Miss USA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'altro principale concorso di bellezza statunitense, vedi Miss America.
Miss USA
Miss USA
Miss USA
Tipo Concorso di bellezza
Fondazione 1950
Sede centrale Stati Uniti New York
Sito web
un momento della finale di Miss USA 2004.

Miss USA è un concorso di bellezza femminile che si tiene annualmente dal 1952, e nel quale viene eletta la rappresentante statunitense per Miss Universo. Miss Universe Organization si occupa di entrambi i concorsi, oltre che di Miss Teen USA.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il concorso Miss USA fu concepito nel 1950, quando Yolande Betbeze, vincitrice di Miss America rifiutò di posare per della pubblicità in costume da bagno. Lo sponsor del concorso Catalina decisero di togliere la propria sponsorizzazione dall'evento, e creare un nuovo concorso di bellezza.[1] Presto si unirono altri sponsor per il concorso: la ITT Corporation, sussidiaria della Gulf+Western ed il miliardario Donald Trump, che nel 1996 rilevò tutti i diritti del concorso.[2][3]

La prima edizione di Miss USA e Miss Universo si tennero in concorrenza a Long Beach, California nel 1952; la prima vincitrice di Miss USA fu la rappresentante di New York Jackie Loughery.[4] Il primo anno il concorso si svolse con trenta concorrenti, e molti stati non parteciparono per i primi vent'anni del concorso. Dagli anni settanta, ogni stato degli Stati Uniti d'America ha una propria rappresentante per il concorso.

La finale del concorso è stata trasmessa da CBS dal 1963 al 2002,e per molti anni è stata condotta da un personaggio della rete. John Charles Daly ha presentato lo show dal 1963 al 1966, Bob Barker dal 1967 al 1987, Alan Thicke nel 1988, Dick Clark dal 1989 al 1993 e Bob Goen dal 1994 al 1996. Gli indici d'ascolto più alti per il programma si ebbero negli anni ottanta.[5][6][7] Durante gli anni novanta e duemila il pubblico perse interesse nel concorso e si passò da una media di venti milioni di spettatori a circa sette del 20002001.[8] Nel 2002, Donald Trump ha firmato un nuovo contratto con la NBC, vendendo metà della proprietà dei concorsi Miss USA, Miss Universo e Miss Teen USA e cedendo loro le trasmissioni per un contratto iniziale di cinque anni.[9] Il concorso è stato trasmesso per la prima volta dalla NBC nel 2003.

Storicamente, la vincitrice del titolo di Miss USA ha rappresentato gli Stati Uniti nella manifestazione sorella Miss Universo. Dal suo inizio al 2008, sette detentrici del titolo di Miss USA hanno vinto anche il titolo di Miss Universo. A metà anni sessanta, fu stabilito che quando una Miss USA vinceva il titolo di Miss Universo, la seconda classificata ereditava il titolo di Miss USA per il resto dell'anno. Questo è accaduto nel 1980, 1995 e 1997.[10][11] Nel 1967, la seconda classificata rifiutò il titolo e la corona di Miss Usa passò alla terza classificata Cheryl Patton. L'unica volta che una seconda classificata assunse il titolo di Miss USA, prima di questo periodo fu nel 1957 quando Mary Leona Gage fu squalificata in quanto si scoprì che all'epoca del concorso era sposata.[12]

Concorso[modifica | modifica sorgente]

A differenza del concorso Miss America, a Miss USA non vengono in alcun modo valutati i talenti delle partecipanti. Le ragazze partecipanti devono soltanto sfilare in abito da sera e costume da bagno, e sono sottoposte ad una intervista.[13] L'edizione del 2010 ha suscitato polemiche per aver mostrato fotografie delle concorrenti in abiti succinti e pose ammiccanti.[14]

Attualmente il concorso consiste in una competizione preliminare, tenuta la settimana precedente alla finale, in cui le concorrenti vengono giudicate in costume, abito da sera ed intervistate. Le semifinaliste selezionate vengono annunciate durante la diretta della finale. Nel corso della serata le semifinaliste vengono nuovamente esaminate in vari abbigliamenti e vengono progressivamente dimezzate. Le finaliste vengono annunciate alla fine della trasmissione. I giudici per la finale sono normalmente differenti da quelli che hanno giudicato durante la fase preliminare. Dal 2001 la fase delle interviste è stata limitata alle sole cinque finaliste.

Albo d'oro[modifica | modifica sorgente]

Alyssa Campanella, Miss USA 2011
Kristen Dalton, Miss USA 2009
Crystle Stewart, Miss USA 2008
Rachel Smith, Miss USA 2007
Tara Conner, Miss USA 2006
Chelsea Cooley, Miss USA 2005
Shandi Finnessey, Miss USA 2004
Susie Castillo, Miss USA 2003
Shauntay Hinton, Miss USA 2002
Kandace Krueger, Miss USA 2001
Michelle Royer, Miss USA 1987
Julie Hayek, Miss USA 1983
Anno Miss USA Città Stato Età Altezza Piazzamento a Miss Universo Note
1952 Jackie Loughery Brooklyn New York 21 Semifinalista
1953 Myrna Hansen[15] Chicago Illinois 17 5'7" Seconda classificata
1954 Miriam Stevenson[16] Winnsboro Carolina del Sud 21 5'6" Vincitrice
1955 Carlene King Johnson[17] Rutland Vermont 22 5'8" Semifinalista Morta all'età di 35 anni per complicazioni legate al diabete[18]
1956 Carol Morris[19] Ottumwa Iowa 20 5'7" Vincitrice
1957 Mary Leona Gage Glen Burnie Maryland 18 5'9" Squalificata Gage fu squalificata durante il concorso perché si scoprì che era sposata.[20]
1957 Charlotte Sheffield[21] Salt Lake City Utah 20 Prese il posto di Mary Leona Gage come Miss USA 1957, dopo che questa fu squalificata.[20]
1958 Eurlyne Howell[22] Bossier City Louisiana 18 5'6" Quarta classificata
1959 Terry Huntingdon[23] Mount Shasta California 19 5'6" Terza classificata
1960 Linda Bement[24] Salt Lake City Utah 18 5'6 Vincitrice
1961 Sharon Brown[25] Minden Louisiana 18 5'7" Quinta classificata
1962 Macel Leilani Wilson Honolulu Hawaii 18 Semifinalista
1963 Marite Ozers Chicago Illinois 19 Semifinalista
1964 Bobbie Johnson Alexandria, VA Washington 19 Semifinalista
1965 Sue Ann Downey Columbus Ohio 20 Terza classificata
1966 Maria Remenyi El Cerrito California 20 5'6" Semifinalista
1967 Sylvia Hitchcock Miami Alabama 21 5'7" Vincitrice
1967 Cheryl Patton Miami Florida 18
1968 Dorothy Anstett Kirkland Washington 20 5'9" Quinta classificata
1969 Wendy Dascomb Metairie Virginia 19 5'9" Semifinalista
1970 Deborah Shelton Norfolk Virginia 21 5'8" Seconda classificata
1971 Michele McDonald Butler Pennsylvania 18 5'8" Semifinalista
1972 Tanya Wilson Honolulu Hawaii 21 5'8" Semifinalista
1973 Amanda Jones Evanston Illinois 22 5'8" Seconda classificata
1974 Karen Morrison St. Charles Illinois 19 5'11" Semifinalista
1975 Summer Bartholomew Merced California 23 Terza classificata
1976 Barbara Peterson Edina Minnesota 22
1977 Kimberly Tomes Houston Texas 21 5'8" Semifinalista
1978 Judi Andersen Honolulu Hawaii 20 5'9" Seconda classificata
1979 Mary Therese Friel Pittsford New York 20 5'7 1/2" Semifinalista
1980 Shawn Weatherly Sumter Carolina del Sud 20 5'8" Vincitrice
1980 Jineane Ford Gilbert Arizona 20 5'9"
1981 Kim Seelbrede Germantown Ohio 20 5'7" Semifinalista
1982 Terri Utley Cabot Arkansas 20 5'8" Quinta classificata
1983 Julie Hayek Westwood California 22 5'10" Seconda classificata
1984 Mai Shanley Alamogordo Nuovo Messico 21 5'7" Semifinalista
1985 Laura Martinez-Herring El Paso Texas 21 5'7" Semifinalista
1986 Christy Fichtner Dallas Texas 23 5'8" Seconda classificata
1987 Michelle Royer Keller Texas 21 5'11" Terza classificata
1988 Courtney Gibbs Fort Worth Texas 21 5'9" Top 10 Semifinalista
1989 Gretchen Polhemus Fort Worth Texas 23 5'11 1/2" Terza classificata
1990 Carole Gist Detroit Michigan 20 6'0" Seconda classificata
1991 Kelli McCarty Liberal Kansas 21 5'6" Top 6 Finalist
1992 Shannon Marketic Malibu California 21 5'7" Top 10 Semifinalista
1993 Kenya Moore Detroit Michigan 22 5'10" Top 6 Finalist
1994 Lu Parker Charleston Carolina del Sud 25 5'10" Top 6 Finalist
1995 Chelsi Smith Deer Park Texas 21 5'8" Vincitrice
1995 Shanna Moakler New York New York 20 5'8"
1996 Ali Landry BBreaux Bridge Louisiana 22 5'9" Top 6 Finalist
1997 Brook Mahealani Lee Pearl City Hawaii 26 5'7" Vincitrice
1997 Brandi Sherwood Boise Idaho 26 5'7"
1998 Shawnae Jebbia Boston Massachusetts 26 5'9" Finalista
1999 Kimberly Pressler Franklinville New York 21 5'6"
2000 Lynnette Cole Columbia Tennessee 22 5'8" Finalista
2001 Kandace Krueger Austin Texas 24 5'11" Terza classificata
2002 Shauntay Hinton Starkville Washington 23 5'7"
2003 Susie Castillo Lawrence Massachusetts 23 5'8" Semifinalista
2004 Shandi Finnessey Florissant Missouri 25 5'11" Seconda classificata
2005 Chelsea Cooley Charlotte Carolina del Nord 21 5'7" Finalista
2006 Tara Conner Russell Springs Kentucky 20 5'5" Quinta classificata
2007 Rachel Smith Clarksville Tennessee 21 5'11" Quinta classificata
2008 Crystle Stewart Missouri City Texas 26 5'9" Top 10 Finalist
2009 Kristen Dalton Wilmington Carolina del Nord 22 5'7" Finalista
2010 Rima Fakih Dearborn Michigan 24 5'8"
2011 Alyssa Campanella Manalapan New Jersey 21 5'8" Top 16
2012 Olivia Culpo Cranston Rhode Island 20 5'7"
Nana Meriwether Maryland Rhode Island 27 6'0" Non ha partecipato Ha preso il posto di Olivia Culpo, dopo che questa è diventata Miss Universo.
2013 Erin Brady East Hampton Connecticut 26 5'8" Top 10
2014 Nia Sanchez Nevada Sacramento 24 5'6" TBA

Stati partecipanti per numero di vittorie[modifica | modifica sorgente]

Numero di vittorie per stato.
Stato Titoli Anni delle vittorie
Texas 9 1977 1985 1986 1987 1988 1989 1995← 2001 2008
California 6 1959 1966 1975 1983 1992 2011
New York 4 1952 1979 1995^ 1999
Hawaii 4 1962 1972 1978 1997←
Illinois 4 1953 1963 1973 1974
Michigan 3 1990 1993 2010
Louisiana 3 1958 1961 1996
South Carolina 3 1954← 1980← 1994
North Carolina 2 2005 2009
Tennessee 2 2000 2007
Massachusetts 2 1998 2003
Washington 2 1964 2002
Ohio 2 1965 1981
Virginia 2 1969 1970
Utah 2 1957~ 1960←
Rhode Island 1 2012
Kentucky 1 2006
Missouri 1 2004
Idaho 1 1997^
Kansas 1 1991
Nuovo Messico 1 1984
Arkansas 1 1982
Arizona 1 1980^
Minnesota 1 1976
Pennsylvania 1 1971
Washington 1 1968
Alabama 1 1967←
Florida 1 1967^
Maryland 1 1957 (Detronizzata)
Iowa 1 1956←
Vermont 1 1955

Vincitore anche del titolo di Miss Universo

^ La seconda classificata prese il posto di Miss USA, quando questa vinse il titolo di Miss Universo. Nel 1967, dopo che Miss USA vinse anche il titolo Miss Universe, la terza classificata ereditò il titolo di Miss USA dopo che la seconda aveva rifiutato.

~ Rimpiazzo della detronizzata Miss USA

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jenny Deam, There she goes...Miss America Once queen of the airwaves, beauty pageant is left homeless, Denver Post, 11 ottobre 2005, p. F01.
  2. ^ Gulf+Western Industries announces reorganization plan, PR Newswire, 12 marzo 1985.
  3. ^ Associated Press, Trump buys Miss Universe, two other beauty pageants, The Globe and Mail, 24 ottobre 1996, p. B14.
  4. ^ Marisa Colon, Long Beach, Calif., Consultant Coaches Beauty Contestants, Press-Telegram, 28 maggio 1999.
  5. ^ Associated Press, U.S. pulchritude tops TV charts, The Globe and Mail, 21 maggio 1980, p. P15.
  6. ^ Associated Press, Pageant tops Nielsen ratings, The Globe and Mail, 19 maggio 1982, p. P15.
  7. ^ Associated Press, Beauty pageant most-watched show, The Globe and Mail, 18 maggio 1983, p. P15.
  8. ^ Lisa de Moraes, There She Goes: Pageants Move to NBC, Washington Post, 22 giugno 2002.
  9. ^ Trump moves pageants from CBS to NBC, St. Petersburg Times, 22 giugno 2002, p. 2B.
  10. ^ Janis Froelich, News anchor shuns beauty queen past, St. Petersburg Times, 27 ottobre 1989, p. 1D.
  11. ^ USA Sherwood, Associated Press, 18 maggio 1997.
  12. ^ Lisa de Moraes, Are Trump's Beauties at Home With the Camera? They'll Have to Be, Washington Post, 21 giugno 2007, p. C07.
  13. ^ Beauty business – as usual;Miss USA contest fights the blemishes, USA Today, 1º marzo 1988, p. 01D.
  14. ^ Miss USA Photos Sizzle - Slideshow Shows Off Contestants in National Ledger, 9 maggio 2010. URL consultato il 12 maggio 2010.
  15. ^ Chicagoan Named Miss US, Spokane Daily Chronicle, 16 luglio 1953, p. 6.
  16. ^ Associated Press, Dixie Beauty Picked as "Miss Universe", The Miami News, 24 luglio 1954, p. 1.
  17. ^ Associated Press, Miss Vermont is Miss USA, The Nashua Telegraph, 21 luglio 1955, p. 16.
  18. ^ Pageant officials search for missing beauty queens, The Bryan Times, 19 maggio 1986.
  19. ^ Iowa Girl acclaimed as "Miss Universe", Tri City Herald, 22 luglio 1956, p. 2.
  20. ^ a b MANNERS & MORALS: Stairway to the Stars, Time, 29 luglio 1957.
  21. ^ Beauty Named 1957 Miss USA, Sarasota Journal, 18 luglio 1957.
  22. ^ Louisiana Lovely Chosen Miss US, The Miami News, 24 luglio 1958, p. 1.
  23. ^ Coed Named Miss USA, Reading Eagle, 23 luglio 1959, p. 6.
  24. ^ Utah Beauty Named New Miss USA, Daytona Beach Morning Journal, 8 luglio 1960.
  25. ^ Louisiana Lass is "Miss USA", The Tuscaloosa News, 14 luglio 1961, p. 1.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]