Monster in my pocket

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Monster in my pocket è una catena di franchising affiliata alla ditta americana Mattel, produttrice di diversi prodotti per bambini e collezionisti incentrati sul tema dei mostri, intesi come creature mitologiche e del folklore. Tali prodotti comprendevano giocattoli, figurine, fumetti, videogiochi e, sull'onda del successo di questi, anche linee di abbigliamento e di accessori. In Italia, comunque, il nome viene solitamente associato alla sola linea di giocattoli, di gran lunga la più nota, che venne commercializzata in Italia nei primi anni novanta.

I giocattoli[modifica | modifica wikitesto]

I giocattoli dei Monster divenuti all'epoca piuttosto famosi anche grazie ad una campagna pubblicitaria televisiva Si trattava di una serie di piccole action-figure (pupazzetti statici, privi di parti snodate e mobili), rappresentanti mostri ed altri personaggi dell'immaginario . Nel mercato anglosassone vennero prodotte undici serie, per un computo totale di oltre 200 personaggi; non tutti, però vennero commercializzati in Italia. Ogni "monster" aveva anche una card associata che ne raccontava la storia e le caratteristiche fisiche. I personaggi più celebri della collezione erano ispirati a mostri come "l'uomo lupo", "lo zombie", "il vampiro", lo "yeti", ma vi si ritrovavano anche creature meno famose come la manticora, il pesce monaco, Baba Jaga, Jenny Dentiverdi ed il Tengu.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]