monte Baldy. Gran parte del territorio del Manitoba è incluso nello Scudo canadese. Nel 2001 il Manitoba contava 1.150.000 abitanti, tra cui l'89% anglofona e il resto suddiviso tra francofoni e amerindi.

Conosciuta nel mondo per l'alta qualità delle farine prodotte che, avendo un "indice di forza" molto alto, risultavano particolarmente adatte alla panificazione. Il termine manitoba è ormai divenuto sinonimo di "farina forte" qualsiasi sia il luogo di produzione. L'uccello della provincia è il grande gufo grigio (Strix nebulosa), mentre il fiore è l'anemone pulsatilla.

Come scritto sotto lo stemma, il motto del Manitoba è Gloriosus et Liber.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Longitudinalmente il Manitoba è situata nella parte centrale del Canada, anche se viene considerato parte del Canada occidentale. Confina a ovest con il Saskatchewan, a est con l'Ontario, a nord con Nunavut, affacciandosi sulla Baia di Hudson, a sud con gli stati americani del Nord Dakota e Minnesota.

La provincia ha una lunga costa lungo la Baia di Hudson, e contiene il decimo lago d'acqua dolce più grande del mondo, il Lago Winnipeg, assieme ad altri due grandi bacini: il Lago Manitoba e il Lago Winnipegosis. I laghi del Manitoba coprono circa il 14,5% (94241 km²) della sua superficie provinciale. Il Lago Winnipeg è il lago più grande del Canada meridionale contenuto totalmente all'interno dei suoi confini. Sul lago si trovano molte isole disabitate. Ci sono migliaia di laghi di tutta la provincia, oltre ad importanti corsi d'acqua come il Red River del Nord, l'Assiniboine, il Nelson, il Winnipeg, l'Hayes, il Whiteshell e il Churchill.

La maggior parte della popolazione del Manitoba abita nel sud. La regione si trova all'interno del letto di un lago glaciale preistorico: il Lago Agassiz. Il centro-sud della provincia è pianeggiante, con la presenza di poche colline. Tuttavia, vi sono molte zone collinari e rocciose, insieme a molte grandi dune moreniche risultanti dal ritiro dei ghiacciai. Il Monte Baldy è il punto più elevato a 832 m sul livello del mare, e la Baia di Hudson, sulla costa, il più basso al livello del mare. La parte settentrionale del Manitoba si trova all'interno dello Scudo canadese. Gran parte della provincia è scarsamente popolata, soprattutto il nord.

Solo nella parte meridionale della provincia è presente un'agricoltura di tipo estensivo con allevamenti bovini e coltivazioni cerealicole e dei semi oleosi. Il Manitoba possiede circa il 12% dei terreni agricoli canadesi.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Divisioni censuarie del Manitoba.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tre differenti tribù nativo americane abitavano la regione dell'odierno Manitoba prima dell'arrivo degli europei. I Cree, gli Assiniboines e gli Ojibway. I primi erano a loro volta suddivisi in tre sottogruppi, ognuno con un loro differente dialetto e aspetti culturali peculiari; gli Swampy Cree, i Wood Cree e i Plain Cree. Le tribu degli Assiniboines erano alleate a quelle dei Cree. Schematicamente i Chippewya popolavano i territori più settentrionali, i Wood Cree i boschi centro-meridionali, i Plains Cree e gli Assiniboines l'area Sud-Occidentale e gli Objiwa le pianure Sud-Orientali.
I primi europei a giungere nell'odierno Manitoba furono i membri di una spedizione inglese guidata da Thomas Button nel 1612. Sbarcati sulle coste di fronte alla Baia di Hudson passarono l'inverno tra il 1612 e il 1613 sull'estuario del Fiume Nelson, rivendicando la regione per la corona britannica.
Successivamente un altro equipaggio, guidato da Luke Foxe e Thomas James, sbarcò sulle coste del Manitoba nel 1631.

Nel 1670 il re Carlo II cedette i diritti di commercio e amministrazione di questi territori alla Compagnia della Baia di Hudson. Essi entrarono a far parte dell'immenso territorio conosciuto come Terra di Rupert. Fra gli anni ottanta e novanta del 1600 britannici e francesi costituirono molte stazioni commerciali nella regione, ma questa vicinanza rappresentò ragione di conflitto e tensione crescente fra le due potenze coloniali.
Nel 1690 la Compagnia della Baia di Hudson inviò Henry Helsey ad esplorare le regioni meridionali del Manitoba, nella speranza che questi riuscisse a convincere alcune tribù native, che vivevano principalmente di caccia ai bisonti, ad iniziare un primo commercio di pellame.

Nel 1731 Pierre Gaultier de Varennes, al comando di una spedizione composta da trafficanti e commercianti di pelli, partì da Montréal verso l'entroterra canadese, diretto verso le coste sull'Oceano Pacifico. Durante il suo percorso costruì diversi forti, soprattutto nella regione del Lago Superiore e del fiume Saskatchewan, e passò attraverso la regione meridionale del Manitoba. In queste terre fondò Fort Rouge nel 1738, nell'area dove oggi sorge Winnipeg. Varennes si preoccupò anche di stabilire relazioni amichevoli con le tribù native, per favorirne i commerci di pellame.

Nel 1763, dopo la sconfitta francese nella Guerra franco-indiana, la Francia si vide costretta a cedere la regione ai britannici. In conseguenza, per un periodo se pur breve, la Compagnia della Baia di Hudson usufruì di un monopolio commerciale nell'area che venne interrotto solo con la costituzione della Compagnia del Nord-Ovest negli anni '70 del 1700, ricostituita poi nel 1784 in seguito al suo fallimento. Nella sostanza la Compagnia della Baia di Hudson pur mantenendo il controllo amministrativo del territorio, per decreto del governo del Regno Unito, era obbligata a consentire alla Compagnia del Nord-Ovest ad operare nella sua giurisdizione.

Nel 1811 la Compagnia della Baia di Hudson assegnò il controllo di un'ampia regione – 260.000 km² – a Thomas Douglas. Negli anni immediatamente successivi in tale regione, compresa fra l'attuale Manitoba, il Saskatchewan, il Minnesota e il Nord Dakota e conosciuta con il nome di Colonia di Red River, Douglas favorì l'insediamento di numerosi coloni, prevalentemente di origine scozzese e irlandese, per poter dar sviluppo allo sfruttamento agricolo.

Sfortunatamente le ripetute piogge, le forti nevicate e le intense gelate compromisero i raccolti, e questo comportò un periodo di carestia. Gli alimenti iniziarono a scarseggiare e la situazione si aggravò quando nel 1815 la Compagnia della Baia di Hudson impedì ai nativo-americani di commerciare con la rivale Compagnia del Nord-Ovest che possedeva importanti basi operative nella parte Settentrionale della Colonia di Red River e dove tra l'altro si erano insediati principalmente i nuovi coloni.
La situazione precipitò quando la tribù dei Métis, alleata alla Compagnia del Nord-Ovest, attaccò i coloni di Red River. I Métis erano discendenti di popolazioni nativo americane e coloni europei, in prevalenza di lingua francese, che avevano come principale fonte di sostentamento il commercio di prodotti alimentare con la Compagnia del Nord-Ovest. Punto culminante fu la Battaglia di Seven Oaks che si concluse con la vittoria dei Métis, ma le ostilità continuarono fino al 1821, cioè fino a quando le due compagnie rivali si fusero.

Nel 1869 la Gran Bretagna cedette i territori controllati dalla Compagnia della Baia di Hudson al governo del Canada (la Confederazione canadese era nata solo due anni prima, nel 1867 quando la colonia britannica del Canada, il Nuovo Brunswick e la Nuova Scozia si unirono in un unico paese) e con essi anche i territori dell'odierna provincia del Manitoba.
Le popolazioni Métis non videro di buon grado questa fusione, perché temevano l'assimilazione alla cultura anglofona che si preannunciava inevitabile. Nel 1869 Louis Riel guidò una rivolta a Fort Gary (l'attuale Winnipeg) che durò fino al 1870 e prese il nome di Ribellione di Red River. In quell'anno il governo canadese, nel tentativo di porre fine alla rivolta cedette ai Métis una Carta dei Diritti all'interno del Manitoba Act che nella sostanza creava il Manitoba. Anche se corrispondeva a solo il 5,6% dell'attuale territorio localizzato nell'area Sud-Est, il 15 maggio 1870 il Manitoba divenne la quinta provincia canadese

1871 - 1912[modifica | modifica wikitesto]

Con l'elevazione al rango di provincia, il Manitoba, iniziò ad attrarre un gran numero di nuovi coloni dalle altre regioni canadesi, e il rischio di assimilazione culturale dei Métis divenne sempre più pressante e attuale. In un lasso di tempo brevissimo, tra il 1871 e il 1881 la popolazione raddoppiò, passando da 25.228 a 68.260, e maggioritaria divenne la cultura anglofona. Il governo del Manitoba revocò molti dei diritti concessi con il Manitoba Act ai Métis. Fra le principali garanzie vi era l'accesso all'educazione in francese, ma questa lingua venne fatta passare in secondo piano negli istituti e nelle scuole della provincia. Conseguenza diretta fu che un gran numero di Métis decise di emigrare verso Ovest, verso gli attuali Saskatchewan e Alberta.

Sul finire dell'Ottocento l'agricoltura divenne la fonte primaria della ricchezza della provincia, soprattutto per la coltivazione del grano. Il cereale divenne prodotto d'esportazione, soprattutto verso gli Stati Uniti, tanto che nel 1878 venne inaugurata una linea ferroviaria che collegava Winnipeg con Saint Paul nel Minnesota. Nel 1886, con il completamento della linea ferroviaria transcontinentale che collegava le città dell'Est canadese con Vancouver, Winnipeg divenne snodo ferroviario di primaria importanza, e questo favorì ulteriormente l'economia agraria che giovò dei nuovi collegamenti viari per i prodotti da esportare.

Dal 1871 i limiti territoriali del Manitoba furono gradualmente estesi, verso Nord e verso Ovest. La provincia raggiunse l'attuale dimensione nel 1912.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Andamento demografico del Manitoba Fonte: Statistics Canada[5]
Anno Abitanti
1871 25 228
1881 62 260
1891 152 506
1901 255 211
1911 461 394
1921 610 118
1931 700 139
1941 729 744
1951 776 541
Anno Abitanti
1961 921 686
1966 963 066
1971 988 247
1976 1 021 506
1981 1 026 241
1986 1 071 232
1991 1 091 942
1996 1 113 898
2001 1 119 583


Città[modifica | modifica wikitesto]

Il Parlamento a Winnipeg

Il Manitoba possiede un'unica grande città: Winnipeg, che è anche capitale provinciale. Nessun altra cittadina supera i 50.000 abitanti. Di seguito sono riportate in ordine di grandezza le prime 10 città.

Le Città Pop. 2001 Pop. 1996
Winnipeg 619.544 618.447
Brandon 39.716 39.175
Thompson 13.256 14.385
Portage la Prairie 12.976 13.077
Springfield 12.602 12.162
Hanover 10.789 9.833
St. Andrew 10.695 10.144
Selkirk 9.752 9.881
Steinbach 9.227 8.478
St. Clements 9.115 8.516


Sport[modifica | modifica wikitesto]

Hockey su ghiaccio[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1972 al 1996 sono esistiti i Winnipeg Jets, divenuti poi i Phoenix Coyotes. Dal 2011 è nata una nuova squadra, anch'essa chiamata Winnipeg Jets.

Football canadese[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda lo sport, il Manitoba ha un team rappresentativo che gioca nella Canadian Football League, la lega professionistica del Football canadese: il Winnipeg Blue Bombers.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito ufficiale di Manitoba in inglese
  2. ^ Sito ufficiale di Manitoba in francese
  3. ^ (EN) Canada's population estimates: Table 2 Quarterly demographic estimates, Statistics Canada, 26 marzo 2009. URL consultato il 2 giugno 2010.
  4. ^ (EN) Gross domestic product, expenditure-based, by province and territory, Statistics Canada, 10 novembre 2009. URL consultato il 2 giugno 2010.
  5. ^ Statcan - Popolazione del Manitoba

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Canada Portale Canada: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Canada