Coatlicue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua della dea Coatlicue, esposta presso il Museo nazionale di antropologia di Città del Messico

Coatlicue ("veste di serpenti"), secondo la mitologia azteca, era la dea del fuoco e della fertilità, madre delle stelle del sud. Era sorella di Chimalman e Xochitlicue[1]. Coatlicue fu resa feconda da una sfera piumata. I suoi figli (compreso Coyolxauhqui) la uccisero, ma Huitzilopochtli (il figlio che aveva in grembo) fuoriuscì dal suo ventre. Huitzilopochtli uccise i suoi fratelli e sorelle, compreso Coyolxauhqui. A seconda delle fonti, il padre di Huitzilopochtli sarebbe Mixcoatl. Secondo una versione del mito, Coatlicue partorì da vergine Quetzalcoatl e Xolotl; secondo un'altra versione, Quetzalcoatl sarebbe invece figlio di Chimalman[2].

Il 13 agosto 1790, nella piazza principale di Città del Messico, fu rinvenuta una statua della dea in ottime condizioni. Oggi questo reperto è custodito presso il Museo nazionale di antropologia di Città del Messico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Otilia Meza, El Mundo Mágico de Los Dioses del Anáhuac, Editorial Universo México, 1981
  2. ^ David Carrasco, Quetzalcoatl and the Irony of Empire, The University of Chicago Press, 1982

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]